gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

"Vietato l'ingresso ai bambini": la nuova tendenza arriva in Europa

Anche in Italia, un paese da sempre considerato "family oriented", sta prendendo piede la tendenza americana della "no kids zone", che vieterebbe ai bambini l'ingresso in alcune strutture e locali pubblici

Sono sempre più numerosi gli hotel, i ristoranti, i voli aerei e altri luoghi pubblici che hanno aderito alla "no kids zone". Una tendenza nata negli Usa, e sempre più diffusa a livello globale, che vieterebbe ai bambini l'ingresso in alcune strutture.


No kids: qui i bambini non possono entrare


Il concetto avrebbe trovato terreno fertile tra le famiglie americane dopo l'uscita del libro di Corinne Maier, una bis mamma. Il libro, "Mamma pentita, No Kid. Quaranta ragioni per non avere figli", è diventato un bestseller in poche settimane. Basti pensare che le coppie che non vogliono figli rappresentano un quarto del totale nelle società occidentali. Un dato allarmante che mette in luce un cambio di tendenza tra le famiglie e tra le nuove generazioni. Il desiderio di mettere al mondo un bambino, non va più di moda.


Con la crisi economica niente più figli


I colossi dell'imprenditoria, attenti alle esigenze dei loro potenziali clienti, hanno quindi analizzato questo fenomeno e hanno risposto creando zone childfree. Ad esempio sono sempre più diffusi i voli dove i bambini non sono graditi. E anche nei paesi, notorialmente più attenti alle esigenze dei bambini, come quelli del nord Europa, è sempre più frequente trovare ristoranti ed hotel dove i bambini sono banditi. E ancora più preoccupante è che si tratta di strutture dove spesso non è facile trovare posto.


Ryanair lancia i voli senza bambini


E anche in Italia, un paese da sempre considerato "family oriented" questa moda ha trovato spazio tra le nuove generazioni e non solo. Secondo l'Ocse, il 24% delle donne natre nel 1965 non ha avuto figli, e dietro questa scelta non ci sono problemi economici come ci verrebbe subito da pensare. A Brescia ad esempio c'è un ristorante off limits per i bambini dopo le ore 21.


vietato-ingresso-bambini-ristoranti




Si tratta della pasticceria-pizzeria Sirani Bagnolo Mella. Troppo chic per lasciare entrare i bambini dei clienti dopo una certa ora. Una regola che è in vigore da ben 7 anni e i proprietari non hanno nessuna intenzione di cambiarla e hanno motivato la loro scelta affermando che i bambini infastidivano i single. Ovviamente non sono mancate le critiche severe sul web che si sono scatenate con commenti negativi alla struttura su Tripadvisor

gpt native-middle-foglia-famiglia
gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0