gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Giornata Mondiale dei diritti delle bambine e delle ragazze

L'11 ottobre si celebra la giornata Mondiale delle bambine e delle ragazze. Un dossier con tutti i numeri delle violenze e delle discriminazioni di cui sono vittime

Giornata Mondiale delle bambine e delle ragazze

L'11 ottobre è la Giornata Mondiale delle bambine e delle ragazze (International Day of the Girl Child). Promossa dalle Nazioni Unite ha lo scopo di sensibilizzare governi e opinione pubblica sulle condizioni, spesso davvero disperate e difficili, nelle quali sono costrette a nascere e crescere le bambine nei Paesi più poveri della Terra.

Per l'occasione diverse Onlus e organizzazioni umanitarie hanno lanciato delle campagne con lo scopo di accendere i riflettori sulla condizione delle piccole donne nel mondo e sui loro diritti negati.

  • Terre des Hommes, Onlus che segue diversi progetti di sostegno ai bambini, con la campagna #Indifesa ha pubblicato un dossier " La condizione delle bambine e delle ragazze nel mondo": 44 milioni di bambine al di sotto dei 14 anni hanno subito mutilazioni genitali. E si stima che 86 milioni di ragazze nate tra il 2010 e il 2015 rischiano di subire una mutilazione genitale entro il 2030. Il Paese dove sono più diffuse è la Somalia (98%), seguono Guinea (96%), Gibuti (93%), Egitto (91%), Eritrea e Mali (89%), Sierra Leone e Sudan (88% ).
  • L'Unicef e le organizzazioni partner hanno sottolineato l'impegno comune per porre fine ai matrimoni precoci – una violazione dei diritti umani fin troppo diffusa, che ha conseguenze su tutti gli aspetti della vita di una bambina. Le stime dell'UNICEF più recenti indicano che globalmente (Cina esclusa) 70 milioni di donne tra i 20 e i 24 anni - circa una su tre - si sono sposate prima dei 18 anni: di queste, 23 milioni si sono sposate addirittura prima di aver compiuto 15 anni. A livello globale, quasi 400 milioni di donne di età compresa tra 20 e 49 anni (oltre il 40%, del totale) si sono sposate in minore età.

La sposa bambina

La Giornata Internazionale delle Bambine e delle Ragazze riflette la necessità di mettere al centro dell'agenda dello sviluppo i diritti delle ragazze - ha dichiarato Anju Malhotra, responsabile della sezione Genere e Diritti all'UNICEF. - Le Nazioni Unite e i suoi partner stanno lavorando congiuntamente per mostrare gli incredibili progressi fatti e per evidenziare le sfide in corso.

Diritto all'istruzione

Le bambine rappresentano più della metà del totale dei bambini che non possono andare a scuola. Ci sono alcuni elementi che incidono sulla frequenza scolastica delle ragazze: ad esempio la presenza dei bagni negli istituti scolastici. Una ricerca dell’Unesco calcola che nelle regioni rurali africane una ragazza su dieci resta a casa dai 4 ai 5 giorni durante il ciclo a causa della mancanza di assorbenti e di servizi igienici adeguati. L’83% delle ragazze del Burkina Faso e il 77% delle studentesse in Niger, ad esempio, non hanno bagni in cui cambiarsi. E' fondamentale e necessario favorire alle bambine che vivono in Paesi poveri l'accesso e il diritto all'istruzione, perché solo attraverso un percorso educativo e scolastico adeguato potranno costruirsi un futuro libero da discriminazioni e conflitti.

Lavoro minorile

Sono circa 30 milioni secondo le stime dell'Ilo, le bambine e le ragazze impegnate e sfruttate in attività pericolose. Il settore agricolo è quello in cui la manodopera è formata principalmente da piccole donne. Un recente rapporto ha denunciato lo sfruttamento di almeno 200.000 bambini al di sotto dei 14 anni - tre quarti dei quali femmine - in India, soprattutto negli stati del Andhra Pradesh, Telangana, Gujarat, Tamil Nadu, Karnataka e Rajashtan.

Anche l'Unicef ha stilato un rapporto sul lavoro minorile e risulterebbe che bambine tra i 5 e i 14 anni anni son occupate il 40% in più del tempo, rispetto ai coetanei maschi, in lavori domestici non pagati e più faticosi e nella raccolta di acqua e legna. I paesi in cui le ragazze tra i 10 e i 14 anni subiscono in maniera sproporzionata il peso delle faccende domestiche rispetto ai ragazzi sono: Burkina Faso, Yemen e Somalia. Inoltre spesso le bambine hanno responsabilità che non permettono loro di vivere l'infanzia: spesso vengono trattate come adulte e viene richiesto loro di occuparsi della famiglia, compresi altri bambini.

La Giornata Mondiale delle bambine è un'iniziativa necessaria per sottolineare l'importanza di rispettare i diritti delle bambine e ricordare tutte le brutalità di cui sono protagoniste: l'orrore della prostituzione, la tratta minorile, lo sfruttamento, gli stupri, le violenze, i matrimoni combinati e tutte le realtà nascoste che vedono minato il diritto all'infanzia

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0