gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Bambini in ufficio con i genitori

/pictures/20150522/bambini-in-ufficio-con-i-genitori-599776866[1690]x[704]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-famiglia

Ogni anno centinaia di aziende italiane aprono le porte ai bambini per mostrare dove lavorano mamma e papà

Bimbi in ufficio con mamma e papà

Per i bambini, soprattutto quelli più piccoli, dover salutare ogni giorno mamma e papà perchè devono andare in ufficio può essere motivo di tristezza.

Difficile per loro capire l’importanza del lavoro sia per le finanze della famiglia che per la realizzazione personale dei genitori. E per molti "l’ufficio” è il loro nemico numero uno. Quel luogo misterioso e sconosciuto dove mamma e papà preferiscono andare ogni giorno per parecchie ore invece di stare accanto a loro.

Il 22 maggio è la Giornata dei Bimbi in ufficio con mamma e papà, un’iniziativa nata ormai 21 anni fa per volontà del  Corriere della Sera/Corriere Economia in collaborazione con La Stampa che invita le aziende ad aprire le porte ai figli dei loro dipendenti e a trasformare l’azienda e gli uffici a misura di bambini

I figli non sono un ostacolo ma un'opportunità per tutti, portiamoli un giorno all'anno a vedere dove lavorano i propri genitori. Fa bene ai bambini ma soprattutto alle aziende

ha raccontato a Fabio Volo, durante la sua trasmissione Il Volo del Mattino su radio Deejay, il giornalista Walter Passerini, promotore dell’iniziativa che è volta anche a sensibilizzare sul problema dell'occupazione femminile:

le donne sono le prime vittime della crisi, stanno lasciando i posti di lavoro, bisogna tornare a investire su di loro

Quest’anno il Corriere spiega che hanno aderito alla giornata Bimbi in ufficio con mamma e papà 250 imprese italiane di ogni genere.

Gli organizzatori invitano tutte le aziende, le associazioni, gli studi professionali ad aderire a questo progetto, scegliendo anche una data diversa dal 22 maggio. L’importante è dedicare ai bambini una giornata lavorativa, organizzando merende e forme di intrattenimento.

Qualche idea?  Heinz (brand Plasmon) ha organizzato uno spettacolo, Ceva una lettura di fiabe animate, Emporio ADV dei laboratori creativi. Ma l’obiettivo principale è quello di far conoscere ai bambini i luoghi dell’azienda, le dinamiche del lavoro, per offrirgli una fotografia di cosa fanno i loro genitori quando sono a lavoro. Ad esempio Ikea Italia aderisce alla giornata ormai da 15 anni con una formula che è stata addirittura esportata in Portogallo.

La festa si svolge in tutti i nostri 21 punti vendita italiani con la formula diversa da quella studiata per l’ufficio. I giochi? Sono stabiliti in maniera indipendente da ogni negozio, ma il momento più apprezzato è la visita della zona non commerciale, il dietro le quinte

spiega Cinzia Gibbin, responsabile della comunicazione interna di Ikea.

Figlio mio, ecco perchè lavoro

Un’iniziativa che non delude nessuno, né l’azienda né i dipendenti e nemmeno i bambini. Tutt’altro, è un momento che molti aspettano con gioia e che viene ricordato per il resto dell’anno.

Affinio, ad esempio, ha allestito una parete dove tutti i dipendenti e i familiari possono lasciare l’impronta della mano colorata. E British Telecom Italia produce i calendari 2016 con i disegni realizzati dai suoi 250 bambini durante la festa, calendari tutti diversi con tantissimi disegni dei bambini, che poi vengono venduti per devolvere il ricavato ad una onlus di bambini autistici

  • Per info e adesioni: 02.20400332, bimbinufficio2015@rcs.it
gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0