gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Cittadinanza italiana ai figli di immigrati che nascono in Italia

C'è chi dice no. E qualche voce contraria scatena il dibattito

Tempo fa il Presidente Giorgio Napolitano aveva espresso il suo parere favorevole a dare la cittadinanza italiana a tutti i bambini nati in Italia, anche se figli di immigrati ancora senza permesso di soggiorno.
Si tratta di promuovere lo ius soli, il diritto di dare la cittadinanza a tutti quelli che nascono in Italia.


LEGGI ANCHE: IMMIGRAZIONE, IL DRAMMA DEI BAMBINI NON ACCOMPAGNATI



Oggi per i bambini la cittadinanza italiana non prevede il diritto di suolo, ma solo quello di sangue (ius sanguinis), cioè il diritto ad essere cittadino italiano soltanto se i genitori lo sono già.

A rispondere picche all'invito da aprte del Presidente Napolitano sono stati, naturalmente, eminenti esponenti della Lega e altri politici, ma ciò che ha sorpreso l'opinione pubblica è stato il commento di Beppe Grillo che sul suo blog ha scritto così: "La cittadinanza a chi nasce in Italia, anche se i genitori non ne dispongono, è senza senso. O meglio, un senso lo ha. Distrarre gli italiani dai problemi reali per trasformarli in tifosi.
Da una parte i buonisti della sinistra senza se e senza ma che lasciano agli italiani gli oneri dei loro deliri. Dall'altra i leghisti e i movimenti xenofobi che crescono nei consensi per paura della "liberalizzazione" delle nascit
e".


LEGGI ANCHE: MANTOVA, ALL'ASILO SOLO SE SEI DI RELIGIONE CRISTIANA


Tali affermazioni hanno suscitato serie critiche nell'ambito del Movimento 5 stelle e dure critiche sono arrivate proprio attraverso i commenti al post di Grillo.

E voi cosa ne pensate? Siete daccordo a dare la cittadinanza italiana ai bambini figli di immigrati che nascono in Italia?
   
gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0