gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Bambini maltrattati: una campagna per aiutarli

Il CAF, Centro Aiuto al Bambino maltrattato e alla Famiglia in crisi, lancia una campagna di SMS solidale

Il CAF, Centro di Aiuto al Bambino maltrattato e alla Famiglia in crisi, lancia una campagna di SMS solidale per aiutare i bambini sottoposti ad abusi e maltrattamenti. In Italia, rivela l'associazione Onlus, sono più di settecentomila i bambini che vivono la propria infanzia in una condizione di rischio di abuso o maltrattamento. Il CAF, attivo da oltre un trentennio in Italia, in difesa di questi bambini ha al suo attivo tre Comunità Residenziali che accolgono bambini dai 3 ai 12 anni e ha lanciato una campagna a sostegno delle Comunità che durerà fino al 9 ottobre.
Sarà possibile donare 2 euro con un SMS solidale inviato al numero 45504 da cellulare Tim, Vodafone, Wind, 3, Postemobile, e COOPVoce oppure 2 o 5 euro chiamando da rete fiss ail numero 45504.

La campagna SMS solidale si inserisce nell'ambito delle tante attività che la ONLUS si impegna a fare dal 1979 per aiutare i bambini maltrattati ed è finalizzata a finanziare per un anno le tre Comunità inserite nel CAF: Elfi, Gnomi e Folletti.

Ogni Comunità accoglie bambini di età compresa tra i tre e i dodici anni e offre l'opportunità di seguire un percorso educativo e rieducativo personalizzato sulla base dei problemi individuali, con il supporto di piscologi e psicoterapeuti che valutano i singoli casi e curano i problemi che emergono nel tempo, offrendo sostegno anche alle famiglie d’origine e affidatarie.
Per garantire la realizzazione del miglior sostegno psicopedagogico, l’équipe per ogni Comunità deve essere composta da sette educatori, un coordinatore e uno psicologo. Per le tre Comunità è necessario inoltre il lavoro di un neuropsichiatra, un assistente sociale, due pedagogiste, un pediatra, un logopedista.

 

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0