gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Assegno di maternità dei comuni per il 2014

Quali sono gli aiuti economici previsti dallo Stato per le mamme che non lavorano? Tutte le informazioni sull'assegno di maternità dei comuni per il 2014

Il Bonus Bebè è stato rinnovato anche per il 2014, un aiuto economico importante per le mamme in possesso di un regolare contratto di lavoro. Ma per chi invece non ha un'occupazione, quali sono gli aiuti previsti dallo Stato? Sono molte le mamme che ci hanno chiesto informazioni al riguardo, specchio di un Paese dove la percentuale di disoccupati è in continua crescita.


Bonus bebè 2014: come funziona e come richiederlo


Le mamme non lavoratrici possono fare richiesta dell'assegno di maternità, che può essere concesso dall'Inps o dai Comuni.

L’assegno di maternità, erogato dallo Stato è per le madri che lavorano (o ex lavoratrici) senza diritto ad altri trattamenti di maternità, con almeno tre mesi di contributi nel periodo compreso tra i 9 e i 18 mesi prima del parto, e madri che hanno lavorato almeno tre mesi negli ultimi nove. La domanda va presentata all’Inps anche tramite i patronati. Info su www.inps.it.
Le mamme casalinghe o disoccupate possono chiedere al proprio comune di residenza un contributo entro sei mesi dalla nascita del figlio (o dall’adozione e dall’affidamento). Viene concesso in base a reddito e ampiezza del nucleo famigliare.


In arrivo la social card per le famiglie in difficoltà


Assegno di maternità dei comuni:

E’ un assegno che la madre non lavoratrice può chiedere al proprio Comune di residenza per la nascita del figlio oppure per l’adozione o l’affidamento preadottivo di un minore di età non superiore ai 6 anni (o ai 18 anni in caso di adozioni o affidamenti internazionali). La madre lavoratrice può chiedere l’assegno se non ha diritto all’indennità di maternità dell’Inps oppure alla retribuzione per il periodo di maternità. Se l’importo dell’indennità o della retribuzione è inferiore all’importo dell’assegno, la madre lavoratrice può chiedere al Comune l’assegno in misura ridotta.

REQUISITI

L’assegno di maternità spetta a condizione che i redditi ed i patrimoni posseduti dal nucleo familiare della madre al momento della data della domanda di assegno non superino il valore dell’Indicatore della Situazione Economica (ISE) applicabile alla data di nascita del figlio (ovvero di ingresso del minore nella famiglia adottiva o affidataria). Ai fini della dichiarazione ISE è comunque possibile ricevere opportuna assistenza da parte dei CAF convenzionati con il Comune di residenza.


Assegno di maternità 2013 da stato e comuni per le mamme


COSA SPETTA

Un assegno di importo complessivo pari ad euro 1.545,55* in caso di madre non è lavoratrice. In caso di madre lavoratrice, l’assegno viene pagato per intero se durante il periodo di maternità non spetta l’indennità di maternità dell’Inps oppure la retribuzione; se l’indennità di maternità dell’Inps oppure la retribuzione sono di importo superiore rispetto all’importo dell’assegno, l’assegno viene pagato per la differenza (c.d. quota differenziale). L’assegno spetta per ogni figlio; quindi, in caso di parto gemellare oppure di adozione o affidamento di più minori, l’importo è moltiplicato per il numero dei nati o adottati/affidati.

assegno-maternita-comune-2014



LA DOMANDA

La domanda deve essere presentata al proprio Comune di residenza necessariamente entro sei mesi dalla nascita del figlio o dall’ingresso in famiglia del minore adottato/affidato. In genere, gli uffici dei Comuni rendono disponibili i modelli di domanda che possono essere utilizzati per la richiesta dell’assegno

*L'importo complessivo è indicativo e potrebbe non corrispondere a quello per il 2013/2014

Per quanto riguarda l'assegno di maternità previsto per il 2014 è stato registrato un aumento dell'1,1%. Su base annua si tratta di 1.691,05 euro.


MAGGIORI INFORMAZIONI:
Inps Assegno maternità dei comuni
Inps (Sito istituzionale)

gpt native-middle-foglia-famiglia


gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0