gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

I papà rimarrebbero volentieri a casa col neonato

Uno studio mostra che la maggior parte dei neopadri resterebbe volentieri a casa per un congedo più lungo se le aziende offrissero questa opportunità

CONGEDO DI PATERNITA' - Quando la star del baseball Daniel Murphy ha osato prendersi tre giorni di congedo di paternità, qualche settimana fa, sono fioccate le critiche e le derisioni da parte dei commentatori sportivi che per fortuna furono una minoranza, perchè in tanti invece alzarono gli scudi in difesa della decisione dell'atleta.

LEGGI ANCHE Congedo di paternità, la storia di un papà che ha scelto di restare a casa

Una decisione che sembra essere condivisa da molti neopadri. Almeno se si leggono i risultati di una recente indagine denominata "The New Dad: Take Your Leave" e condotta dal Boston College Center for Work & Family.

"Le aziende che vogliono tenersi i loro migliori talenti e professionisti dovrebbero tener conto del grande cambiamento sociale che si sta registrando in questi anni e del desiderio di questi nuovi padri di avere un ruolo più attivo nella famiglia e che considerano il congedo di paternità come un vantaggio essenziale", ha spiegato il principale autore dell'indagine, Brad Harrington.

LEGGI ANCHE Congedo obbligatorio per i papà e bonus baby-sitter per le mamme

Lo studio mostra che molti padri sarebbero davvero entusiasti di prendere anche fino a 4 settimane di congedo paternità pagato e i dati recenti mostrano un incremento marcato dei papà che scelgono di stare a casa e mettono il lavoro e la carriera in secondo piano.

L'indagine è stata condotta su un campione di 300 aziende e mille padri professionisti e di un livello di istruzione medio-alto. I risultati mostrano che il 99% degli intervistati ritiene che i datori di lavoro dovrebbero offrire congedi di paternità retribuiti e per il 74% 2-4 settimane è il tempo giusto di congedo.


congedo-padri


La quantità media di tempo in cui i neopadri riuscivano a rimanere a casa era di due settimane, mettendo insieme congedo di paternità, giorni di ferie e di malattia.
Quando devono prendere in considerazione una proposta di lavoro l'89% di questi padri considera le politiche aziendali legate al congedo di paternità come un fattore importante per la loro decisione.

L'86% ha detto che avrebbe voluto maggiore tempo da passare col neonato se fosse stato pagato almeno il 70% dello stipendio e il 45% avrebbe preso il congedo pieno se avesse avuto lo stipendio per intero.

LEGGI ANCHE Quando il papà sceglie di restare a casa

Infine il 90% dei padri ha riferito di aver trascorso il proprio congedo paternità a prendersi cura del neonato (e non in vacanza come hanno chiosato alcuni critici di Murphy) e l'80% di essersi occupato di spesa, cucina, pulizia domestica.

"I cambiamenti culturali sono difficili e richiedono tempo per sedimentare, ma stiamo indubbiamente assistendo ad una piccola e progressiva rivoluzione sociale e culturale", ha spiegato Fred Van Deusen, del Boston College Center for Work & Familym, co-autore dello studio.

BAMBINI CON I PAPA'


gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0