gpt
gpt
gpt strip1_gpt-ros-0-0
1 5

Come sono i papà moderni?

/pictures/20160218/come-sono-i-papa-moderni-3920515614[2027]x[846]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-ros-0

In occasione della festa del papà i bambini cominciano a recitare lunghe poesie celebrative. In ognuna di queste si parla di papà sempre occupati, che non hanno mai tempo. Ma come sono i papà moderni in realtà ?

Come sono i papà moderni

In occasione della festa del papà i bambini cominciano a recitare lunghe poesie celebrative. In ognuna di queste si parla di papà sempre occupati, che non giocano con i figli, che non hanno mai tempo e che dovrebbero spegnere il telefono per trascorrere qualche momento di intimità con i bambini.
Ma i papà moderni sono ancora così?

Li vediamo accompagnare i figli a scuola al mattino, li scopriamo intenti a fare la spesa al supermercato, accudiscono i piccoli e cambiano pannolini, sono bravissimi nelle faccende domestiche e sono felici di giocare con la prole. Le poesie per la festa del papà sono rimaste indietro di qualche decennio. E i bambini studiano, per ore, parole astratte che non sono sempre rispondenti alla realtà.

Arriva la Festa del papà: storia e tradizioni

E' finita l'era della mamme che dicevano, dopo una marachella del figlio, in tono minaccioso:”stai attento che lo dico a tuo padre quando torna stasera!” Anzi.
Molto spesso, soprattutto nelle famiglie in cui lavorano entrambi i genitori, il papà assume un ruolo giocoso quando torna a casa alla sera. Questo perché, di solito, la mamma prepara la cena e si occupa di mille altre faccende. Quindi i papà diventano i migliori amici dei bambini piccoli, non più solo figure da temere, rispettare e di cui aver paura.
I papà moderni non hanno timore di abbracciare i bambini, di far loro carezze e coccole, di leggere le favole della buona notte e di stare accanto ai propri figli nell'accudimento giornaliero.

Questo cambiamento del rapporto padre-figli dovrebbe far riflettere sul fatto che, le poesie, adatte alle generazioni precedenti, oggi non sono più così veritiere.
Non sono più solo i papà a lavorare mentre le madri restano a casa a prendersi cura dei bambini, non sono più solo le mamme a detenere il record dei figli “mammoni”.

Molto spesso, infatti, proprio per il fatto che i papà ricoprono un ruolo giocoso, i bimbi vivono questo rapporto in maniera privilegiata. E ora, oltre ai figli mammoni, ci sono anche quelli che fanno fatica a staccarsi dai papà.
E dunque questo lato positivo del cambiamento sociale nell'accudimento della prole dovrebbe essere celebrato anche nelle poesie.

Vorrei una poesia che dicesse così:

Caro papà,
Ogni giorno al mattino tu mi svegli con un bacino
Poi mi abbracci e mi fai alzare
e i dentini ci dobbiamo lavare
Poi a scuola mi accompagni
e saluti i miei compagni
Li conosci tutti quanti Mirko, Luca e Martina
che è sempre birichina
Poi mi vieni a ripigliare
e al parchetto andiamo a giocare
La giornata passa in fretta se gioco con te
felicità per me più grande non c'è
Poi la sera con la mamma ci mettiamo a mangiare
e in un lampo è ora di andare a dormire
Caro papà vorrei dirti che
per me al mondo nessuno è migliore di te.




 

gpt native-bottom-foglia-ros-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-ros-0-0