NAVIGA IL SITO

Wonderlife: quei giorni...

Come organizzarsi nei difficili giorni che vanno dalla fine delle vacanze all'inizio della scuola?

Testo alternativo Vedi le foto:

Asili nido, quando sono chiusi dove vanno i bambini?

Sono il piccolo trauma del rientro. Non le lavatrici, che vanno a rotella smaltendo via via quella piramide di vestiti sporchi che abbiamo portato dal rientro. Non quel vestitino che, vi dite, ‘stirerò domani’ e l’anno dopo ritrovate appallottolato nell’armadio. Non le tarme del cibo che hanno fatto la tana pure nel portasaponetta. E nemmeno i cinquantotto gradi in città con l’asfalto che si scioglie, e al mare vi siete prese la pioggia. Parlo dei giorni prima dell’inizio dell’asilo, quelli in cui voi iniziate a lavorare ma il pupo non va ancora a scuola.

Se avete una scrivania dove tornare, probabilmente da fine giugno è iniziata l’opera di convincimento per la nonna: ‘e dai, che vuoi che sia tenermi il piccolo Attila per due settimane?’. Vedi le foto: Primo giorno di scuola: cosa puoi fare per i tuoi figli Nella migliore delle ipotesi tutto va per il verso giusto ma a metà ottobre si fa ricompensare con una settimana di Spa. Di norma mollate il pupo credendo di riuscire a lavorare e ricevete una chiamata ogni ora ‘dov’è il biberon?’, ‘servirà un golfino?’, ‘ma questo bambino ha il raffreddore?’ etc. etc. Nella peggiore, la vegliarda viene legata come un salame alla sedia per il gioco degli indiani e il piccolo vi viene riconsegnato dalle autorità sulla porta di casa.
Alternativa a chi non ha nonne disponibili: la caccia al campo estivo. Dalle mie parti ce n’è uno molto rinomato che ha addirittura la lista d’attesa. A maggio dovrebbe mettere l’eliminacode fuori dalla porta come in salumeria. Va da sé che non ci riesce ad entrare mai nessuno e, quando incontri una mamma che è riuscita a lasciarci suo figlio, la squadri come fosse uno strano animale esotico.

Niente campo estivo? Sguinzagliate amici e parenti: vi serve una tata brava, e vi serve prima delle altre mamme. Sembra quasi di vederle queste mamme, per strada o al parco, con l’occhio cecchino e la domanda di rito alla prima tata che passa: ‘scusa, per caso hai qualche amica che cerca lavoro?’. Hai vinto se la ragazza che viene a fare il colloquio da te parla almeno cinque parole di italiano ed è nata donna. Un momento: se sei arrivata dopo il 1 settembre hai già vinto se stai facendo un colloquio a qualcuna!

Hai trovato interessante questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Caricamento in corso: attendere qualche istante...

0
Commenti

Chiudi
Aggiungi un commento a Wonderlife: quei giorni......
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori