gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

I momenti tipici in cui ti senti una pessima madre nel suo primo anno di vita

/pictures/2017/04/05/i-momenti-tipici-in-cui-ti-senti-una-pessima-madre-nel-suo-primo-anno-di-vita-4174353281[5225]x[2180]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-famiglia

Il primo anno da mamma è sempre il più difficile: ecco tutti i momenti in cui pensiamo di essere pessime madri, anche se in realtà non lo siamo e stiamo facendo del nostro meglio per occuparci del nostro bambino

Momenti in cui ti senti una pessima madre

Vi siete chiesti perché le feste del primo compleanno sono sempre le più sontuose? Quelle torte meravigliose, quei rinfreschi da sogno non sono per il bambino: sono per la mamma. Una mamma che festeggia se stessa per essere riuscita ad arrivare viva alla fine di 12 lunghissimi mesi, durante i quali la sua sanità mentale è stata messa a dura prova; una mamma che è sopravvissuta a importanti picchi di disperazione durante i quali si è sentita come il peggior genitore di tutti i tempi.

Ecco le principali situazioni in cui ci sentiamo pessime madri nel primo anno di vita dei nostri piccoli (anche se in realtà non siamo veramente pessime madri!).

  • Quando non riusciamo in nessun modo a farlo smettere di piangere

E a un certo punto, ci scappa pure un insulto. Sì, abbiamo appena detto una parolaccia al nostro tesoro adorato, un piccolo esserino innocente che per motivi imperscrutabili, piange ininterrottamente da 20 minuti. Il giorno dopo scopriremo che ha messo il primo dentino, e rivolgeremo quella stessa parolaccia, più e più volte, a noi stesse.

Il decalogo della buona madre
  • Quando decidiamo di tornare a letto anche se lui sta ancora piangendo

E magari chiudiamo pure la porta della sua cameretta nella vana speranza di non sentirlo. A nostra discolpa, sono le quattro e non abbiamo ancora dormito nemmeno un minuto.

  • Quando convochiamo i nostri "aiuti" non per motivi strettamente necessari

Ci vestiamo di tutto punto annunciando che dobbiamo andare dal medico, o dal commercialista, o in qualsiasi altro luogo non possiamo portare il bambino con noi. E poi andiamo in garage, recliniamo il sedile anteriore della macchina e ci mettiamo a dormire.

  • Quando lo salutiamo la prima volta mollandolo al baby parking o al nido

E dentro di noi sentiamo crescere un potentissimo senso di liberazione e pura felicità. Sarà normale?

  • Quando rientriamo al lavoro dopo il congedo di maternità

Solo per il fatto che siamo rientrate al lavoro ci sentiamo persone orribili. Ogni tanto sarebbe bello essere maschi per un giorno.

  • Quando cade dal fasciatoio mentre guardiamo da un’altra parte

Ti guardi allo specchio e dici: ho quasi ucciso il mio bambino. La mia vita non sarà più la stessa.

  • Quando durante lo svezzamento qualche alimento gli provoca una terribile reazione allergica

Idem come sopra.

  • Quando prendiamo la macchina e iniziamo a guidare senza meta...

... Solo per non doverlo tenere in braccio o attaccato al seno per un’oretta.

  • Quando il nostro compagno torna a casa, lo prende in braccio e dice “ha la febbre”

E noi non ce n’eravamo accorte restando tutto il giorno in casa con lui - la settimana successiva gliela proveremo 6 volte al giorno, per sicurezza.

10 momenti in cui ti senti una pessima madre, il video

 

 

 

 

Quali sono i momenti in cui vi siete sentite delle madri orribili durante il primo anno?

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0