gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Le promesse da fare a noi stesse durante queste vacanze estive

/pictures/20150701/le-promesse-da-fare-a-noi-stesse-durante-queste-vacanze-estive-3867862043[2711]x[1131]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-famiglia

Sono iniziate le vacanze con i bambini? Ecco le promesse da fare a noi stesse durante queste vacanze estive

Promesse delle mamme in estate

Ci vuole tempo prima di prendere le misure sullle vacanze con i bambini. Soprattutto i primi anni, solo scegliere la meta sbagliata (o la compagnia sbagliata) può trasformare quello che dovrebbe essere un periodo di riposo e di decompressione in una vera catastrofe che ci vedrà sempre nervose, insofferenti quando non isteriche. Il tempo e l’esperienza, come al solito aiutano. 

  • Prometto di… scegliere le vacanze, sceglierle davvero

La vita di una mamma è costellata di doveri. Invece, le vacanze dovrebbero essere un piacere, giusto? Quindi, ecco, per una volta lasciamo stare il senso del dovere. L’amica che ti chiede di andare con lei in un appartamento sperduto dove ogni giorno per vedere il mare bisogna fare 20 km in auto. I nonni con cui non vai d’accordo ma si sa che le vacanze bisogna passarle con loro. No e ancora no. Per stressarti tanto vale restare in città, no? Quindi, cerca di riflettere e trovare la soluzione che più si confà alle esigenze tue e dei bambini, paramentrandoti con il budget a disposizione. Meglio una settimana in un bed and breakfast nel posto che ti piace, comodo e attrezzato per i bambini, che tre di di stress.

  • Prometto di… rallentare

Arrivati al mare, iniziano i lavori forzati. La sveglia alle 6 del mattino e le corse per arrivare a casa ad un’ora decente; le tirate per rientrare a casa in tempo per preparare il pranzo, perché mangiare in spiaggia tutti i giorni non è sano e poi devono fare il sonnellino; la lotta al minuto durante il suddetto sonnellino per lavare i costumi, fare i bucati e preparare la cena. Stop. Smettiamo di pensare a tutto quello che dobbiamo fare, mentre riflettiamo su come semplificarci la vita: l’obiettivo deve essere quello.

  • Prometto di… mantenere la dignità

E’ molto difficile smettere di correre così, improvvisamente. Fai i salti mortali tutto l’anno e poi decidi di fermarti: arduo, ma necessario. Per esempio, il tipico mamma-pensiero al mare è “non ho tempo di lavarmi, ma fa lo stesso, ho fatto il bagno”. Eh no! Le vacanze sono il momento perfetto per ricominciare a curarci un po’, ma non per gli altri, per noi stesse!

Come regalare ai bambini un’estate in stile anni Settanta
  • Prometto di… mangiare

Che razza di vacanza è se continuiamo a mangiare gli avanzi dei bambini direttamente dai tupperware portati in spiaggia e poi rimessi in frigo? Dormire, mangiare e lavarsi sono diritti inalienabili, almeno in vacanza, a costo di sperperare un po’ del tempo prezioso del sonnellino, mangiamo. Sedute. Roba calda.

  • Prometto di… non iniziare a tramare i propositi del rientro

La modalità multitasking fa talmente parte di noi che mentre laviamo i costumi da bagno la sera, non possiamo fare a meno di pensare che:

  1. meglio mandare una mail al corso di nuoto per l’autunno, chissà mai che sono iniziate le iscrizioni e poi non trovo più posto
  2. ok il pranzo a base di arancini di riso, ma appena torno mi rimetto a dieta
  3. non gli sto dando il fluoro. Da settembre, mai più senza fluoro. Ancora una volta: no, no e poi no.
  • Prometto di… godermela

Per le prossime vacanze, io personalmente mi prometto di staccare il meno possibile gli occhi dalle mie bambine, ricordando a me stessa che non è un reato stare un’ora con le mani in mano (o magari con una paletta in mano. Lo confesso, fare le formine mi rilassa). Godermele, godermela, senza pensare alla spesa da fare, alle lenzuola da cambiare, alle mail dell’asilo a cui rispondere e a tutti i mille DEVO della mamma. Le vacanze servono a questo, no?

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0