gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

I pensieri che non fanno dormire una mamma

Si dice che le mamme pensano ai figli giorno e notte. Ma ci sono pensieri fissi che riaffiorano al buio, privandoci (ulteriormente) di sonno prezioso!

MAMME CHE NON DORMONO LA NOTTE - Si dice che le mamme pensano ai figli giorno e notte. Ma ci sono pensieri fissi che riaffiorano al buio, privandoci (ulteriormente) di sonno prezioso!

“Voglio dormire!”

Il nostro bambino si è finalmente addormentato dopo un paio di interminabili ore in cui abbiamo provato, nell’ordine, a: cantare ogni motivo da noi conosciuto, da La vecchia fattoria a Te la tiri degli 883; metterlo nella culla semisepolto dai nostri vestiti preferibilmente sporchi “così sente l’odore della mamma”; dondolarlo fino allo stremo. E ora, che finalmente possiamo dormire, ci è passata la poesia, e non possiamo fare a meno che pensare con enorme frustrazione a quanto ne avremmo bisogno.

LEGGI ANCHE: Le frasi da non dire ad una neomamma che dorme con te

“Avrà mangiato abbastanza?”

Soprattutto se la nostra progenie appartiene al temibile tipo di “quelli che non mangiano”, è d’obbligo nottetempo l’enumerazione di tutto ciò che è stato ingerito con conseguente calcolo approssimativo delle calorie. E ciò che ne risulta ci toglie il sonno del tutto.

“Dove ho sbagliato?”
Sarò stata troppo severa oggi? O forse troppo permissiva? Ho sbagliato a comprargli il gelato anche se avevamo portato la merenda da casa? E che razza di esempio gli ho dato insultando il tizio che non mi ha dato la precedenza? Ma soprattutto, perché come mamme ci sentiamo sempre e comunque inadeguate?

“Sta bene?”

Se il bambino ha qualcosa che non va, impensabile per una mamma dormire tranquilla, anche se ha solo un po’ di febbre e siamo già state dal pediatra. Quella tosse strana ci sembra sospetta, ad esempio: mai avuta una tosse così. E poi è anche pallido: del resto, non mangia assolutamente quanto dovrebbe.

LEGGI ANCHE: Le cose più divertenti che facciamo quando non dormiamo

“Posso fidarmi?”
Se a breve si presenterà la necessità di affidare il nostro bambino a qualcuno con cui non è mai stato (o ancor peggio se è appena nato ed è la prima volta che ci stacchiamo da lui) è sicuramente questo il pensiero che ci attanaglia prima di dormire: facciamo bene a fidarci? E se succedesse qualcosa?

“Domani mi sveglio alle sei.”
Vinte dalla stanchezza siamo andate a letto ignorando l’ammasso di panni da stirare opportunamente nascosto in un armadio (che ora pare sul punto di implodere). Coraggio, come diceva Rossella O’Hara, domani è un altro giorno - e forse un giorno di 25 ore.


LEGGI ANCHE: I trucchi per recuperare sonno quando non si dorme di notte


“Avrò fatto tutto?”

Soprattutto le prime volte all’asilo, o quando riprendiamo a lavorare, la mole di cose da ricordarci e predisporre possibilmente la sera prima a volte sembra superiore alle nostre forze. Sappiamo benissimo che farle domani sarà peggio, ma il nostro corpo al momento sembra inchiodato al materasso.

“Neanche oggi mi sono depilata.”

E domani c’è la giornata in piscina con le altre mamme e gli amichetti. Niente paura, basta portare un pareo abbastanza lungo (o forse una muta da sub sarebbe ancora meglio.) A volte sono pensieri come la nostra inedita sciatteria, o genericamente quel che ci manca della nostra vita da non mamme, a tenerci sveglia la notte, soprattutto se è venerdì sera e fino a pochi anni fa a quest’ora ci stavamo preparando per uscire!

a cura di Laura Losito

COME FANNO DORMIRE I BAMBINI LE MAMME ITALIANE (FOTO)

gpt native-middle-foglia-famiglia


gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0