gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

I dieci momenti capitali della maternità

/pictures/20150619/i-dieci-momenti-capitali-della-maternita-1991940207[3740]x[1556]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-famiglia

I dieci momenti più significativi della maternità, dalla nascita a quando si capisce che il figlio ha spiccato il volo

I momenti importanti per le mamme

Spesso accade che quando ripensi al tuo bambino neonato, non ti viene in mente il primo passo o la prima risata, ma un momento apparentemente insignificante e che non vale nemmeno la pena di essere raccontato: quella volta in cui ti ha stretto all’improvviso la mano, e per qualche motivo ha avuto per te un significato speciale. Quel pomeriggio al parco a fare le bolle di sapone. Quella canzone sentita all’improvviso alla radio, e che ti ha fatto venire voglia di prenderlo in braccio e ballare con lui.

Tuttavia, al di là dei momenti che sono più preziosi e importanti per noi, ce ne sono altri che, per così dire, definiscono quasi universalmente la maternità. Momenti capitali che tutte le mamme vivono, e che a tutte fanno lo stesso, incredibile effetto.

  • La prima volta che lo senti nella pancia

Come un lievissimo frullare l’ali: è lui o non è lui? E’ solo un movimento della pancia? E’ fantasia? Eppure l’emozione che ti buca lo stomaco non ha bisogno di alcuna conferma.

gpt native-middle-foglia-famiglia

  • La prima volta che lo tieni in braccio

Una sensazione che non si può descrivere: si può solo dire che non esiste nulla che ci assomigli nemmeno lontanamente, nella vita.

  • Quando ti rendi conto di quanto è difficile

Non importa tutto quello che ti hanno detto e che ti aspettavi: la prima volta, sei impreparata. Tra la stanchezza fisica, gli ormoni in tempesta e l’altalena delle emozioni, ci sono momenti in cui non è il bambino che non riesce a smettere di piangere: sei tu.

  • Il primo sorriso

Sono stati scritti fiumi d’inchiostro sul significato dei primi sorrisi del neonato, che in teoria non sono reali: ma l’emozione che provi tu lo è eccome, e probabilmente, non a caso.

  • La prima malattia

Il puro panico che ti attanaglia, il senso di impotenza e la sensazione di non essere in grado di gestire la situazione: eppure lo sei, e lo dimostrerai stavolta come in tutte quelle che verranno

Luoghi comuni sulla maternità
  • La prima volta che lo lasci

Che si tratti di tornare al lavoro, di prendere una baby sitter per una serata fuori o semplicemente di fare un salto in farmacia lasciandolo con il papà, arriva il giorno in cui esci senza di lui: è il momento così liberatorio e difficile al tempo stesso, che non te ne dimentichi mai.

  • La prima volta che lo lasci e… non piange!

Le prime vuole che lo lasciavi all’asilo, o con un’altra persona, si attaccava alla tua gamba e piangeva, ed era un vero schifo. Ma ora che ti saluta felice agitando la manina, forse è ancora peggio.

  • La prima volta che ha il cuore spezzato

Che si tratti del tragico decesso del pesce rosso o di un amichetto che l’ha deluso, la prima volta che lo vedi col cuore spezzato ti senti così male che vorresti urlare. Non avresti mai pensato di provare un tale livello di empatia per un altro essere umano.

  • Quando si sposerà o se ne andrà di casa

Probabilmente, andando avanti con gli anni un altro momento capitale dell’essere mamma sarà il giorno in cui si fidanzerà, si sposerà o comunque andrà a vivere da solo, in un’altra casa, e non solo per una vacanza. E tu dovrai imparare di nuovo a vivere senza lui intorno.

  • Quando ti rendi conto che hai finito il tuo lavoro

Questo, probabilmente, non accadrà mai. Non smetteremo mai di preoccuparci per loro, di insegnargli ciò che sappiamo, di gioire per i loro successi e meditare crudeli vendette verso chi fa loro del male: basta chiedere a nostra madre.

Se vuoi poteste scegliere i 10 momenti che più hanno definito la vostra maternità, quali vi vengono in mente?
gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0