gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Come essere mamme più sicure di sé

/pictures/20150803/come-essere-mamme-piu-sicure-di-se-2125502617[5291]x[2207]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-famiglia

A volte è normale per le neomamme non sentirsi sicure di se stesse. Ecco i consigli per migliorare la propria autostima nei confronti dei figli (e degli altri).

Come essere mamme più sicure di se stesse

Essere mamma è il mestiere più difficile del mondo: non importa quanto vi impegnerete, quante energie ci metterete, ci sarà sempre qualcuno che vi dirà di saperne più di voi. Chiunque, persino il vaso di gerani alla finestra, cercherà di minare la vostra austostima di genitori. Perché? Perché quando si tratta di bambini tutti si trasformano istantaneamente in puericultori. Forti della loro esperienza o anche solo per sentito dire, vi diranno che dovrete comportarvi in un certo modo piuttosto che in un altro convinti che voi, visto che siete neomamme, non avete abbastanza consapevolezza.

Ricordatevi una cosa: nessuno può dirvi cosa dovete fare o come dovete agire. Certo, potrete chiedere dei consigli, delucidazioni, ma l'ultima parola spetta sempre a voi. Il progetto educativo dei vostri figli riguarda i genitori, non i nonni, l'amica, la vicina di casa o appunto il vaso di gerani. E' normale che a volte non vi sentiate sicure su alcune cose, sopratutto se è la prima volta che le si affronta, ma non preoccupatevi: tutti si sono sentiti come voi, solo che non lo dicono. Ecco allora qualche consiglio per migliorare la propria autostima nei confronti dei figli (e degli altri).

Lettera a tutti gli estranei che giudicano il comportamento di mio figlio
  • Cercate di non cadere nella “sindrome della cattiva mamma”

prima o poi – come dicevamo – tutte si sentono inadeguate perché magari il bambino piange e non si riesce a calmarlo, oppure sembra di non essere abbastanza organizzate durante la giornata. Sono sensazioni comuni a tutte: essere mamme non significa aspirare alla perfezione, ma fare il meglio possibile con tutti i limiti del caso.

  • Non date retta ai parenti “tuttologi”

i vostri famigliari vi daranno dei consigli non richiesti. Il bambino non mangia abbastanza? “Prova a dargli l'aggiunta”, oppure rifiuta le pappe? “Perché non ci metti un po' di zucchero così il cibo ha il gusto del latte materno?” (ma uno lo assaggia?). Voi per cortesia annuite, fate un bel sorriso anche se state avendo un travaso di bile e dite la frase standard: “Sì, ci penserò”.

gpt native-middle-foglia-famiglia

  • Provate a comportarvi come se foste delle professioniste nella cura dei bambini

è l'incertezza la cosa peggiore. Una neo mamma si chiede sempre “starò facendo bene?”. Per cercare di sentirvi più sicure, tentate di mettervi nei panni di una tata Lucia, ovvero di una persona che con la calma e la fermezza riesce ad affrontare ogni problema. Voi andate sicure per la vostra strada: non importa se sbaglierete, essere genitori è un po' come un esperimento scientifico, si procede per prove ed errori.

  • State lontano dall'amica competitiva

non appena si diventa genitori, a volte la solidarietà si trasforma in competizione. “Il mio gigino a 3 mesi sapeva già leggere e far di conto”, “Federico invece ha costruito una perfetta copia della Tour Eiffel in 3d. Te l'ho detto che ha 18 mesi?”. Una persona del genere non è l'ideale da frequentare. Oppure frequentatela, ma non parlate mai di figli.

  • Dimenticate di avere delle persone che vi guardano

se vostro figlio sta facendo un capriccio oppure piange disperato perché ha fame e magari siete alla cassa del supermercato mentre mettete via i carciofi, non fate caso a chi vi sta osservando. Prima di avere figli tutti pensano che loro non li farebbero mai piangere in quel modo, come se il bimbo si potesse comandare. Voi siate calme e non preoccupatevi: sapete quel che state facendo.

  • Siate decise e ferme

i bambini sentono quando un genitore non ha le idee ben chiare su un comportamento da adottare. Voi invece dovete cercare di essere imperativi, sopratutto quando si tratta di dare un “no” a qualcosa. Non si può contrattare: se la mamma dice una cosa è quella, cascasse il mondo.

  • Prendete del tempo per voi

è fondamentale avere dei momenti di pausa dalla “mammità”. Andate dal parrucchiere, dormite, prendete un caffé con un'amica. Vedrete che sarà on lifting istantaneo.

  • Non nascondete le vostre emozioni

la mamma vera, quella che ama i suoi figli, non è quella sempre con il sorriso sulla faccia e una torta in mano. Una mamma vera è quella che mostra le sue emozioni, anche quelle negative, ai suoi figli. In questo modo loro sapranno che potrà accadere qualche momento di tristezza e non ne saranno troppo spaventati.

  • Parola d'ordine: divertimento!

Non lasciate che l'ansia e le preoccupazioni non vi facciano godere di questa straordinaria avventura! Siete in gamba e coraggiose sempre, ricordatelo!

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0