gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

La fenomenologia della mamma alla competizione sportiva dei figli

/pictures/20160518/la-fenomenologia-della-mamma-alla-competizione-sportiva-dei-figli-3540950260[987]x[412]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-famiglia

Le diverse tipologie di mamme alle competizioni sportive dei figli. I tipi più comuni che troverete alle gare e partite dei vostri figli

Mamme alle competizioni sportive dei figli

Vi è già capitato di assistere alle competizioni sportive dei vostri bambini, e, al di là dell’orgoglio materno, constatare che la variegata giungla di mamme tra il pubblico offriva uno spettacolo ancor più interessante? Ecco i tipi più comuni di mamma che troverete alle gare e partite dei vostri figli.

  • La mamma urlatrice

È il tipo più comune, e si divide in due sottospecie: la prima urla essenzialmente al proprio figlio, allo scopo di incitarlo e incoraggiarlo, e per quanto sia molesta la si può anche tollerare. La seconda è del tipo urlatrice incivile e si distingue dall’altra perché non urla pro, urla contro. Insulta i bambini dell’altra squadra, insulta i ragazzini che fanno da guardalinee, provoca una rissa con la nonna della fazione avversaria e l’unica è avvistarla per tempo e andarsi a sedere il più lontano possibile.

I migliori campi estivi sportivi
  • La mamma allenatrice

Si può forse definire una variante dell’urlatrice, con la differenza che la mamma allenatrice impartisce istruzioni non stop, in un flusso costante di consigli non richiesti. Critica spietatamente quell’incompetente dell’allenatore “ufficiale” e, se le dai troppa confidenza, inizierà a torchiare anche tuo figlio. No, grazie.

  • La mamma ex atleta

Frequentatrice abituale dei saggi di danza delle bambine, purtroppo al giorno d’oggi la si può trovare un po’ in tutte le discipline sportive. Lei è così emozionata di condividere questa esperienza con la sua bambina, perché sai, anche io ballavo… E da lì solitamente attacca la storia della sua sfolgorante carriera di ballerina classica, interrotta tragicamente da un incidente e/o dagli studi o qualche altro evento sfortunato che ci ha privato per sempre della nuova Carla Fracci.

  • La mamma “son ragazzi”

Di solito suo figlio è un bullo e lei non ha la minima intenzione di fare i conti con questa cosa. La sua risposta a tutto, anche a “Ehm… tuo figlio ha appena scaraventato fuori dal campo un altro bambino” è “Son ragazzi.” Da abbattere.

  • La mamma socialitè

Si annoia mortalmente durante le competizioni sportive dei figli e non fa nulla per nasconderlo. Però ci va, finge interesse per il tempo che serve e passa il resto della partita a chiacchierare con le altre mamme di moda, gossip e ricette semplici e veloci.

  • La mamma passivo aggressiva

Lancia frecciate sottili alle mamme dei figli altrui, che siano compagni di squadra o meno: “Un vero peccato che l’allenatore stia facendo giocare così poco tuo figlio oggi!” Avete presente vero?

  • La mamma di tutte le mamme

Durante l’anno organizza i turni per portare i bambini agli allenamenti, e sono per questo andrebbe fatta santa. Quando ci sono le gare e i saggi, prende in mano la situazione. Allestisce un buffet, coinvolge tutte le mamme nella contribuzione di cibi e bevande, e organizza una vendita di biglietti della lotteria. Di beneficienza, naturalmente.

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0