gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

"Mombie", la mamma zombie

/pictures/20150309/mombie-la-mamma-zombie-3273552753[3875]x[1613]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-famiglia

Quasi ogni mamma ha attraversato la fase da “Mombie”: la mamma zombie. Mancanza di sonno, dieta sregolata, abbrutita e imbruttita, la neo-mamma si trasforma in uno zombie

Mamma zombie

Quasi ogni mamma ha avuto un frangente da “Mombie”: come quel momento in cui vieni svegliata nel cuore della notte, chiamata a fare i conti con gli effetti collaterali della fase di spannolinamento, che si trovano in abbondanza tra le lenzuola, sul tappeto e naturalmente sui vestiti del bambino. Vittima di mancanza di sonno e di una dieta sregolata, abbrutita e imbruttita, la neo-mamma ha molti tratti in comune con uno zombie.

  • L’aspetto fisico

La frase tipica che le rivolgono amici e parenti venuti in visita: “ehm… stai benissimo” sempre guardando da un’altra parte e con le dita incrociate dentro la schiena, le conferma ciò che già sa bene: il suo aspetto è decisamente… cambiato. Occhiaie violacee tipo Bill Kaulitz (ma senza make-up, è tutto naturale) enormi borse, capelli arruffati e appiccicosi, scarsa o inesistente igiene personale.

I segnali che abbiamo bisogno di più tempo libero
  • L’abbigliamento

Il look della neomamma poteva definirsi “casual” prima che il bambino ci rigurgitasse sopra per una settimana di fila. Anche perché la mamma mombie impara presto che indossare roba pulita è pura utopia, dato che i vestiti si sporcano (o meglio, vengono bersagliati di bava, muco, pappe e quant’altro) in media 8 secondi dopo essere stati tirati fuori dai cassetti. Quindi tanto vale indossare direttamente roba sporca. Finché le macchie si stratificano creando il tipico effetto camouflage-trasandato che fa tanto "zombie dei vecchi film".

  • L’inedia

La mamma zombie è spesso denutrita e non è raro vederla aggirarsi nel suo habitat naturale, un grazioso appartamentino ora ridotto ad una sudicia discarica, in cerca di cibo, che poi assume velocemente a morsi, indipendentemente che si tratti di una forma di formaggio o di una scatoletta di tonno. Non sa mai quando potrà nuovamente sfamarsi, in quanto è continuamente chiamata ad affrontare questioni di vita o di morte.

  • L’andatura

La tipica camminata della mombie è del tutto simile a quella dei morti viventi, complici un parto naturale con episiotomia e un’infiammazione del nervo sciatico che si porta dietro dalla gravidanza. Inoltre, le due ore di sonno che ha alle spalle non aiutano un incedere elegante, idem dicasi per i numerosi oggetti sparsi per terra, in cui inciampa continuamente.

gpt native-middle-foglia-famiglia

  • Le priorità

Questioni come igiene personale, makeup e attenzione alle tendenze moda vengono abbandonate di fronte alla pura necessità di sopravvivere.

  • Il tempo

Per la mamma zombie il tempo perde ogni significato. Sono lontani i giorni in cui tutto era organizzato: le ore per lavorare, per fare shopping, per andare in palestra, etc. Oggi i giorni sono come sfocati tutti insieme. Ogni tanto si pone domande come: ho mangiato oggi? E non ha nessuna idea della risposta.

Neomamma Zombie, Video

Un video molto divertente che, sulla musica di Thriller, mostra una neomamma zombie

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0