gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Lettera della Pediatra a tutte le neomamme

/pictures/20160310/lettera-della-pediatra-a-tutte-le-neo-mamme-2059373353[987]x[411]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-famiglia

Lettera della Pediatra alle neomamme : risposte ai tanti dubbi e richieste che frullano per la testa. Tanti consigli per vivere la maternità con gioia e serenità

Lettera della Pediatra alle neomamme

La nostra pediatra scrive a tutte le donne, diventate mamme da poco... Una lettera che cerca di rispondere a tutti i dubbi che possono frullare per la testa quando si torna a casa dopo il parto. Tanti consigli per viversi la maternità con gioia e senza entrare in panico.

Cara Mamma, so che hai mille domande, mille dubbi e richieste che ti frullano in testa. È normale, fai bene a chiedere al tuo Pediatra il/i consigli in modo da avere una riposta corretta e tale che non possa apportare malumori e sconforto. Ora tu hai il grande, bellissimo compito di prenderti cura del pargoletto che sta lì, nella culla, che attende di crescere. I consigli che tutti ti vogliono dare, perché già madri o padri, perché esperte/i, perché, perché, perché…bè, certo non sono tutti da seguire alla lettera, l'istinto di Madre è superiore e ti guida perfettamente in questa nuova ed entusiasmante, seppur talvolta estenuante avventura.

  • Carezze e coccole

Per prima cosa ricorda che una carezza, una coccola in più risolvono tanti problemi. Il neonato dopo il parto, esattamente come Te, ha appena sofferto un forte stress emotivo ed ambientale, quindi non essere avara e non lesinare, perché sei stanca, perché sei provata, perché il parto è stato doloroso, coccole ed affetto. Questi semplici, primordiali gesti sono il benvenuto tra voi, mamma e papà, e lo aiuteranno ad entrare nel suo nuovo mondo e potranno risolvere pianti e disturbi quotidiani.

  • Come farlo dormire

Lascialo dormire a pancia in su, senza cuscino, su un materassino rigido, in un ambiente pulito e dove non si fuma, senza profumazioni e odori sgradevoli, con una temperatura tra i 18-20° C, giustamente umidificato, cioè non aria secca, lontano da fonti di calore, non troppo coperto, non avvolto stretto nelle coperte, né col viso coperto.

  • Le poppate

Non preoccuparti per le poppate, lui sa quando chiedere, lui sa mangiare tanto da saziarsi e tanto da crescere. Lui sa regolarsi.

  • Il cambio del pannolino

Durante la poppata, per riflesso gastrocolico, è molto probabile che il piccolo faccia la cacca, lavalo e cambia pannolino, non lasciare troppo tempo le feci a contatto con la sua pelle delicata. Non preoccuparti se le feci sono di colore verde, se presentano grumi bianchi.

  • Quando piange

Nell'intervallo dei pasti, e specie alla sera, il bambino può piangere con insistenza a squarcia gola per le fatidiche coliche gassose. Non perdere le staffe, non ti allarmare, non piangere assieme a lui. È abbastanza normale. Tu puoi coccolarlo tenendolo a pancia sotto picchiettando la tua mano libera sulla sua schiena o massaggiandogli il pancino. In questo modo lo aiuterai a scaricare l’aria che ha nella pancia.

  • Latte e acqua

È normale che il tuo piccolo, se ha poppato avidamente, se fa ruttini corposi, emetta dalla bocca piccole quantità di latte cagliato, anche più volte al dì, e a volte lontano dal pasto. Il neonato non ha necessità di bere perché il latte è già sufficientemente ricco di liquidi. Dopo il primo mese si può somministrare al bambino solo dell'acqua naturale se l'ambiente è molto caldo, se ti sembra assetato, se ha la febbre.

  • Il primo bagnetto

È risaputo che il primo bagnetto si fa in qualsiasi momento della giornata, indifferentemente prima o dopo i pasti, anche tutti i giorni se al piccino piace, con acqua a 36-37° C, utilizzando poco sapone neutro, adatto ai bambini e non profumato. Ricorda che lo potrai fare dopo la caduta spontanea del cordone ombelicale, entro il 20° 30° giorno di vita. Non preoccuparti se, caduto il moncone, l'ombelico è sporgente, rientrerà col tempo spontaneamente senza cerotti o fasciature.

Ricorda di lavare preferibilmente solo con acqua le parti intime del tuo bimbo a ogni cambio di pannolino, con movimenti dall'avanti all'indietro per non portare le feci in prossimità dello sbocco da dove esce la pipì: nella femmina pulire accuratamente anche la zona vulvare, tra le grandi e le piccole labbra, nel maschio non sguantare la pelle sulla punta del pene. Ricorri e usa le salviette usa e getta solo se ti trovi fuori casa.

  • Igiene del bambino

Fai la toeletta quotidiana del tuo bimbo pulendo il solo padiglione auricolare esterno utilizzando una garza o un batuffolo di cotone inumidito. Non usare i bastoncini nel condotto uditivo, perché spostano il cerume in profondità favorendo la formazione di tappi di cerume.

  • Come prevenire le malattie

Se ti sembra che il piccolo abbia il nasino chiuso o è raffreddato instilla in ogni narice alcune gocce di soluzioni fisiologica e specie prima dei pasti in modo da favorire la poppata. Ricorda che luce, aria, sole, natura sono necessari a un bambino piccolo. Preferisci luoghi tranquilli, verdi, lontani dal traffico, scegli le ore in cui il clima è mite, esci tutti i giorni anche d'inverno, ma limita le passeggiate se i livelli dell’inquinamento atmosferico della zona dove risiedi sono elevati, perché possono irritare gli occhi e le vie respiratorie specie nei più piccoli.

  • Dal Pediatra

Ricordati di fare regolarmente le visite filtro, periodiche dal Pediatra scelto, affinchè egli possa valutare lo viluppo psicofisico, psicomotorio. Ricordati che febbre e diverse malattie dei bambini passano spontaneamente. Non rimanere male e scettica se il tuo Pediatra, a fine visita, non ti prescrive nessun farmaco. Il bimbo ha solo bisogno di te.

Mamma, tu sei il suo farmaco più naturale!

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0