gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

I lavoretti che non vorreste mai ricevere dai vostri bambini

/pictures/20151223/i-lavoretti-che-non-vorreste-mai-ricevere-dai-vostri-bambini-4255461309[971]x[405]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-famiglia

A volte il nostro cuore di mamma si riempie d'orgoglio alla vista di un oggetto realizzato amorevolmente con le loro manine, altre volte prevale l'orrore di fronte ai lavoretti brutti fatti dai bambini

Lavoretti brutti fatti dai bambini

I disegni dei nostri figli sono capaci di intenerirci ogni volta. I lavoretti, "ni". A volte il nostro cuore di mamma si riempie d'orgoglio alla vista di un oggetto realizzato amorevolmente con le loro manine, altre volte prevale l'orrore.

  • La collana di pasta (fossile)

La cosa peggiore di ricevere in dono una collana di pasta è doverla indossare in pubblico. Se il vostro senso del pudore prevale, state sul classico: "La mamma la vuole mettere solo per le occasioni speciali". Funziona sempre

  • Qualsiasi cosa sia fatto con i cilindri di cartone della carta igienica

Perché, perché questa grande passione per i cilindretti dei rotoli di carta igienica? In casa, l’unica è archiviarli all’istante non appena il rotolo finisce, altrimenti sarà tutto un coro di “mamma, teniamolo, mi serve!” Ci sono mamme che si riducono ad ingerirli dopo aver strappato l’ultimo pezzetto di carta igienica, pur di farli sparire senza lasciare traccia. Ma i rotoli sono anche un grande must dei lavoretti e delle attività creative in generale. “Mamma, guarda, ho fatto le maracas!” ovvero un cilindro chiuso ai lati e riempito di riso. Brutto, tanto brutto.

Idee creative per riutilizzare i disegni dei bambini
  • Il posacenere

Qualsiasi mamma, prima o poi, si vede recapitare a casa un posacenere, generalmente realizzato con la creta (ai tempi antichi era il Das) informe o forse dovremmo dire deforme. Il fatto che nessuno in casa fumi non sarà considerata una valida motivazione per non lasciarlo in esposizione fissa sul tavolino dell’ingresso.

  • Le maschere coi piatti di carta

Se vedete arrivare all’asilo un bambino che ha una maschera passabile, da dolce gattino o allegra pecorella, vuol dire che l’ha fatta sua madre. Ma è difficile lottare con un treenne che vuole esprimere la propria creatività ad ogni costo. "Ho finito, mamma!" ecco a voi il perfette travestimento da cane in decomposizione.

gpt native-middle-foglia-famiglia

  • Le magliette

Nella vita di una mamma arriva sempre un momento in cui alla festa di compleanno di qualcuno si organizza di far dipingere ai bambini le magliette, che diventano poi il regalino da portare a casa. E’ l’inizio della fine. A questo punto, quasi matematicamente, il bambino si appassionerà talmente tanto alla pittura su stoffa da pretendere di realizzare regali per ogni occasione: ad ogni compleanno s'imporrà per realizzare la maglietta per il papà, per il nonno e… per la mamma. E siete fortunate se non abbellirà anche i vostri pantaloni di lino bianchi pagati un rene. Alla faccia del velo nuziale di Angelina.

  • Tazze, ciotole, tazzine…

Idem dicasi per quanto riguarda la pittura su ceramica. Mai comprare pennarelli per stoffa o per ceramica ai bambini. Quando scoprirà che potrà decorare a suo gusto tutto il servizio di piatti della vostra lista nozze, nessuno potrà fermarlo. E se in quel caso potete sempre limitare i danni (i pennarelli per ceramica generalmente necessitano di una cottura in forno) nulla vi salverà dalla tazza per colazione con il vostro ritratto in versione post-mortem. Tanto per iniziare bene la giornata.

  • L’horror-presepe

Oltre ad essere indicibilmente brutto, di solito è super ingombrante e attira la polvere come le mosche sul miele. Deturperà il tuo salotto per tutto il periodo natalizio, e a volte anche oltre.

Quali sono i lavoretti più orrendi che avete ricevuto dai vostri bambini? 
gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0