gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Il rap delle mamme che fa impazzire la rete

Nel Regno Unito Fiat lancia un video per pubblicizzare la nuova 500L. E diventa subito un caso

Già più di due milioni di contatti su YouTube. E' il rap cantato dall'attrice inglese Rachel Donavan che racconta la vita quotidiana di un mamma di tre figli. Una giornata che si snoda tra lezioni di danza e nuoto, cene a base di bastoncini di pesce e prosciutto, orgasmi simulati per riuscire ad andare a dormire prima possibile, una casa perennemente in disordine, impronte e schifezze buttate sul divano e sul computer (LEGGI).


LEGGI ANCHE: La mamma perfetta non esiste: 99 consigli per non impazzire


Un rap di tre minuti che ha fatto il boom di clic in rete e che in realtà è la pubblicità della nuova 500L.
Un tipo di spot pubblicitario del tutto diverso dal solito.

Siamo abituati a vedere pubblicità dove le automobili vengono presentate in tutta la loro bellezza e maestosità, o dove ad essere protagoniste sono le funzionalità legate al risparmio e alle performance.
In questo caso, invece, la situazione è del tutto diversa. Fino alla fine nemmeno si capisce chiaramente che si tratta di una pubblicità. E infatti non tutti i dirigenti Fiat erano d'accordo sull'efficacia della campagna, ideata dall’agenzia Krow Communications.


LEGGI ANCHE: 10 motivi per apprezzare il tempo passato con i bambini


L'azienda ha deciso di approvare lo spot solo dopo averlo fatto guardare alla moglie dell'amministratore delegato Fiat del regno Unito che l'ha trovata geniale.

E in effetti, il target della Fiat 500L sono le donne. E le giovani mamme (LEGGI). Compresse tra mille impegni quotidiani, stress, noia, e, come ha spiegato Elena Bernardelli, direttore marketing di Fiat UK, "la necessità di conservare la loro identità pre-maternità".



gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0