gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

I peggiori consigli che ho mai ricevuto sull'essere mamma

Nella marea di consigli più o meno richiesti che mi sono stati gentilmente dispensati da quando sono mamma, ce ne sono stati alcuni decisamente pessimi

di Laura Losito

Quando si diventa mamme, amiche, parenti e a volte anche sconosciuti si prendono il diritto di elargire suggerimenti, anche quando non si richiediamo. Alcuni sono utili, ma altri sono decisamente pessimi.


Come crescere bambini felici: 10 consigli


Bisogna lasciarli piangere
Secondo alcuni illuminati conoscenti, la nostra resistenza alla tentazione di accorrere al capezzale di un bambino piangente è la chiave per far crescere un adulto sano di mente.

diventare-mamma-consigli-peggiori-ricevuti


Non tenerlo troppo in braccio

Sempre per la medesima filosofia, i bambini, anche se neonati, non andrebbero tenuti "troppo in braccio" perché se no "si abituano". Anche se, onestamente, non mi pare di aver mai visto un quarantenne che vuole stare ancora in braccio alla mamma.

Seggiolino auto, questo sconosciuto
Di solito questo saggio consiglio viene, ahimè, dai nonni, certissimi che non succeda nulla se il bambino sta in braccio a loro sul sedile posteriore. "Noi abbiamo sempre fatto così e non è mai morto nessuno" è spesso la virtuosa argomentazione a corredo.

Facciamogli assaggiare il fondo del caffè/un cucchiaino di vino
Alcune persone considerano il bambino un piccolo giullare quando si tratta di cibo; non c'è nulla di più divertente che fargli assaggiare "novità" di ogni genere anche quando è ancora in fasce. Compresi, nei casi più estremi, fondi di caffè o goccetti di vino (si sa che il rosso "fa sangue").


10 cose importanti da dire ai figli


Giochiamo al piccolo impiegato di banca?
Giocare con le monetine o con altri oggetti piccoli può anche avere serie conseguenze per un bambino che, ad una certa età, tende a infilarsi tutto in bocca.

gpt native-middle-foglia-famiglia


Lascialo fare, se si fa male impara
Altra perla di saggezza è l'assunto secondo cui è inutile, anzi, dannoso, impedire al bambino comportamenti pericolosi, perché ne sarà sempre incuriosito, invece, se come si suol dire "ci sbatte il muso", imparerà di certo. Impareggiabile il consiglio ricevuto da una mia conoscente "lasciagli toccare la stufa una volta, vedi che poi non lo fa più".

E' impossibile allattare se hanno i dentini
Consiglio piuttosto accreditato e contenuto persino in alcuni libri un po' vecchiotti di puericultura: allattare al seno diventerebbe impraticabile nel momento in cui il bambino mette il primo dente.

Allattare troppo è pericoloso
Della stessa scuola del "non prenderlo in braccio" e "lascialo piangere" è chi poi sentenzia con la massima sicurezza che allattare troppo a lungo sarebbe pericoloso, perché così il bambino "si abitua".


I peggiori commenti ricevuti in gravidanza


Se non dorme di notte, impediscigli di fare il pisolino durante il giorno
Il trucco sta nel tenere sveglio il bambino, magari di sei mesi, per tutta la giornata, allo scopo di farlo dormire tutta notte: sono ammessi megafoni, betoniere in azione e concerti heavy metal al massimo volume.

Starai lì finché non hai mangiato tutto
Il bambino non mangia? La soluzione è semplice: impedirgli di scendere dal seggiolone finché non avrà finito tutto ciò che ha nel piatto. Non avevate altri impegni per la giornata, vero?

Starai lì finché non avrai "fatto qualcosa"
La stessa ferrea determinazione va usata quando si decide di togliere al piccolo il pannolino e passarlo al vasino. Secondo alcuni, la tecnica migliore consiste nel costringerlo a stare seduto sul suddetto vasino finchè non avrà prodotto qualcosa. Possiamo almeno portargli le parole crociate?

Quali sono i consigli peggiori che vi hanno dato in rapporto ai bambini?

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0