Pianetamamma logo pianetamamma.it

strip1-famiglia
1 5

Essere una madre single e crescere da sola un figlio

Essere una madre single e crescere da sola un figlio: una scelta e/o condizione difficile da affrontare ma possibile

adsense-foglia-300
della d.ssa Giuliana Apreda

Sono sempre di più le donne che, dopo una separazione o per una propria scelta, crescono un figlio da sole.

Una mamma che da sola decide di mettere al mondo il suo bimbo e di crescerlo dovrà affrontare e combattere molte difficoltà, innanzitutto il senso di solitudine e anche senso di inadeguatezza, una doppia responsabilità e, spesso, difficoltà economiche.


LEGGI ANCHE: Essere genitori single


Sono sempre più numerose le mamme che crescono un figlio da sole a seguito di un divorzio, di una separazione, di una morte del compagno o per la mancanza di un partner stabile. Il peso di una responsabilità doppia crea paura e sensi di colpa e spesso si associa una difficoltà economica. Questi sono alcuni ostacoli con i quali ogni giorno una madre single si trova a fare i conti. 
Molte donne hanno paura di non riuscire a ricostruirsi una nuova vita (LEGGI) e finiscono per sottovalutare le reali possibilità di iniziare una nuova esistenza. Spesso le madri single a causa dei molteplici impegni e per l’eccessivo carico di responsabilità, tendono ad isolarsi e la solitudine può portare al risentimento e anche alla rabbia.


LEGGI ANCHE: Separarsi rimanendo genitori


Per quelle donne che si separano e divorziano gli investimenti emotivi fatti nel matrimonio sembrano sprecati e la gelosia nei confronti dell’ex compagno, che magari ha una vita serena, libero dalle responsabilità familiari, complica il quadro. Lo sconforto e la depressione possono insorgere complicando ulteriormente la situazione. É importante imparare a fronteggiare e non spaventarsi dinanzi a questi stati d’animo. Occorre fare una scelta “vitale” e contrastare o cercare di contenere l’insorgere di sentimenti che hanno un effetto controproducente sui bambini.

E' opportuno investire le proprie energie nel presente senza rimuginare continuamente il passato (LEGGI) . Per vivere in modo più sereno, una strada c’è. Una madre single è comprensibile che attraversi momenti di grande sconforto: la sua vita è più complicata rispetto alla mamma che ha un compagno perché a lei viene richiesto un impegno doppio e spesso  si aggiunge la necessità di lavorare fuori casa. Ma si può imparare ad affrontare le difficoltà con spirito costruttivo.

essere-una-madre-single



Per prima cosa, è bene cercare di non isolarsi e di coinvolgere familiari, amici e altre persone nell'organizzazione della giornata. La mamma single non deve avere paura di confidare alle persone care i propri stati d’animo o dubbi. Parlando con persone amiche si potrà condividere il peso delle scelte che deve fare ogni giorno. Riuscire a confrontarsi con qualcuno allevia il peso delle responsabilità.

Un altro rischio per le mamme sole è quello di diventare iperprotettive: soprattutto se i bambini sono piccoli, si tende a esagerare nelle cure e nelle attenzioni, fino ad arrivare a permettere loro di dormire nel lettone, correndo il rischio di fargli credere di avere diritto ad un rapporto esclusivo. Per crescere in modo equilibrato, i bambini hanno bisogno di limiti e di genitori consapevoli della loro importanza. L'importante è stabilirne pochi, ma ben chiari