gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Essere mamme in Italia, quante difficoltà

I datori di lavoro che ignorano i diritti, le aziende che prima di assumere chiedono se si intende avere figli, le mille battaglie di ogni giorno. Adesso dobbiamo proccuparci anche dei single che denunciano presunti favoritismii

Il caso vuole che due articoli facciano la loro comparsa a pochi giorni di distanza l’uno dall’altro e raccontino due facce della stessa medaglia. I due articoli restituiscono bene il senso di cosa significhi essere madre in Italia e di quanto sia facile trovarsi di fronte a ostacoli e comportamenti che non fanno che confermare che l’Italia “non è un Paese per mamme”.

La carica delle mamme in telelavoro

Nonostante i paroloni, le celebrazioni di eventi dedicati alle famiglie o al “concetto famiglia”, la realtà di ogni giorno è tutt’altra cosa.

essere-mamme-in-italia-quante-difficolta

La realtà quotidiana racconta di tante donne che vengono licenziate da un giorno all’altro e private di un contratto co.co.pro dopo aver comunicato la loro gravidanza.

Racconta di tutte quelle donne che ad un colloquio di lavoro si sentono porre, magari ancora prima delle domande inerenti professionalità e formazione, se intendono fare figli.

Racconta anche delle tante donne che dopo aver avuto un figlio sono costrette ad andare a lavoro dalle 9 alle 18 no stop e lasciare i propri figli in costosi asili privati senza che venga loro concessa l’opportunità di una flessibilità di orari o di un part time.

gpt native-middle-foglia-famiglia


Ma la realtà racconta anche delle tante mamme che non trovano alcuna solidarietà non solo da datori di lavoro ma anche da colleghi o peggio ancora dalle donne.


Bimba sottratta alla madre, accusata di non voler lavorare


Una giornalista single ha posto l’accento su quanto troppo spesso le venga chiesto di essere flessibile in cambi turno o programmazione ferie per aiutare le colleghe che hanno dei figli.  Il tono usato dalla giornalista lascia amareggiati soprattutto perché, al di là delle diversità di impegni che possono esserci nella vita di un single o di una madre (l’impegno con un figlio è forse più serio di uno con un libro? Diamogli pure pari dignità), ciò che emerge è una visione egoista (maschile?) della vita e del lavoro.

Emerge una visione disincantata, cinica ed egoista del mondo-lavoro e del mondo-famiglia che in qualche modo rispecchia la realtà italiana: un’Italia dove, al di là delle parole, tutti (e tutte) preferiscono tenersi “le loro scarpe Manolo Blahnik” (paragone usato dalla giornalista) in nome della parità e degli eguali diritti fregandosene della collega con figli, per quale spesso i diritti non sono che merce di scambio oppure un’utopia.


gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0