gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Diventare mamma: i consigli da ignorare

Chi diventa mamma si trova spesso a dover fare i conti con un numero impressionante di consigli, spesso non richiesti. Ecco quali ignorare del tutto

Chi diventa mamma si trova spesso a dover fare i conti con un numero impressionante di informazioni, provenienti soprattutto da parenti e amici con o senza esperienza, ma sempre desiderosi di dare consigli. A volte questi suggerimenti sono di vitale importanza e risolvono effettivamente situazioni che, da neomamme inesperte, non avremmo saputo affrontare correttamente. Ma altre volte si tratta di consigli irrealistici, inappropriati o addirittura errati, soprattutto se vengono da presunti "tuttologi" il cui sapere sembra coprire ogni possibile casistica in fatto di neonati.


Il decalogo della buona madre


"Quando ricompare il ciclo, il latte si trasforma in acqua"
Ignoriamo ogni consiglio che abbia un che di superstizioso o magico, o meglio, prima di ascoltarli chiediamo consigli al pediatra. Sembra incredibile, ma ancora oggi sopravvivono leggende popolari secondo cui "il latte di chi ha il ciclo non nutre/diventa cattivo/diventa acqua" o "se ci si fa la doccia dopo il parto il latte se ne va"

diventare-mamma-i-consigli-da-ignorare


"Piange? Colpa delle coliche"
Pericolosissime le generalizzazioni, come "I neonati dormono sempre" (leggi: se il tuo non dorme vuole dire che è malato) o "Se piange è sicuramente colpa delle coliche" o ancor peggio "Tutti danno ai neonati 'qualcosa' per dormire".  Come madri sicuramente col tempo impareremo a conoscere il nostro bambino e a valutare le sue personalissime reazioni e necessità

"Il neonato va allattato ogni tre ore, venti minuti per lato"
I consigli peggiori spesso riguardano proprio l'allattamento, nonostante sia un argomento estremamente delicato e come tale dovrebbe essere trattato. L'allattamento NON è una passeggiata, come qualcuno vorrebbe farci credere; nel migliore dei casi è una pratica che, pur nella sua piacevolezza, è pesante fisicamente tanto che è consigliabile tenere i chili in più della gravidanza fino allo svezzamento.



Ognuno, poi, può avere problemi molto diversi, che vanno affrontati rivolgendosi a consulenti specializzati. Infine, i neonati non sono macchine: anche il bambino che mangia ad intervalli regolari può sentire il bisogno, una volta ogni tanto, di una poppata in più, di stare attaccato di più o di meno. In questo caso, più che le regole, meglio ascoltare il nostro istinto.

Diventare mamma ti cambia la vita: ecco cosa vuol dire

"Lascialo piangere o lo vizi"
"Lascia piangere il tuo bambino finchè non si addormenta da solo". Quante di noi si sono sentite dare questo consiglio, oppure le variabili "Non prenderlo in braccio" e via dicendo. L'approccio militaresco è ancora in auge tra gli indispensabili consiglieri della neomamma. Se una routine regolare è effettivamente un bene per il piccolo, dobbiamo sempre tenere presente che abbiamo a che fare con un essere umano e non con un robottino

"Non hai ancora tagliato il cordone ombelicale, eh?"
Impedire che dieci braccia diverse stringano il nostro piccolo nato da poche ore non è una questione di gelosia e possessività, come qualcuno vorrebbe farci credere. Qualsiasi pediatra o ostetrica vi confermerà che questo è tutt'altro che un bene per un bambino troppo piccolo, che ha solo bisogno di essere rassicurato dal calore e dall'odore della madre e del latte

Mamme in tv
Forse i peggiori consigli vengono proprio dalla tv: spesso film e telefilm che narrano vicende di neomamme si avvicinano pericolosamente al genere fantasy. I neonati sembrano bambolotti che trascorrono un'esistenza solitaria e silenziosa accuditi solo saltuariamente da mamme che hanno faccende molto più eccitanti a cui dedicarsi. Quando compaiono, generalmente stanno dormendo o sono graziosamente adagiati in posa plastica su qualche vezzoso supporto. Niente di più lontano dalla realtà

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0