gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Le cose che non dobbiamo dire ai nostri bambini

/pictures/20151125/le-cose-che-non-dobbiamo-dire-ai-nostri-bambini-2577534374[1667]x[695]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-famiglia

Va bene essere sinceri, ma non sempre dobbiamo entrare nei dettagli. Ecco le cose da non dire ai figli

Cose da non dire ai figli

Spesso nel nostro essere genitori ci apriamo sinceramente e completamente con i bambini, rischiando, però, di cadere in un eccesso di sincerità che va tutto a svantaggio della loro serenità.

Ecco alcune cose da non dire ai figli per far sì che vivano la loro infanzia nel modo più spensierato e tranquillo possibile. In questi casi è di gran lunga preferibile una bugia bianca.

  • Quanto costano le cose

E' giusto crescere i bambini instillando dentro di loro il valore del denaro, ma ciò non implica dovergli dire nel dettaglio quanto costa ogni singola cosa, a partire dal mutuo a finire con quanto è costata la vostra ultima vacanza. La questione-denaro può preoccupare i bambini: di questi tempi, esposti senza tutele alle notizie dei media, una delle più grandi preoccupazioni dei bambini è legata al rischio di diventare poveri. Quindi è bene non parlare di soldi: né per dire quanto sono costate le cose né per vantarsi, in maniera sottile, di averne a sufficienza, perché ciò può portare loro a vantarsi con i propri compagni.

  • Cosa pensate dei loro insegnanti

I bambini possono lamentarsi dell'insegnante, ma mai voi dovrete fare altrettanto. L'autorità del docente non può essere scalfita nell'ambito familiare anche se pensate che quell'insegnate non sia competente o abbia dei limiti non bisogna mai parlarne ai bambini. Non vuol dire fingere che l'insegnante sia perfetta, ma magari sottolineare i lati positivi ed invitare i bambini a fare altrettanto.

  • Cosa non sopportate dell'altro genitore

Nessuno è perfetto e indubbiamente ci sono degli aspetti del carattere del vostro partner che mal sopportate. Non dovete coinvolgere i bambini nelle dispute coniugali ed è certamente un colpo basso trasferire ai figli le vostre percezioni negative.

  • Cosa pensate dei genitori dei loro amici

Ciò che si dice tra le quattro mura domestiche è strettamente personale e mai si può rischiare che esca fuori, magari per bocca di un ingenuo preadolescente che straparla in classe riferendo parole e giudizi ascoltate dal genitore. I pettegolezzi sugli adulti vanno fatti quando i bambini non ci sono: i bambini vanno lasciati liberi formarsi un'opinione sugli altri senza essere influenzati fortemente dal vostro giudizio.

Le cose più terribili che le mamme dicono ai figli
  • I dettagli della vostra vita sessuale

Quando sono piccoli l'unico problema riguarda se mostrarsi nudi davanti ai figli oppure no, e fino a che età. Ma quando si fanno più grandi potrebbero essere curiosi circa la vita intima dei loro genitori. L'imperativo è: non rispondere e non fornire alcun dettaglio, sia se lo chiedano sia se invece glissino sull'argomento con un malcelato imbarazzo. Ovviamente ciò non vuol dire che il sesso deve essere un tabù in famiglia: anzi è bene rispondere con parole semplici quando i bambini fanno delle domande, ma senza addentrarsi in dettagli personali che alla fine nella stragrande maggioranza dei casi mettono in imbarazzo i figli.

  • Sottolineare i propri errori

Tutti facciamo degli errori ed è inutile mostrarsi agli occhi dei figi come supereroi senza macchia. Ed è giusto far capire ai bambini che le persone, anche i genitori, sono esseri umani, imperfetti che possono sbagliare. Sottolineate la forza e la determinazione con la quale avete riparato ad un errore e in che modo avete lavorato per migliorare, ma non fate regolarmente l'elenco dei vostri errori, rischierete di cadere nell'autocommiserazione e finirete solo col caricare su vostri figli un peso troppo grande da sopportare.

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0