gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Cosa c’è da imparare dal movimento childfree?

/pictures/20150430/cosa-c-e-da-imparare-dal-movimento-childfree-379773417[2760]x[1149]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-famiglia

Forse a noi mamme “full-immersion” non farebbe male ogni tanto prendere un po’ di ispirazione da alcuni dei capisaldi del movimento childfree

Movimento Childfree

Noi mamme di bambini piccoli, vivendo letteralmente immerse nella genitorialità con tutti gli onori e gli oneri che comporta, a volte dimentichiamo che non tutti mettono i figli al primo posto, anzi. Ci sono persone, e coppie, che semplicemente non desiderano avere bambini: una decisione perfettamente legittima e condivisa da molti.

Anche noi un tempo eravamo “senza figli”, magari per qualche anno lo siamo stati per scelta, ma oggi abbiamo dimenticato com’era veramente vivere ogni giorno in quel modo. Forse a noi mamme “full-immersion” non farebbe male ogni tanto prendere un po’ di ispirazione da alcuni dei capisaldi del movimento childfree. 

Non avere figli è una scelta consapevole

Siamo nel 2015 eppure le coppie - o le donne! - arrivate “a una certa età” senza figli vengono guardate da alcune persone con esplicita commiserazione. Il tacito presupposto è che avere bambini sia un desiderio universalmente condiviso, quindi chi non li ha è stato un qualche modo colpito da un fato avverso: disavventure sentimentali, problemi di fertilità, etc. Invece, c’è gente che i figli proprio non li vuole, e sì, sono esseri umani veri :-) !

Non voglio figli e non giudicatemi

Il tempo degli adulti deve restare degli adulti

Una donna che è amica nostra non deve essere per forza amica anche dei nostri figli. Mettiamoci nei panni della malcapitata che ha sempre condiviso con noi serate di confidenze davanti a un bicchiere di vino, e ora si ritrova a parlare al muro mentre la sua amica di un tempo è impegnata a sedare capricci e rincorrere infanti scatenati che non vogliono mangiare le verdure. E’ giusto pretendere un po’ di comprensione e pazienza dalle amiche senza figli, ma la cosa dovrebbe essere bilaterale.

gpt native-middle-foglia-famiglia

Le mamme non hanno il monopolio della stanchezza

La vita delle persone senza figli per scelta non è fatta solo di party e lunghissime vacanze trascorse a bordo piscina sorseggiando cocktail con affascinanti sconosciuti. Hanno problemi sul lavoro, guai famigliari, preoccupazioni finanziarie e sentimentali… Tutte le cose di cui ci lamentiamo anche noi. Solo, senza i bambini. Nei confronti di tutte le persone che non hanno figli, per scelta o meno, sarebbe meglio evitare di comportarci come se la nostra vita fosse automaticamente più dura, o più significativa, solo perché siamo madri.

La scelta degli argomenti

Dovrebbe esserci un limite massimo per la trattazione di argomenti quali cacca e creme per il sedere, a maggior ragione se chi è con noi è altrettanto interessato al questi temi e ci da’ corda col risultato che un intero pomeriggio viene dedicato all’universo del pannolino. Scegliere una conversazione interessante può anche significare raccontare episodi dolci o divertenti sul nostro bambino: in fondo, siamo mamme. Ma anche persone.

I successi della vita non passano necessariamente attraverso il canale del parto

Anche i successi personali e le realizzazioni non correlate ai bambini sono importanti, e meritano di essere celebrate. Quando siamo completamente coinvolte dai nostri bambini e dal turbine della maternità, magari in concomitanza con nostre coetanee nella stessa situazione, tendiamo ad ignorare alcune tappe significative e traguardi delle persone rimaste senza figli… O persino i nostri! In sostanza dimentichiamo di essere donne oltre che mamme, e piano piano i nostri interessi finiscono nel dimenticatoio.

Il coraggio di fare una scelta difficile

La scelta di non avere figli può avere alle spalle motivazioni di ogni genere, dall’impossibilità pratica di conciliare lavoro e famiglia a patologie come la tocofobia (terrore della gravidanza e del parto). Si tratta in ogni caso di una scelta personale e difficile, ancora percepita come fortemente controcorrente: si pensi solo alle pressioni che i childfree ricevono dalla famiglia d’origine, dai genitori che vedono infrangersi il sogno di diventare nonni. Forse una delle cose più importanti che si possono imparare dalle donne childfree è il coraggio di portare avanti una decisione legittima ma impopolare, solo perché sappiamo che è la migliore per noi, o per i nostri bambini.

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0