gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Comunicare il congedo facoltativo è un obbligo: si rischia il licenziamento

E' obbligatorio comunicare la volontà di utilizzare il congedo parentale facoltativo, pena il licenziamento per assenza ingiustificata

La Cassazione ha confermato ufficialmente ciò che già era legge.
Se una neomamma intende usufruire del congedo facoltativo deve comunque darne tempestiva comunicazione (LEGGI) in azienda, altrimenti risulterà assente ingiustificata e rischierà il licenziamento (LEGGI).


LEGGI ANCHE: Lavoro e gravidanza, tutto quello che c'è da sapere


La vicenda giudiziaria vede protagonista una lavoratrice licenziata per colpa grave. Si era astenuta dal lavoro senza comunicare la volontà di usufruire del congedo facoltativo (LEGGI) - del quale un neogenitore può usufruire nei primi otto anni di vita del bambino - e per questo il datore di lavoro l'ha licenziata.

Il primo ricorso è stato vinto dalla donna, ma sia l'Appello che la Cassazione hanno confermato il licenziamento per giusta causa: la dipendente ha dimostrato di essere inaffidabile dal punto di vista lavorativo e indifferente nei confronti delle problematiche organizzative dell'azienda, costretta di punto in bianco a dover modificare mansioni e compiti.


LEGGI ANCHE: Bambini a lavoro con mamma e papà


Ma cosa dice la legge?
Chi vuole utilizzare il congedo facoltativo deve darne comunicazione almeno 15 giorni prima dell'inizio del periodo di astensione, perchè in questo modo il datore di lavoro potrà organizzarsi al meglio.
Inoltre la comunicazione andrà fatta anche all'INPS o ad eventuali altri enti assicurativi perchè l'indennità di astensione andrà riconosciuta solo per il periodo posteriore alla data di comunicazione.
gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0