gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Come passare tempo di qualità con i figli piccoli senza rimpianti

/pictures/20161123/come-passare-tempo-di-qualita-con-i-figli-piccoli-senza-rimpianti-4147443865[1925]x[803]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-famiglia

Il tempo fugge e i bambini crescono in fretta: ecco 10 idee per goderci l'infanzia dei nostri bambini e trascorrere tempo di qualità con loro senza avere rimpianti in futuro per ciò che abbiamo perso o sottovalutato

Come passare tempo di qualità con i figli

“Crescono tanto in fretta…” è una delle frasi che più spesso ci sentiamo ripetere quando abbiamo bambini piccoli. Ma cosa significa veramente godere della loro infanzia e accompagnarli verso la vita adulta, senza rimpianti? Come al solito, l’esperienza non si insegna. Sappiamo che i bambini “crescono in fretta” ma finché sono piccoli non cogliamo appieno il significato di questa frase, salvo in occasioni particolari, come il primo giorno d’asilo: d’un tratto ci sembra di aver partorito ieri quel bambino che ora sa parlare e camminare, e starà fuori casa per buona parte della giornata.

Le emozioni e l'orgoglio di essere mamma in 10 parole

Il tempo fugge, ed è bene ricordarlo non solo quando dobbiamo raggranellare le forze necessarie a cambiare un pannolino in piena notte. Ecco 10 idee per goderci davvero l’infanzia dei nostri bambini senza paura di svegliarci un domani col rimpianto di ciò che abbiamo perso o sottovalutato.

  • “Prendere un caffè” insieme, come faremmo con un’amica
    …anche se ovviamente lui (o lei) non prenderà un caffè, ma magari un succo di frutta: un appuntamento al bar resta comunque un modo semplice per vivere un momento speciale, solo per noi. Probabilmente ci piacerà così tanto da trasformarlo in un impegno fisso!
  • Tenere un diario
    Probabilmente la maggior dei diari della nascita vengono abbondonati dopo il primo compleanno! Ma, pensandoci, ci vuole pochissimo impegno per tenere traccia dei progressi dei nostri bambini o appuntare informazioni come i nomi dei loro migliori amici, il lavoro del loro sogni, etc. Basta scrivere al volo una nota al margine della nostra agenda… E un domani sapremo di non aver “perso” nulla, nemmeno il ricordo.
    Creare una tradizione
    Può essere il “caffè” di cui sopra o un dolce particolare cucinato per la colazione della domenica mattina, o ancora la gita nel tal posto quando cade l’onomastico di un membro della famiglia, o qualsiasi cosa vi venga in mente. Piccoli-grandi rituali che magari un domani i nostri piccoli vorranno ricreare con le loro famiglie!
  • Scrivere quello che dicono
    Bambini dai due anni in su dicono ogni giorno frasi in grado di farci rotolare dalle risate. Quando possibile annotiamole su un block notes: un domani sarà meraviglioso poterle rileggere!
  • Parlare con loro
    Un buono spunto di conversazione se vanno già all’asilo è chiedere loro di raccontare ciò che hanno fatto durante la giornata. Stiamoli sempre a sentire, non respingiamo i loro tentativi di coinvolgerci nelle loro vite, nei loro interessi e “problemi”. Solo così entreremo davvero in connessione con loro.
  • Dormire insieme
    Una volta ogni tanto si può anche organizzare una sorta di pigiama party: prendiamo un sacco a pelo o anche solo un materasso, portiamolo nella loro cameretta e dormiamo tutti insieme (finché non proveranno ribrezzo solo all’idea).
  • Sapere infrangere le regole
    In una bellissima giornata d’estate si può anche rimandare l’orario della cena per stare fuori mezz’ora in più a guardare il tramonto; o addirittura uscire dopo cena, col buio e magari in pigiama, a caccia di stelle cadenti.
  • Essere spontanei
    Anche noi siamo state bambine e volevamo fare cose… sorprendenti, illogiche, un po’ pazze, come compiere una lunghissima deviazione in auto solo per prendere un gelato. Cose che, nella loro follia, ricorderemo (e ricorderanno) sempre.
  • Prenderli in braccio
    Anche se ormai sono dei vitellini e solo nel sollevarli la nostra schiena sembra gridare pietà: ma presto, prestissimo non potremo più farlo per niente. Un giorno in cui ci sentiamo particolarmente in forma, prendiamoli sulle spalle e via!
  • Fare loro piccole sorprese…
    Come un bigliettino infilato nello zaino dell’asilo, le verdure nel piatto disposte a formare una faccina sorridente, un dessert speciale per festeggiare il loro “non compleanno”. Oppure prepariamo qualche panino e improvvisiamo un picnic all’aperto, anche solo nel parco dietro casa. Ogni giorno insieme a loro è da festeggiare! Un giorno i ricordi saranno l’unica cosa che ci resterà della loro infanzia.

 

 
gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0