gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Come fare belle fotografie a Carnevale

/pictures/20150127/come-fare-belle-fotografie-a-carnevale-3937826410[2287]x[954]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-famiglia

A Carnevale ogni foto vale. In occasioni come questa, una persona che fotografa è sempre più che gradita, perché non approfittare seguendo qualche semplice consiglio?

Fotografie di Carnevale

di Gianluca Petrillo

Partiamo dal presupposto che non si può fotografare tutto:  scegliere uno o due soggetti consente di studiarli meglio e ottenere per questo immagini migliori, l’ideale è concentrarsi su uno o due argomenti, i bambini, i carri allegorici, una maschera in particolare.

Documentarsi un po’ sul tipo di Carnevale che si va a fotografare è molto importante, se si vogliono ottenere immagini meno banali e di raccontare nel vostro piccolo una storia.

Cercate il carnevale più vicino alla vostra città, in Italia ce ne sono molti e ognuno ha una sua caratteristica.

gpt native-middle-foglia-famiglia


Una bella foto va sempre un po’ programmata. E’ facile dimenticarsi dello sfondo, fate attenzione, perché spesso può essere casuale e confuso, rovinando così la vostra immagine. Per evitarlo non abbiate paura di fermare e parlare con le persone, è molto più semplice di quello che pensate e con un po’ di gentilezza sarà senza dubbio contenta di posare per voi davanti ad uno sfondo più adatto.

Al contrario può anche succedere che il contrasto tra una maschera e uno sfondo possa comunque raccontare qualcosa, ad esempio la lacrima di un pierrot e il sorriso di un bambino. Una reflex con obiettivi intercambiabili è lo strumento ideale, perché vi permette una maggiore varietà di scatto. Tuttavia anche una normalissima compatta con zoom e un’ampia focale grandangolare può bastare. Il grandangolare è quello certamente più usato in situazioni dove c’è molta gente, esalta la prospettiva e da molto risalto ai soggetti in primo piano.

Come fare foto originali al tuo bambino

Altro oggetto molto utile, una piccola scaletta allungabile da elettricista, vi sarà utile per alzare un po’ la vostra visuale e trovare l'inquadratura ideale. Cercate di scattare in "orizzontale", un’inquadratura verticale è molto più adatta per i particolari. Se potete cercate di fotografare dall’alto, è un po’ più complicato perché dovreste chiedere a qualcuno di farvi entrare in casa, ma una bella visuale su una sfilata di Carnevale è un’occasione più unica che rara.

La tentazione di fotografare i vostri figli  o vostro marito in maschera è irresistibile. Prima di tutto non costringete il bambino a posare a tutti i costi, giocate sul fattore sorpresa, meglio una foto un po’ mossa o sfocata  che un’immagine completamente innaturale. Inoltre abbassatevi sempre all’altezza dei suoi occhi, altrimenti rischiate di far apparire la testa sproporzionata rispetto al corpo. A parte l’esito finale potrebbe essere divertente catturare tutta la fase di preparazione, vostro figlio che diventa Batman, vostro marito che si trasforma in Joker?  E’ un momento da non perdere.

Ricordate che Carnevale è sinonimo di colori, quanto più colorate saranno le vostre foto, quanto più daranno l'idea di allegria e felicità. Anche in questo caso, un suggerimento: scegliete un colore, rosso, giallo, verde, quello che più vi piace, fotografate tutto ciò che coinvolge questo colore, il trucco dei visi, gli oggetti, i carri, gli oggetti, potrebbe essere un modo davvero originale di documentare un carnevale.

Le foto in bianco e nero possono essere altrettanto suggestive, anche se in questo caso la scelta del soggetto va valutata bene, non usate quindi il bianco e nero per foto standard di ritratti, ma piuttosto per carnevali storici, particolari, come il carnevale di Mamoiada in Sardegna o lo storico Carnevale di Ivrea e la sua spettacolare Battaglia delle arance.

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0