gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Idee per creare e mantenere le amicizie tra mamme

/pictures/20150630/idee-per-creare-e-mantenere-le-amicizie-tra-mamma-397646713[4854]x[2025]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-famiglia

Consigli utili per coltivare al meglio le amicizie tra mamme e vivere con serenità il tempo condiviso con le altre famiglie

Come fare amicizia con le altre mamme

Trascorriamo ore della nostra giornata in compagnia di altre mamme: fuori dall’asilo, al parco, ai playdate e alle festicciole. Nella maggior parte dei casi si tratta di semplici conoscenze che rimarranno tali, ma a volte può nascere anche una bella amicizia, cementata dalla situazione comune e magari dal legame tra i nostri figli: non sono amicizie comuni, ma mammamicizie!

Quando dai alla luce un bambino, volente o nolente entri a far parte del “mondo delle mamme”; soprattutto all’inizio, la tendenza è quella della fedeltà irriducibile alle “vecchie” amiche - magari non ancora mamme - e forse di guardare con un briciolo di diffidenza le altre neo-genitrici che ti trovi a frequentare: insomma, non è che perché ci passi ogni giovedì un'ora durante il corso di acquaticità devi per forza diventarci amicona. In più, le relazioni tra mamme sono spesso venate da una sottile competizione: il classico atteggiamento "mio figlio è meglio del tuo" non piace a nessuno. Tuttavia, l’amicizia tra mamme può esistere ed è una cosa meravigliosa. Ecco come dare una chance a quelle illustri sconosciute che ci accompagnano in tutte le nostre attività mammesche.

  • Dire qualcosa di incoraggiante

I nostri bambini giocano felici da un’ora al campo giochi, sfregandosi vicendevolmente la sabbia nei capelli e sputandosi addosso l’acqua della fontanella: non è opportuno prendere ispirazione da queste tattiche per stringere mammamicizia con la mamma al nostro fianco, ma invece una buona idea è dire qualcosa di incoraggiante. Che suo figlio è simpatico (chi mai non vorrebbe un amico che ti regala le sue caccole?) o qualcosa che assomigli ad un complimento sul suo lavoro come mamma, purchè sia vero. Tutte noi abbiamo un immenso bisogno di sentirci dire qualcosa del genere.

  • Non avere aspettative

Fare mammamicizia per certi versi ti riporta al periodo delle medie e del liceo, momenti che nessuno sano di mente vorrebbe mai rivivere. Anche tra donne di 35 o 40 anni succedono certe cose, forse in misura minore, ma succedono. Può darsi che, semplicemente, la mamma con cui tu vorresti fare amicizia non è interessata. Potresti venire a sapere che non ha ricambiato il tuo invito al playdate, anzi, ne ha organizzato uno con sue amiche VIP senza dirti nulla - nonostante suo figlio la settimana scorsa ti abbia quasi distrutto la casa. Può essere che cambi le attività del bambino e che non ci sia più occasione di vedersi. Meglio non prenderla sul personale: non possiamo piacere a tutti. A volte si vince, a volte si perde.

  • Essere noi stesse

E’ bello avere altre mammamiche, con bambini con la stessa età: si possono organizzare milioni di attività insieme, gite nei weekend, ci si invita a turno nei giorni di pioggia, etc. Tuttavia, non è un lavoro. Essere noi stesse ci aiuterà a “tagliare i rami secchi”, le persone a cui non piacciamo o che non ci piacciono, e al contempo per chi ci apprezza risulteremo una compagnia molto migliore.

Come cambia "l'amicizia" quando si diventa mamma
  • Trovare il tempo

Per coltivare le mammamicizie, bisogna mettere in conto di investire un po’ di tempo ed energie. La nostra vita è già caotica, è vero, ma tutte quelle cose che facciamo ogni giorno, presumibilmente deve farle anche la nostra nuova mammamica. Possiamo andare a far la spesa insieme, tenendo i bambini a turno, mangiare un panino al centro commerciale e magari alternarci per portare i piccoli al cinema la domenica. Anche il caos è più bello in due.

  • Nessuno è perfetto

In una mammamicizia, ci sarà sempre la volta in cui lei dirà, o farà, qualcosa di sbagliato. La critica fuori posto a nostro figlio (e quindi implicitamente a noi), parteggiare per suo figlio a sproposito,  o ancora, la cosa giusta ma detta nel modo sbagliato, il contravvenire ad una regola genitoriale che per noi è molto importante. Se si tratta di casi isolati, si può anche valutare di passarci sopra: l’importante, se capita a noi, è trovare il coraggio di alzare il telefono e scusarci. E’ questo che fa di te una “mammamica” preziosa.

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0