gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

I gesti premurosi da rivolgere alle neomamme

/pictures/20150324/i-gesti-premurosi-da-rivolgere-alle-neomamme-2857786134[2621]x[1093]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-famiglia

Diventare mamma è meraviglioso, ma anche difficile. Vediamo, quindi, quali semplici gesti possiamo fare per aiutare una neomamma

Gesti per aiutare una neomamma

Quando una nostra cara amica diventa mamma prima di noi, è una gioia, ma talvolta ci sentiamo anche un po’ impacciate e quasi incerte su come comportarci. Il segreto è tenere presente una semplice verità: diventare mamma è meraviglioso, ma anche difficile. Quindi, se nella nostra vita c’è una neomamma speciale, concentriamoci su cosa possiamo fare per lei.

  • Chiamarla mentre facciamo la spesa

Per noi è un piccolo sforzo farle una telefonata mentre facciamo la spesa e chiedere se ha bisogno di qualcosa, magari proprio mentre stiamo andando a casa sua o “casualmente” siamo di mano per portargliela. Può sembrare una sciocchezza, ma per la mamma di un neonato a volte può essere un problema anche solo uscire a comprare il latte, e regolarmente quando torna a casa dal supermercato e si accorge di aver dimenticato la metà delle cose.

Come aiutare una neomamma dopo il parto
  • Dare una mano con incombenze varie

Proporle di fare il suo bucato o pulire il bagno è naturalmente praticabile solo se di base c’è una grande confidenza. Tuttavia, ci si può offrire anche per altri tipi di incombenze, cercando sempre di farlo pesare il meno possibile “Devo andare in posta, hai bisogno di qualcosa?” “Passo in lavanderia, hai capi da ritirare?” etc.

gpt native-middle-foglia-famiglia

  • Farle un complimento…

... Che sia sincero, o rivolgerle una frase affettuosa. E’ probabile che lei non si senta molto in forma in questo momento, anzi, è più facile che non si sia mai sentita così poco attraente. E’ proprio in casi come questo che un complimento sincero e motivato può rialzare il morale e ha un impatto molto più grande rispetto al solito.

  • Dedicarle un piccolo pensiero

In questo momento tutti intorno a lei hanno occhi solo per il suo bambino, e lei ne è felice, naturalmente, ma ciò non toglie che è appena uscita da una gravidanza, da un parto, è nel vivo dell’allattamento e delle notti insonni, dunque per una volta una piccola attenzione rivolta solo ed esclusivamente a lei sarà particolarmente apprezzata. Portarle un cappuccino e la sua brioches preferita dal bar sotto casa è un’idea: sì, sappiamo ancora qual è la sua brioches preferita. Non ce ne siamo dimenticate all’istante, accecate dalla presenza del suo minuscolo fagottino di gioia.

  • Fare a lei il regalo della nascita

Andiamo controcorrente e per la nascita facciamo un regalo a lei anziché al bambino - il quale probabilmente sarà già sommerso da nuovi vestitini e balocchi, quando gli unici suoi interessi al momento sono: stare in braccio a sua madre, annusare l’odore di sua madre, sentire la voce di sua madre, mangiare, dormire. Naturalmente le mamme apprezzano molto i regali ai loro bebè. Ma apprezzano anche di essere ricordate come persone e non solo come mamme.

Le regole delle visite alla neomamma
  • Offrirle un pasto

Quando andiamo a trovarla a casa, invece che portarle l’ennesima pianta (dopo la degenza in ospedale probabilmente il suo salotto inizierà ad assomigliare ad una serra) optiamo per una bella teglia di lasagne o un arrosto con patate. Vi sembra strano? Beh, a lei invece farà un gran piacere avere la cena pronta, per una volta: è una cosa in meno di cui si deve preoccupare.

  • Offrirsi di fare da babysitter

Anche se non siamo ancora mamme e i neonati ci incutono terrore, possiamo sempre offrirci di fare da babysitter quando il piccolo fa il sonnellino: anche questo è un bell’aiuto. La mamma potrà uscire a fare due passi, andare dal medico o coccolarsi dall’estetista. Anche solo mezz’ora per se’ sora ha un valore inestimabile.

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0