gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

Cesareo e allattamento artificiale, mamme a metà?

Molte mamme che non hanno avuto un parto naturale e non riescono ad allattare vengono accusate di essere mamme a metà: ma l'essere madre dipende veramente da come il bambino è nato?

Sul forum di Pianeta Mamma il dibattito è molto acceso e va avanti da tempo. Molto spesso capita alle mamme che hanno avuto un cesareo (LEGGI) e non sono riuscite a partorire in maniera naturale di essere considerate "mamme a metà". E lo stesso discorso vale per tutte quelle mamme che non riescono ad allattare (LEGGI) e devono rassegnarsi al latte artificiale. E la spiegazione sarebbe perché, durante il parto, non si soffre il travaglio, non si spinge, non si vede il bambino appena è nato...



LEGGI ANCHE: Le pratiche da evitare per avere un buon parto



E per questo molte mamme che hanno partorito con un cesareo spesso si sentono quasi in colpa e si convincono di essere veramente mamme a metà. A volte è anche una questione di sensazioni ed emozioni che con un parto cesareo sono diverse rispetto a un parto naturale, come racconta marilli: "Quello che mi ha ferito l'anima è invece l'aver provato cosa significa non avere più il controllo del mio corpo e delle mie emozioni, l'essere in balia di persone che non hanno agito per il mio bene e non aver avuto la forza di oppormi, è l'aver sentito uscire mia figlia dalla pancia, una sensazione terrificante, innaturale ed alienante. E dopo il "parto" non potevo che domandarmi dove fosse la bellezza della nascita, io che non riuscivo nemmeno a prendere in braccio la mia piccola senza l'aiuto di qualcuno, dovendomi districare tra flebo, catetere e antidolorifici... Ancora oggi mi chiedo come ho fatto a non entrare in depressione, anche se ci sono andata vicino. Ancora oggi quando sento qualcuno che mi dice "l'importante è che sia andato tutto bene, che tu e la bimba stiate bene" mi sento profondamente insultata".



gpt native-middle-foglia-famiglia




Fortunatamente ci sono anche quelle mamme che si ribellano a chi vuole definirle mamme al 50%. In fondo il diventare mamma perché dovrebbe dipendere soltanto dal tipo di parto che si fa o dall'allattamento che si offre ai bambini appena nati? Non è un qualcosa che comincia già dai mesi di gravidanza e continua negli anni successivi? Le mamme che partoriscono col cesareo o che non allattano alla fine sono mamme come le altre. Si alzeranno di notte per dare da mangiare al bambino, lo coccoleranno quando ne avrà bisogno, gli faranno i massaggi quando avrà le coliche (LEGGI) o lo rimprovereranno quando farà i capricci (LEGGI).

Essere madre non vuol dire soltanto soffrire durante il travaglio (LEGGI) e mettere al mondo il proprio bambino in maniera naturale. Vuol dire prendersi cura di lui o lei, accudirlo ed assicurarsi che cresca bene e felice. Ed allora perché le mamme che hanno avuto un cesareo devono essere considerate, da parte di alcune mamme che invece hanno avuto un parto naturale, mamme a metà?



LEGGI ANCHE: Parto cesareo a richiesta: è possibile farlo?



Ci sono anche persone che criticano chi sceglie di partorire con l'epidurale (LEGGI), perché un parto senza dolore non è un parto e "son tutti bravi a fare i figli se non soffri per niente". Insomma, per certe persone la frase "partorirai con dolore" è quasi legge. E non si ammettono alternative. Ma chi l'ha detto che chi deve partorire con un cesareo non soffre?

E comunque sono altre le cose che fanno di una donna una madre! Che ne pensate?
gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0