gpt skin_web-famiglia-0
gpt strip1_generica-famiglia
gpt strip1_gpt-famiglia-0
1 5

La carta dei diritti della neomamma

/pictures/20150615/la-carta-dei-diritti-della-neomamma-3657209038[5433]x[2267]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-famiglia

Partorire non significa perdere alcuni dei diritti inalienabili della persona, quindi aprite bene le orecchie nonni, zii e soprattutto papà: qualsiasi cosa succeda, la neomamma accanto a voi non potrà mai essere privata di questi beni fondamentali

Diritti di una neomamma

Preambolo: Tutte le mamme nascono libere e in eguali dignità e diritti dei papà e degli altri esseri umani. L’uomo che era perfettamente consenziente nonché propositivo al momento del concepimento non gode di alcuna buona ragione per ricusare i propri doveri a download avvenuto.

  • Articolo 1: Dignità

Ogni mamma ha diritto a chiudere a chiave la porta del bagno quando la natura chiama o per provvedere alla propria igiene personale.

  • Articolo 2: Libertà di parola e di espressione

Ogni mamma ha diritto all’espressione della propria personalità non mammesca. Deve quindi esserle garantito l’esercizio di tali interessi, attraverso, a titolo esemplificativo e non esaustivo: una serata tra amiche una volta al mese; la lettura di libri e riviste che non parlano di bambini; restare a casa da sola senza pulire o stirare; prendere una giornata di ferie e mandare comunque i bambini all’asilo senza essere considerata una madre orribile.

Qual è la cosa che accomuna le neomamme? I consigli non richiesti
  • Articolo 3: Giustizia

Per ogni 10 gioielli plasticosi e tamarri di Frozen, ogni mamma ha diritto ad acquistare per se’ un gioiello vero. Per ogni 10 paia di leggings usa e getta, che si bucano sulle ginocchia dopo mezza giornata di asilo, ha diritto ad acquistare per se’ un paio di jeans della sua taglia giusta invece di continuare a mettere quelli premaman nella folle speranza di rientrare un giorno in quelli pre gravidanza. Ma soprattutto, la mamma, godendo di pari diritti rispetto al papà e agli altri esseri umani, è perfettamente legittimata a pronunciare, ogni tanto, le temutissime due parole: "IO ESCO".

  • Articolo 4: Libertà di opinione

Ogni mamma ha pieno diritto ad esprimere la propria opinione su ciò che riguarda il bambino e la genitorialità, per quanto tale opinione possa risultare impopolare. A titolo esemplificativo e non esaustivo: “Se ti alzi una volta anche tu, mica muori.” “Se doveste partorire voi, la razza umana si sarebbe estinta” “Fare sesso? Forse nella prossima era geologica. E comunque se ti alzassi ogni tanto anche tu la notte, questo aiuterebbe.” Già, ogni mamma ha anche il diritto ad essere acida (magari, se ogni tanto di notte vi alzaste anche voi, lo sarebbe di meno).

  • Articolo 5: Diritto alla privacy

Ogni mamma durante il puerperio ha diritto a restare tutto il giorno a letto con il proprio bambino, alzandosi solo per cambiare i pannolini o andare in bagno, e facendosi recapitare pizza a domicilio; ne consegue il diritto a staccare il telefono e allontanare a male parole gli incauti visitatori.

  • Articolo 6: Diritto all'esercizio del proprio ruolo

Ogni mamma ha l’ultima parola circa ogni decisione concernente salute, educazione e sicurezza del bambino, in accordo con il papà. Questo include il diritto a scegliere a chi affidare il bambino in caso di propria assenza, a proprio insindacabile giudizio.

  • Articolo 7: Diritto alla felicità

Ogni mamma ha diritto a perseguire il proprio bene personale accanto a quello dei bambini, il che include, a titolo esemplificativo e non esaustivo: cucinare ogni tanto i propri cibi prediletti e non solo quelli preferiti dai bambini; saltare un playdate se il bambino sta dormendo più del solito e lei vuole mettersi lo smalto; pagare una babysitter solo per dormire; pagare una babysitter fidata anche se ci sono i nonni gratis. Per voi quali sono i diritti più importanti della neomamma?

gpt native-bottom-foglia-famiglia
gpt inread-famiglia-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-famiglia-0