gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Wonderlife: "Vi riposate voi di domenica?"

Anche se la domenica le vostre intenzioni sarebbero quelle si rimanere a letto, portate il pupo a fare una gita. Ma forse era meglio pensarne un'altra, come ci racconta Wonderland di 'Ma che davvero?'

Sono le sette e trenta ed è una splendida mattinata di sole. Peccato solo che è Domenica e le vostre intenzioni erano quelle di rimanere avvoltolati nel piumone almeno fino alle undici. Ok: forse in un’altra vita.
Il vostro nano è praticamente caricato a molla. Mentre per voi la colazione è ancora un momento di tenebra cerebrale, lui ha spazzolato un biberon in tre nanosecondi e adesso vuole – contemporaneamente – mettersi le scarpe del papà, giocare con le costruzioni, vedere un cartone, mangiare un biscotto, saltare, cantare una canzone e tentare di uccidersi facendo tutte queste cose in piedi sul ripiano dell’armadio.

Cosa fare? Ma certo: sfruttare la bella giornata dopo tanta pioggia e uscire.
Vi vestite, lo vestite (tenendolo in due perché non ne vuole sapere) e arriva un momento di grazia in cui siete tutti lì sorridenti, pronti coi cappotti, sulla porta di casa.
E’ in quel momento che sentite un odore sospetto e lo vedete molto – troppo – concentrato.
“Mi sa che sta facendo….” suggerisce il papà.
“Sì, mi sa anche a me” confermate.
Pit-stop al fasciatoio. Ovviamente non avevate allacciato benissimo il pannolino e va spogliato, lavato, asciugato e cambiato integralmente.

ragazzinoOk: dopo venti minuti siete di nuovo pronti sulla porta di casa e questa volta riuscite anche ad entrare in macchina.
Dove andare? Il papà storce il naso a sentire la parola “parco” e decide: gita in campagna.
Accendete la macchina, parte l’autoradio e, in contemporanea, le richieste al dj: “metti la canzone di Popolino?”
Noooo, argh, la canzone di Topolino noooo! Mannaggia alla nonna e a quando gli ha fatto scoprire quel maledetto cd! Per distrarlo proponete un diversivo: raccontiamo una favola.
“No.”
Ehm, cantiamo noi una canzone?
“No.”
E cosa allora?
“Succo di futta.”
Beh, in effetti sono le dieci e mezza, a quest’ora è abituato a fare merenda al nido: e succo sia.
“Ma già beve dal brik?” chiede il papà “Non rischia di sporcarsi?”
“Ma nooo, ormai è allena…” non finite di dire la parola che il pupo ha stritolato il brick come farebbe Chuck Norris con un barile di petrolio. Uno zampillo arancione parte dal seggiolino e finisce rovinosamente sulla porzione di sedile a fianco.
“Shhh” sussurrate al pupo, che se la ride. Meno male che avete sempre in macchina le salviette umidificate.
Il papà sbaglia strada quattro volte prima di arrivare in quella che lui chiama “campagna”: un paesino dove sembra appena scoppiata la guerra nucleare, tant’è deserto.

Bene: e adesso? Sarà meglio trovare un posto dove far giocare il pu… dov’è finito? Era proprio qui accanto a me.
Ecco, ha scovato l’unica vecchina con cane di tutto il circondario e adessono corrono. Lui dietro al cane. La vecchina attaccata. A quel punto li segue anche il papà, sembra il trenino, tanto che nella vostra testa parte in automatico “a, e, i, o, u…ipsilon!”.
Finita la scena circense, il nano ha fame.
Eh, certo: è finita l’epoca del biberon-scaldabiberon-latteinpolvere, ma… pare sia finita anche l’era dei ristoranti, nel paesino fantasma. Ce n’è solo uno aperto, dove il solerte cameriere nemmeno vi guarda in faccia ed esclama:
“Per il pupo ‘na bella cotoletta e ‘na patata fritta?” (declinatelo pure nel vostro dialetto locale)
Uscite appesantiti un’ora dopo, ma convinti di fare una splendida passeggiata: diluvia.

Tornate a casa un po’ affranti, e parlo di voi genitori perché invece lui è a tremila giri come al solito. Tentate di corromperlo: “amore, ci vediamo un film tutti insieme?” Lui resiste 10 minuti, poi ricomincia “vojo giocare, vojo saltare, vojo correre, vojo giocare a palla”.
Chiama la suocera: “come state? Vi siete riposati, oggi che è Domenica?”
Ogni insulto o improperio è puramente casuale


1. puntata: Pronti, partenza oddio!

2. puntata: Parole, parole, parole.. le prime!

3. puntata: I posti dove non portare mai un bambino

4. puntata: Cara amica single, ti presento la vita da mamma

5. puntata: Parliamo di papà

6. puntata: Mamme da spiaggia

7. puntata: la festa di compleanno dei nani  

8. puntata: l'inserimento al nido

9. puntata: nonne e dintorni
10. puntata: missione spannolinamento

11. puntata: consigli per gli acquisti formato baby


banner300x100_aLeggi qui l'intervista a Chiara di 'Ma che davvero?' 
Intervista a Chiara, meglio conosciuta come Wonderland, mamma blogger di "Ma che davvero?", mamma giovane, pungente e cool quanto basta, che ha individuato nell’ironia il modo per raccontare 'quello che le mamme non dicono'. E dopo il successo del blog è uscito il suo primo libro

La recensione su Pianetamamma del libro di Chiara, "Quello che le mamme non dicono"
La recensione un po' strampalata, un po' troppo di parte, un po' emozionata di un libro bellissimo per le mamme. Ma soprattutto per le donne


Il blog di Wondeland: Ma che davvero?


bannerlibroQuello che le mamme..

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0