gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Il 60% dei genitori non usa il seggiolino in auto

La sicurezza dei bambini viene prima di tutto, ma sono troppi i genitori che continuano a non utilizzare il seggiolino quando portano i bambini in automobile

Un dato allarmante: il 60% dei genitori italiani non mette i bambini sul seggiolino quando va in macchina. Nonostante tutti gli appelli sulla sicurezza dei bambini in auto, che invitano i genitori a mettere i bambini nel seggiolino per evitare che si possano fare male in caso di incidente, sono ancora troppi quelli che invece li portano in braccio o li lasciano liberi di stare sul sedile senza essere legati in alcun modo.



LEGGI ANCHE: Sicurezza a bordo per i nostri bambini



Molto spesso i bambini si ribellano quando devono essere messi sul seggiolino e molti genitori, pur di non sentirli piangere e lamentarsi per tutto il viaggio, decidono di lasciarli liberi. Secondo i dati del progetto Children in the car, negli incidenti autostradali in cui i bambini hanno riportato lesioni gravi almeno il 50% non era stato messo sul seggiolino.

Dallo studio risulta che almeno il 37% dei bambini non viene sistemato correttamente in automobile ed il 23% di questi bambini potrebbe rischiare la vita in caso di incidente. Secondo Alberto Villani, responsabile dell'Unità di Pediatria Generale e Malattie Infettive dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, "purtroppo in Italia scontiamo un ritardo culturale notevole rispetto ad altri Paesi: siamo arrivati molto tardi all'obbligo delle cinture di sicurezza in auto e abbiamo faticato non poco a farcelo entrare in testa, perciò spesso perfino i genitori non allacciano le cinture".







Quindi i genitori non mettono in sicurezza i bambini in auto e nemmeno se stessi.
Molto spesso la scusa è che il tragitto da compiere è breve. Ed allora si pensa che se si devono percorrere pochi chilometri non si corre alcun rischio se i bambini non vengono messi sul seggiolino.

Oppure si pensa che tenendo un bambino in braccio, questo non corra alcun pericolo. Senza considerare che in caso di frenata improvvisa, si rischia di schiacciare il bambino con il proprio peso. Generalmente con i neonati ed i bambini molto piccoli, i genitori prestano più attenzione. Il problema sorge nel momento in cui il bambino comincia ad avere intorno ai 4 anni.



LEGGI ANCHE: Se lo ami, legalo: più sicurezza in auto per i bambini



A questa età aumenta notevolmente il numero di genitori che accettano di non mettere il bambino sul seggiolino o di non legarlo con la cintura di sicurezza. La fascia più a rischio è quella dei bambini tra 4 e 7 anni, come sottolinea sempre Villani: "È così, tutte le cautele svaniscono dopo i tre, quattro anni: pochi, ad esempio, usano il rialzo del sedile per agganciare come si deve le cinture a tutti gli under 12 o ai bambini più bassi di un metro e mezzo. Molti genitori poi fanno sedere i figli sul sedile anteriore: un errore enorme, perché è il posto più pericoloso. E la probabilità che si allenti l'attenzione sulle norme di sicurezza aumenta se ci sono più adulti in macchina: se un bimbo viaggia solo con la sua mamma è più probabile che sia assicurato correttamente al sedile, mentre in presenza di più adulti si finisce per credere che qualcun altro si sia occupato del bambino e gli errori aumentano".

Cosa si rischia in caso di incidente? I bambini, se non vengono rispettate le norme di sicurezza, possono riportare trauma cranico, contusioni, lacerazioni, commozione cerebrale e fratture. Esiste anche la "sindrome da cinture di sicurezza", ma solo nel caso in cui non sia stata allacciata correttamente: "la prima regola, che ancora i genitori italiani purtroppo devono imparare, è che bisogna comunque allacciarle, sempre. Le lesioni da "sindrome da cinture di sicurezza" sono meno gravi del rischio concreto di perdere la vita se le protezioni non si usano affatto".
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0