gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Campi estivi per bambini: come orientarsi

Tra qualche settimana le scuole chiuderanno. Come impegnare i bambini, se non si hanno nonni o familiari che corrono in aiuto? Una valida opportunità sono i campi estivi

Siamo allo sprint finale. I bambini sono già stanchi, desiderosi di sconvolgere la routine di tutti i giorni, irrequieti e smaniosi di stare all’aria aperta invece che al chiuso delle scuole. Ma noi genitori non possiamo accontentarli. Come potremmo? Per noi gli impegni di lavoro non hanno una scadenza (se non le agognate settimane di ferie) e quando le scuole saranno chiuse il problema di ogni anno si riproporrà identico (LEGGI) come ogni anno: come impegnare i bambini? A chi affidarli e soprattutto per fargli fare cosa?


LEGGI ANCHE: Campi estivi per bambini, centro Italia


Ad interpretare le esigenze di milioni di genitori lavoratori sono sempre più spesso associazioni presenti sul territorio, società di animazione, villaggi turistici e strutture alberghiere che mirano ad andare incontro alle necessità dei bambini e dei loro genitori, senza farsi sfuggire l’opportunità di fare business.

I bambini che viaggiano da soli (LEGGI) sono in aumento. I dati resi noti nel corso dell’ultima edizione del Children’s Tour, il salone del viaggio per le famiglie, lo confermano. Campi estivi, villaggi vacanze e altre soluzioni di viaggio under 18 trovano sempre maggiore riscontro tra i giovanissimi e i loro genitori.


LEGGI ANCHE: Campi estivi per bambini al sud Italia


Ma come orientarsi nel vasto mondo dei campi estivi?
Innanzitutto è importante fare una valutazione sul bambino, la sua età e il suo carattere.
E’ un bambino socievole? Abituato a stare con i coetanee e  gli educatori? E’ mai stato lontano da mamma e papà per qualche giorno? E’ giusto far sperimentare al bambino una nuova esperienza e farlo misurare con una importante novità, ma è altrettanto giusto tenere conto delle sue abitudini e delle sue inclinazioni. Le attività si svolgono per tutta la giornata e la sera si torna a casa a dormire.
Se il bambino è piccolo oppure sta vivendo un momento particolarmente delicato potrebbe vivere con difficoltà il distacco dai genitori: l’importante è stimolarlo, proporre, coinvolgerlo, ma mai costringerlo, perché l’esperienza di una vacanza da solo deve essere sì un banco di prova, a volte impegnativo, ma pur sempre una esperienza positiva e occasione felice di crescita.


LEGGI ANCHE: Campi estivi per bambini nel nord Italia


Davvero numerose le proposte “a tema”. Si può spaziare dal campo per imparare una lingua straniera a quello sportivo, dove si può apprendere l’arte di una nuova disciplina sportiva, dal campo naturalistico (LEGGI) dove si può stare a diretto contatto con la natura a quello di stampo solidaristico, fino a quello archeologico.

Le opportunità sono sempre più numerose, l’importante è scegliere un luogo non troppo lontano  a casa (se il bambino dormirà al campo) e che abbia in programma una serie di attività che incontrano l’interesse del piccolo. L’ideale sarebbe chiedere direttamente a lui cosa desidera fare, in quali attività preferisce impegnarsi e poi coinvolgerlo nella selezione del campo.



E i costi? Sono molto variabili. Si parte da circa 350 euro a settimana in pensione completa. Se si iscrivono due o più fratelli o sorelle alcuni operatori praticano uno sconto.

Nei prossimi giorni Pianeta Mamma selezionerà le proposte più interessanti in tutta Italia per aiutarvi nella scelta del campo estivo che fa per voi, ma nel frattempo vi consigliamo di dare un’occhiata ai siti delle associazioni più attive in Italia e con tante sedi su tutto il territorio nazionale:
Legambiente organizza ogni estate in posti bellissimi della nostra penisola i campi di volontariato destinati sia alle famiglie che ai bambini;
il WWF apre le sue Oasi protette per accogliere i bambini e coinvolgerli nelle numerose attività di sensibilizzazione e conoscenza della natura;
la LIPU organizza vacanze per bambini che potranno studiare da vicino le varie tipologie di uccelli.

Infine le più prestigiose Società di Calcio nazionali organizzano settimane all’isnegna della scuola di calcio, dello sport e dello spirito di squadra. Ecco le informazioni sul Milan Junior Camp


gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0