gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Sviluppo dell'udito nel bambino. Come capire se un neonato non sente

/pictures/2017/03/07/sviluppo-dell-udito-nel-bambino-come-capire-se-un-neonato-non-sente-388115907[4682]x[1953]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

La pediatra ci parla dello sviluppo dell'udito nel bambino dalla nascita a un anno. Come capire se un bambino ha problemi uditivi e come intervenire

Sviluppo dell'udito nel bambino

"Parlare è il modo di esprimere se stesso agli altri. Ascoltare è il modo di accogliere gli altri in se stesso." (Wen Tzu)

La nostra pediatra ci parla di un tema molto importante, di cui si parla poco: lo sviluppo dell'udito nel bambino. Il neonato è in grado di sentire chiaramente sin dalla nascita e può anche sentire la voce della madre e altri rumori quando è in utero, mentre quando cresce userà il suo udito per prendere grandi quantità di informazioni sul mondo che gira e vive intorno a lui. 

Quando si sviluppa l'udito nel feto

Lo sviluppo uditivo nel feto e del neonato comporta le parti strutturali delle orecchie che si sviluppano nelle prime 20 settimane di gestazione, mentre la parte neurosensoriale del sistema uditivo si sviluppa soprattutto dopo le 20 settimane di gestazione. Il sistema uditivo in toto diventa funzionale alla 25a settimana di gestazione. Alla 24° settimana di gestazione il feto è in grado di girare la testa in risposta a voci e rumori.

A differenza del sistema visivo, il sistema uditivo esterno richiede la stimolazione uditiva, come la parola, la musica e suoni significativi dall'ambiente. Il neonato pretermine così come il neonato a termine non può riconoscere o discriminare i suoni significativi con livelli di rumore di fondo superiori a 60 dB, infatti nel rumore di fondo a bassa frequenza, se è più intenso, le frequenze meno specifiche possono essere ascoltate e utilizzate per sintonizzare le cellule ciliate della coclea. L'esposizione continua a forte rumore di fondo in terapia intensiva o a casa interferisce con lo sviluppo uditivo e, soprattutto, la capacità di distinguere la frequenza. Il controllo del rumore esterno, l'esposizione a suoni significativi del linguaggio e la musica, la protezione dei cicli del sonno e il sonno, specie il sonno REM, sono essenziali per il sano sviluppo uditivo. Le pratiche ambientali e di cura per il feto in utero o il neonato in terapia intensiva sono fattori critici nello sviluppo del sistema uditivo.

Quando un bambino è in grado di sentire correttamente? 

Anche se le orecchie del bambino sono ben sviluppate alla nascita, può essere richiesto un tempo fino a sei mesi prima che il piccolo possa sentire pienamente e comprendere una gamma di suoni. Ci sono due ragioni per questo.

In primo luogo, al momento della nascita, le orecchie del neonato possono essere ancora piene di liquido amniotico, evento che può richiedere un certo tempo per eliminarlo, in secondo luogo, le parti del cervello del bambino che si occupano dell’ udito si stanno ancora sviluppando.

Lo sviluppo dell’udito (udito del neonato a 1 mese / udito del neonato a 3 mesi)

  • Nascita

Alla nascita, al neonato si dovrà prestare molta attenzione ai suoni, specialmente quelli acuti. Egli risponderà ai rumori familiari, come ad esempio la voce della mamma o una ninna nanna, ma può spaventarsi per suoni forti o imprevisti.

  • Tre mesi

Entro i tre mesi, la parte del cervello del bebè che è stimolato con l'udito, il linguaggio, e l'odore sarà più ricettivo e attivo. Questa parte del cervello è il lobo temporale. Quando sente la nostra voce, egli ci può guardare direttamente e gorgogliare in un tentativo di parlare. Balbettare e ascoltare può essere un lavoro faticoso per il neonato di tre mesi. Se guarda da un'altra parte o perde la concentrazione mentre gli si parla o gli si legge una storiella, non necessariamente dobbiamo pensare che non sente, può solamente e semplicemente aver ricevuto una bastevole stimolazione.

  • Quattro mesi

Dai quattro mesi il bambino reagisce ai suoni con eccitazione, e può sorridere quando sente la nostra voce. Può iniziare a guardare la bocca con attenzione quando gli si parla, e cerca di copiarci. Può iniziare a emettere suoni consonanti come la "m" e la "b".

  • Sei mesi

A sei o sette mesi il bambino si rende conto da dove i suoni provengono, è anche in grado di rispondere ai rumori molto tranquilli, fino a quando non è distratto.

  • 12 mesi

Con il tempo il bambino è in grado di riconoscere le sue canzoni preferite e può provare a ripeterle.

Come faccio a sapere se il mio bambino ha problemi di udito?

Se il bambino dorme bene anche se squilla il telefono, se suona una sirena o il clacson di una macchina, se il cane di casa abbaia, questo è del tutto normale, lui ha bisogno di dormire. Se invece il bambino è ben sveglio e vigile, e forti, improvvisi, fastidiosi rumori che dovrebbero spaventarlo non sortiscono alcun effetto, dovremmo chiederci se per caso un raffreddore o un'infezione all’orecchio, possono influenzare il suo udito anche temporaneamente.

Il primo test dell'udito viene fatto poco dopo la nascita e non gli crea alcun disagio. Se il test non mostra un risultato chiaro, potrebbe essere necessario fare un altro test. Questo non significa necessariamente che c'è un problema. Il bambino potrebbe essere stato sconvolto al momento della prova, o ci può essere del liquido o un blocco temporaneo in un orecchio, oppure ci può essere stato del rumore di fondo durante la prova. Se dalla verifica emerge che ci potrebbe essere un problema con l'udito, sarà invitato ad una valutazione di follow-up.

È raro per i bambini avere problemi di udito, ma a volte può accadere, in particolare se:

  • il bambino dopo la nascita è stato ricoverato del tempo in una unità neonatale
  • in gravidanza la madre ha avuto la rosolia, toxoplasmosi, citomegalovirus
  • c’è una storia familiare di perdita dell'udito o sordità
  • il bambino è nato prematuro o con un basso peso alla nascita

Segnali indicatori di un problema di udito nel bambino

La capacità del bambino di sentire è in gran parte il fondamento della sua capacità di imparare. Lo screening dell'udito è il modo veloce e più importante per dire se l'udito di un bambino è compromesso. I segni di perdita dell'udito possono essere differenti da bambino a bambino, e il grado di compromissione dell'udito può variare.

Segnali di pericolo: a 3 mesi

  • non si spaventa in risposta ad un suono forte improvviso
  • non risponde ai suoni, musica o voci
  • non è calmato dai suoni morbidi
  • non si muove o si sveglia al suono di voci o rumori circostanti quando dorme in una stanza tranquilla
  • dai 2 mesi, non fa vocalizzi come "ohh"
  • dai 2 mesi, non si tranquillizza al suono di voci familiari

Segnali di avvertimento: da 4 a 8 mesi

  • non gira la testa o gli occhi verso un suono che non può vedere
  • non cambia espressione al suono di una voce o un rumore forte quando è in un ambiente tranquillo
  • non sembra godere allo scuotere un sonaglio, suonare le campane, o spremere una trombetta
  • 6 mesi, non tenta di imitare i suoni
  • non ha iniziato a balbettare a se stesso o a chi parla con lui
  • non risponde al "no" e alle variazioni di tono della voce
  • sembra che senta alcuni suoni, ma non altri
  • sembra prestare attenzione ai rumori vibranti, ma non quelli che sono solo sentiti

Segnali di pericolo: 9 a 12 mesi

  • non risponde rapidamente o direttamente verso una fonte di rumore morbido o zittisce
  • non risponde al suo nome
  • non varia la sua intonazione quando balbetta
  • non genera più suoni consonantici diversi quando balbetta (m, p, b, g, etc.)
  • non risponde alla musica attraverso l'ascolto o cantando insieme
  • a 1 anno, non dice singole parole, come "da-da" e ma-ma "
  • a 1 anno, non pronuncia molti suoni consonanti differenti all'inizio delle parole
  • non capisce le parole più comuni come pappa, espressioni come "ciao ciao", o comandi semplici come "vieni qui"

Il test dell'udito è importante per il bambino

La capacità di sentire è il fondamento della capacità del bambino di imparare, quindi è importante per identificare eventuali problemi non appena possibile. Ecco perché gli esperti raccomandano che l'udito del bambino sia valutato prima che lasci l'ospedale. In realtà, la maggior parte degli ospedali fanno il test dell'udito di routine, come parte del loro screening neonatale. Se non siamo sicuri che il test sia stato eseguito dopo la nascita è bene richiederlo preferibilmente entro il primo mese di vita.

Il test di screening

Due sono i tipi di test di screening neonatale dell'udito utilizzati: la risposta del tronco cerebrale uditivo automatizzato (AABR) e otoemissioni acustiche (OAE). Entrambi sono veloci da eseguire e perfettamente indolori, tant’ è che molti bimbi dormono durante l’esame. Per fare il test AABR si pongono i sensori, collegati a un computer, sul cuoio capelluto del bimbo. Questi sensori misurano l'attività delle sue onde cerebrali in risposta a piccoli ticchettii che vengono trasmessi attraverso piccole cuffie.

Il test OAE o delle onde sonore nell'orecchio interno consiste nel posizionare un piccolo dispositivo all'orecchio del bebè che fa morbidi ticchettii, e un computer collegato al dispositivo registra la risposta dell'orecchio ai suoni. Alcuni ospedali usano entrambi i test, mentre altri prima fan la prova con OAE e un follow-up con AABR se il bambino non risponde bene. Se il bambino non supera lo screening alla nascita, non significa necessariamente che ha un problema di udito, ma significa che sono necessari ulteriori test entro il primo mese di vita.

I bambini a volte falliscono la prima valutazione perché hanno ancora liquido amniotico nell'orecchio medio o detriti (vernice caseosa) nel canale uditivo, o perché la stanza è troppo rumorosa o sono agitati durante la prova (si muovono o piangono).

È possibile che il bambino che ha superato il test dell'udito possa avere una perdita di udito?

Sì. I test di screening neonatale non rilevano gradi lievi di lesioni permanenti all'udito, ciò vuol dire che pur superando lo screening uditivo neonatale non significa che l'udito di un bambino è perfetto, e quindi avere una perdita uditiva lieve o sviluppare una perdita dell'udito in seguito a malattia, infortunio, terapia antibiotica prolungata, genetica, o l'esposizione a livelli elevati e prolungati di rumore.

Alcune linee guida per dire che un neonato ha un udito normale:

  • Il neonato si spaventa quando sente un suono forte.
  • A circa 2 mesi di età, diventa tranquillo quando sente la voce.
  • Quando ha 4 o 5 mesi di età è lui a guardare verso un suono forte.
  • A 6 mesi, comincia a imitare i suoni e il parlare.
  • A circa nove mesi si gira verso un suono più morbido.
  • Entro 1 anno, risponde alla musica e dice "ma-ma" e "da-da".
Crescere in una bolla: ipoacusia e sordità infantile

Le cause di problemi di udito

Ci sono due tipi di perdita dell'udito: congenita, cioè il bambino è nato sordo e acquisita, il bambino ha perso l'udito dopo la nascita. A volte la compromissione dell'udito è ereditata - anche se entrambi i genitori hanno un udito normale. Altre volte l'udito di un bambino è danneggiato perché la madre ha avuto una infezione virale durante la gravidanza, come ad esempio rosolia, toxoplasmosi, herpes.

  • Alcuni bambini nascono con problemi di udito a causa del basso peso alla nascita, parto prematuro, o anormale sviluppo dell'orecchio interno. In alcuni casi, non c'è nessuna spiegazione.
  • Dopo la nascita, un bambino può subire una perdita dell'udito quando i nervi nel suo orecchio interno sono danneggiati da un infortunio, un tumore, o un'infezione, come varicella, influenza, meningite, o mononucleosi.
  • La perdita dell'udito può anche essere causata per il permanere di liquido nell'orecchio medio dopo un’infezione, otite batterica, o a causa di scarsa ventilazione dell'orecchio. Il liquido può causare la perdita dell'udito temporaneamente fino a quando non viene rimosso chirurgicamente.
  • La perdita di udito permanente da liquido è rara, ma può verificarsi in bambini i cui fluidi rimangono non trattati nell’orecchio, con conseguente cambiamenti strutturali del timpano o della catena degli ossicini. Se il bambino ha infezioni ricorrenti dell'orecchio o con perforazione del timpano e presenza di liquido dell'orecchio medio, il pediatra o l’otorino possono raccomandare un test dell'udito, o proporre l’applicazione di un drenaggio, inserimento di un tubicino nel o nei timpani del bambino, in modo che tutto il liquido che si accumula dietro di loro sarà drenato e le orecchie ben ventilate.
  • Ricordiamo poi che il cerume e oggetti estranei nell'orecchio possono causare la perdita dell'udito temporanea.

Se il bambino è nato con la perdita dell'udito o sviluppa il problema a causa di una malattia, non può essere reversibile, ma ci sono delle possibilità per aiutarlo a sentire. Neonati e bambini piccoli di solito indossano apparecchi acustici che amplificano il suono e che si adattano dietro l'orecchio. Se il deficit uditivo del bambino è classificato come grave o profondo, può essere un candidato per un impianto cocleare.

Un impianto cocleare è costituito da elettrodi che vengono inseriti nell'orecchio interno (coclea) e un dispositivo esterno che raccoglie ed elabora il suono. Le funzioni di impianto come sostituto per l'orecchio interno portano il segnale acustico al cervello. Per alcuni bambini sordi, parlare e ascoltare non è possibile. In questi casi, è importante che apprenda quanto prima il linguaggio dei segni.

Come prevenire la perdita dell'udito nel bambino

  • Non inserire mai nulla nel canale uditivo del bambino, compresi i tamponi di cotone
  • Immunizzare il bambino contro le malattie infantili, perché alcuni di queste, morbillo, parotite, rosolia, possono causare la perdita dell'udito.
  • Monitorare il raffreddore del bambino e le otiti.
  • Non esporre il bambino al rumore troppo forte.
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0