gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Sviluppare l'autostima nei bambini e nelle bambine: iniziare un nuovo gioco

Ecco qualche idea per organizzare un gioco in grado di aiutare i bambini insicuri ad avere maggiore fiducia nelle proprie potenzialità e a non restare da una parte

A cura di Parlare con i bambini

Abbiamo detto che i giochi possono essere un'occasione importante per potenziare l'autostima di bambine e bambini. Uno, due e tre: tutti pronti? Si gioca. Chi vuole fare il porta-bandiera a rubabandiera? Chi fa le squadre e come? Spesso, si trovano dei volontari, e c'è sempre qualcuno che si fa da parte. E, spesso, chi si fa da parte è proprio quel bambino, o quella bambina, che più avrebbe bisogno di buttarsi, di prendere decisioni, di fare scelte, di mettersi in gioco.



LEGGI ANCHE: Come sviluppare l'autostima nei bambini



Se si vuole cogliere l'occasione di una situazione di questo tipo per potenziare l'autostima dei bambini e abituarli a fare giochi di squadra non competitivi, sarà utile utilizzare delle strategie di selezione dei leader e di formazione delle squadre che prevedano la partecipazione di tutti, a turno, nei diversi ruoli e la formazione di squadre non basata su criteri di amicizie o abilità. Avete qualche proposta in questo senso? Voi di solito come fate? Noi vi proponiamo qualche idea, aspettando i vostri suggerimenti.
 
Per la scelta dei leader, si possono scrivere i nomi dei partecipanti su dei bigliettini e poi nasconderli. Una caccia al tesoro deciderà l'ordine in cui tutti i bambini e le bambine si alterneranno nel ruolo di leader. I bigliettini possono anche essere nascosti in palloncini colorati (Fonte: Laboratorio Autostima), da far scoppiare uno dopo l'altro affidando alla sorte, anche questa volta, l'ordine di successione.







Per fare le squadre, si possono usare varianti dei giochi per i leader ad esempio, se si pensa di fare un certo tipo di gioco una sola volta, il primo nome che viene fuori deciderà il leader, gli altri formeranno le squadre (i primi cinque in una squadra, gli ultimi cinque nell'altra). Un classico per la selezione delle squadre è la conta: seduti in cerchio, si conta in successione fino al numero dei gruppi da formare (ad esempio: 1, 2, 3; 1, 2, 3), poi tutti quelli con lo stesso numero (o colore, animale etc.) saranno nella stessa squadra. Per i più piccoli, si possono usare dei contrassegni, basteranno anche dei piccoli cartoncini colorati da distribuire in successione, in modo che ognuno veda e riconosca i propri compagni.



LEGGI ANCHE: I giochi non competitivi per potenziare l'autostima dei bambini


 
Se si pensa che solo la competitività serva ai leader, e quindi che sia giusto incoraggiare alla gara e alla migliore prestazione molto più che alla collaborazione e all'alternanza, si rischia di fare un errore, su molti piani: "Le abi­lità che occorreranno ai lea­der del prossimo secolo saran­no radicalmente diverse da quelle ritenute preziose oggi e saranno competenze come il saper catalizzare i cambia­menti, l'adattabilità, la capacità di trarre vantaggio dalla diver­sità e tutte le abilità relative al lavoro in team". (fonte Vita Infanzia).


gpt skin_mobile-bambino-0