gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Speciale dentini: da quelli da latte al dentista

Intorno ai cinque mesi arriva il primo dentino con tanti fastidi per mamme e bambini, cosa possiamo fare per far sì che la dentizione sia serena?

Intorno ai cinque  /sei mesi di vita, mese prima-mese dopo, probabilmente il nostro bebè diventerà improvvisamente irrequieto e incomincerà a produrre molta più saliva del solito, niente paura, è tutto perfettamente nella norma, il nostro cucciolo sta mettendo i dentini!!!
 
E' molto comune che attorno ai 5/6 mesi di vita, alcuni pargoletti incomincino a produrre più saliva rispetto al normale, e che incomincino a sorgere, spesso nella gengiva inferiore, i primi dentini. Questo momento è molto speciale per mamma e papà che affrontano un'altra magica fase della crescita del proprio figlio, che a sua volta attraversa una difficile fase fastidiosa e spesso dolorosa.
I primi dentini che timidamente si fanno vedere sono nella stragrande maggioranza dei casi, gli incisivi inferiori centrali, seguiti dagli incisivi superiori e così via. In linea di massima comunque intorno ai 15 mesi il piccolo deve avere quasi tutta la dentatura da latte completa. Niente paura se durante l'eruzione dei dentini le gengive appariranno arrossate, gonfie e doloranti, è tutto perfettamente nella norma, così come può capitare che all'alba dei nove mesi i dentini possano essere ancora ben nascosti! Alla mia prima figlia infatti, il primo dentino è spuntato molto comodamente a 8 mesi e mezzo, con tutte le paure, preoccupazioni e fisse che possono conseguire in una giovane mamma apprensiva ed inesperta!
 
A parte il fastidio e il dolore, normali vista l'iritazione delle gengive, non è raro che il piccolo sia irrequieto ed abbia difficoltà ad esempio anche a prendere sonno e risulti più piagnucoloso rispetto al suo normale comportamento, mettendo in crisi i poveri genitori che non sanno come aiutare il bimbo nè cosa poter fare per poter alleviare il fastidio e farlo star meglio. A volte capita anche che mamma e papà non sappiano distinguere quando il pianto è da riferirsi al fastidio per la vicina eruzione dei dentini, magari ricercando le cause in altre cose, come mal di pancia, coliche,ecc.

In linea di massima comunque quando il bimbo inizia a mettere spesso le manine alla bocca con una smania particolare e ha molta salivazione, probabilmente sta per uscire il dentino e qualcosa, per aiutarlo possiamo farlo!

Ecco qualche consiglio per alleviare il fastidio:
Esistono dei giocattoli in commercio, tipo anelli, in gomma dura contenenti del gel, che se messi nel congelatore senza farli congelare, per qualche ora, hanno la proprietà di alleviare il fastidio, refrigerando le gengive e "anestetizzandole" grazie all'effetto del freddo.
Altra cosa importante è tenere il viso del piccolo sempre pulito e asciutto perchè con l'abbondante salivazione può essere maggiormente esposto ad eczemi e irritazioni che interessano bocca e mento e che, col viso sporco, non potrebbero che peggiorare e diventare da una sciochezza, problemi più seri.
Altra cosa che possiamo fare è massaggiare delicatamente le gengive del piccolo con un dito ben pulito e avvolto da una garzina sterile imbevuta di acqua bollita.



Se il piccolo diventa irascibile e sofferente e le normali azioni quotidiane diventano impossibili a causa del fastidio interferendo eccessivamente sulla qualità della vita, il pediatra può anche consigliare di applicare un gel anestetico o una soluzione antinfiammatoria o semplicemente un antipiretico, che generalmente hanno la facoltà di quietare il fastidio e di tranquillizzare il bebè.

Anche le coccole naturalmente influiscono positivamente e sicuramente se il piccolino sentirà che la mamma gli sta vicino soprattutto ora che non trova sollievo e che è molto irritato, lo aiuterà a stare un pò più tranquillo.
Già da quando usciranno i primi dentini sarà bene informarsi col pediatra su come curare la pulizia di questi, e probabilmente almeno per i primi tempi e finchè il bimbo non avrà circa due anni e cioè la dentatura quasi completa, ci verrà consigliato di tenerli puliti con una garzina sterile imbevuta di acqua bollita e se è il caso, incominciare a somministrargli le compressine di fluoro che aiutano i dentini a crescere sani e forti, ma in genere la somministrazione del fluoro è a discrezione del pediatra in quanto qualcuno sostiene ancora che il fluoro se da una parte fa bene, dall'altra ha diverse controindicazioni ed è quindi sconsigliato darlo ai bebè.

Man mano che l bimbo crescerà poi, stara a noi insegnarli pian piano quanto è importante curare i dentini e come si tengono puliti, con il primo spazzolino e poi anche con il dentifricio.
I primi dentini, che noi chiamiamo denti da latte son detti anche temporanei o caduchi e intorno ai 2 anni sono circa 20; verso i 5/6 anni iniziano a svilupparsi quelli permanenti che per poter venir fuori,spingono via i dentini da latte.

Per far sì che il bimbo vanti una bella dentatura sana e forte, così come per le ossa, è importante che assuma tanto calcio tramite latte e alimenti che lo contengono, quanto è consigliato dalle guide mondiali e quindi dalla dieta prescritta dal nostro pediatra di fiducia. E' per questo che intorno ai 5/6 anni tanti bimbi perdono il primo dentino. Niente paura, all'inizio dondola e all'improvviso eccolo che casca!
Dietro alla caduta dei dentini esistono alcune leggende secondo le quali i dentini che cascano vengon presi da delle figure magiche e fantastiche che in cambio del dentino lasciano doni o soldini al fortunato bimbo che raggiunge la tappa perdendo il dentino da latte.

Verso i 6-7 anni, se non sono sopraggiunti problemi prima, quando hanno eruttato i denti incisivi inferiori e superiori permanenti, arriva il momento di fare la prima visita odontoiatrica, che ci permetterà di scoprire se c'è qualche difetto da correggere, se i dentini son storti o il palato troppo stretto, o ancora di curare qualche eventuale carie.
Se dopo la prima visita odontoiatrica lo specialista vede che la dentatura è venuta fuori in modo tranquillo e i dentini non appaiono storti nè mal posizionati e non ci sono carie ci si dovrà ripresentare dopo un annetto per un controllo annuale. In alcuni casi invece il pediatra decide di anticipare la prima visita già a 3 anni ma soltanto quando si sospetta che il bimbo abbia bisogno di un intervento correttivo e quindi si deve intervenire il prima possibile ovvero prima che escano i dentini permanenti.

Nel caso in cui dovesse mai avere bisogno dell'apparecchio, esistono due modelli attualmente in uso sui bimbi:




- apparecchio removibile

- apparecchio fisso

Quali sono le diffrenze? Qual'è migliore e più comodo?
Nell'apparecchio removibile e cioè che si toglie e si mette, ci sono dei gancetti che si attaccano ai molari e si utilizza anche nel caso in cui il palato sia stretto e quindi rende storti i dentini. Per questo apparecchio, più si tiene e prima si raggiungerà l'obiettivo di correzione del difetto, utilizzandolo durante la notte e per almeno 4/6 ore durante il giorno;
nell'apparecchio fisso invece abbiamo delle placchette che si attaccano ad ogni singolo dente, controllando e regolando la posizione di ogni singolo dentino, ottenendo una dentizione perfettamente allineata.

In genere i dentisti incominciano a valutare la possibilità di far mettere l'apparecchio removibile ad un bimbo che presenta alcuni difetti a partire dai 7 anni, quando il bambino è consapevole dell'utilità dell'apparecchio e si rende ben conto che serve per raggiungere una migliore estetica, mentre per quello fisso preferiscono aspettare che sia completata l'eruzione dei denti permanenti.

Ciuccio e dito in bocca, leggenda e verità
Il cruccio di molte mamme con bimbi piccoli spesso è proprio il problema relativo alla prolungata suzione del succhiotto o ciucciamento del dito.
Sebbene molti pediatri dicano che non influiscono assolutamente sulla futura dentizione del piccolo, il parere degli odontoiatri è invece discordante, essi infatti sostengono che tali difetti si possono evitare se l'attività si interrompe definitivamente entro i primi 2 anni di vita mentre diventa un problema difficile da risolvere se prolungato addirittura oltre i 4 anni di età causando una maloclusione nella parte posteriore della bocca e cioè dei molari, e talvolta la protusione degli incisivi.
Sarebbe bene quindi cercare di evitare se possibile di abituare il piccolo a ciuccio o dito e se possibile limitarne l'uso a pochi momenti consolatori o prima della nanna e non oltre comunque al secondo compleanno.

Le regole d'oro per una buona igiene orale
- Insegna al bimbo a spazzolare i dentini per almeno 2 minuti dopo ogni pasto principale;
- Cambia spesso lo spazzolino, infatti quando le setole perdono la loro solidità non esercitano più il lavoro come dovrebbero, e ricorda che all'incirca dovresti cambiarlo ogni 2 mesi;
- Insegnagli a passare lo spazzolino in maniera uguale sia nei dentini anteriori che in quelli posteriori senza trascurare neppure quelli più lontani e meno visibili;



- Scegli un dentifricio contenete fluoro, che ha un'azione protettiva per lo smalto dei denti;
- Preferisci spazzolini con setole con punte arrotondate e artificiali;
- Man mano che il piccolo cresce insegnagli a usare il filo interdentale per mantenere i dentini perfettamente puliti e prevenire carie ed alitosi;
- Insegnali ad usare lo spazzolino inclinandolo di 45° rispetto all'asse del dente;
- Insegnali a spazzolare i dentini senza trascurare nessun angolino;

 A proposito di legende...ecco una simpatica storia tratta da storiedellabuonanotte.blogspot.com

 <>
Questa storia inizia un giorno d'estate che faceva molto caldo! Una bambina di otto anni, aveva un dentino che dondolava ormai da molti giorni, era fastidioso perchè le dava fastidio qunado mangiava. Ne aveva già persi otto! Ogni volta che le cadeva un dentino lo metteva in un piccolo piattino vicino alla finestra e la formichina, di notte lo veniva a prendere e le lasciava in cambio un soldino!

La sera in cui si svolde la nostra storia, la bambina stava per andare a letto quando, finalmente, le cadde il dentino! Felice corse subito a metterlo nel piattino vicino alla finestra, dove di solito veniva a recuperare i denti la formichina!
Ma la mamma aveva messo lungo il muro esterno della casa la polvere anti formiche e così la mattina seguente il dentino era ancora lì! La bambina era molto triste, ma non si perse d'animo! La sera seguente cambiò finestra dove posizionare il piattino con il dentino e sperò che venisse a prenderlo il topolino dei denti!
Ma anche quella sera il topolino dei denti non si fece vedere! Probabilmente aveva paura del cane che abbaiava in giardino! Così la mattina seguente il dentino era ancora lì! La bambina era ancora più triste, ma di nuovo non si perse d'animo! La sera seguente mise il suo bel dentino prezioso nella scatoletta della Fatina dei Denti!

Quella notte la Fatina dei denti arrivò nella casa usando i suoi poteri magici, prese il dentino, lo mise nella sua borsetta dei denti e lasciò nella scatolina tre soldini!
La bambina fu davvero felice la mattina seguente quando non trovò più il suo dentino, ma al suo posto un bel bottino!


Ingrid Busonera

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0