gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Sicurezza dei bambini: le insidie nascoste

Cerchiamo di stare attenti per garantire la massima sicurezza al nostro bebè ma a volte tutto questo non basta perchè esistono vari pericoli infisi e nascosti: scopriamoli e preveniamoli insieme

Cerchiamo di stare attenti per garantire la massima sicurezza al nostro bebè ma a volte tutto questo non basta perchè esistono vari pericoli infisi e nascosti: scopriamoli e preveniamoli insieme
 
Eccolo il nostro piccolino, bello e forte, e soprattutto protetto tra le nostre braccia..ma attenzione, a volte quello che sembra più sicuro nasconde dei pericoli! Dargli da mangiare, lavarlo, cambiarlo, insomma le cose quotidiane ,se non le facciamo con la massima attenzione si possono rivelare armi a doppio taglio. No, non sono esagerata... vediamo assieme i pericoli nascosti
 
BAGNETTO
Il momento del bagnetto è una delle cose più piacevoli e gradite del neonato; solo che prima di immergere il bimbo nell'acqua dobbiamo avere l'accortezza di avere tutto pronto accanto al bagnetto.
PER NESSUN MOTIVO DOBBIAMO LASCIARLO SOLO NELL'ACQUA, anche pochi centimetri per un bebè possono essere fatali. Quindi mai e poi mai lasciarlo dicendoci ”solo un attimo, il tempo di prendere l'accappatoio..” ecc, prima di iniziare a lavarlo assicuriamoci di avere TUTTO a portata di mano, un bimbo di pochi mesi non è in grado di sostenersi tantomeno con il peso dell'acqua, neppure se è sorretto da pratici seggiolini ecc, quindi non fidiamoci a lasciarlo solo nell'acqua neppure un secondo.
Altra cosa cui stare atente al momento del bagnetto è la TEMPERATURA DELL'ACQUA: molti bambini ogni anno presentano dolorose scottature per la disattenzione della mamma! Quindi mentre si riempie la vaschetta non fate mai scendere l'acqua calda da sola per miscelarla solo in un secondo momento ma regolatela già da subito in modo che anche mentre riempie abbia una temperatura adatta cioè 36/37° C, per regolarvi mettete il vostro gomito nell'acqua oppure utilizzate un pratico termometro per l'acqua

bagnetto-cicciottinoSCOTTATURE
Sia che si tratti di latte nei primissimi tempi, sia man mano che cresce e quindi che si avvia alle
pappe (da riscaldare) stiamo sempre attente che la temperatura non sia troppo elevata per non rischiare di far scottare il bimbo. Se prepariamo il latte, prima di darlo al bimbo versiamone qualche gocciolina all'interno del nostro polso per verificare che non sia bollente, comunque sia anche se spesso il microonde soprattutto in orari estremi come per le poppate notturne può sembrare la soluzione più veloce per scaldare il latte alla velocità della luce, attenzione quando si scalda al microonde perchè spesso anche il latte che sembra tiepido è invece in altri punti troppo caldo, facendo bruciare il bimbo: il consiglio è sempre di scaldarlo “a bagnomaria”, immergendo il biberon in un pentolino di acqua bollente; se si tratta della pappa, soprattutto se l'abbiamo scaldata al microonde, lasciamola sfreddare e assaggiamola prima di dargliela.
Altra cosa a cui fare attenzione è tenere fuori dalla portata del bimbo bevande calde o piatti con cibi bollenti: è un attimo infatti perchè il bimbo tiri la tovaglia rovesciandosi addosso l'alimento bollente e ustionandosi!

CADUTE DA SUPERFICI ALTE
Il caso più frequente è il fasciatoio: la mamma si appresta a cambiare il bebè, poi quando il piccolo è già spogliato sul piano ci rendiamo conto che ci manca qualcosa! La tentazione è forte, lasciamolo un secondo e prendiamo le calzine, la maglia ecc, in fondo è così piccolo, neanche si gira ancora..
SBAGLIATO! Il bimbo sebbene sia piccolo può sempre fare la sorpresa nel momento meno opportuno e ruzzolare sul pavimento facendosi molto male. Altre cose a cui stare attenti sono l'ovetto, le sdraiette e il seggiolone: assicuriamoci sempre che il bimbo sia legato con le cinture di sicurezza per evitare spiacevoli incidenti e ricordiamoci che ogni anno sono tantissimi i bimbi che arrivano in pronto soccorso per cadute da superfici alte, proprio perchè non erano stati legati

FUMO
Il fumo espone il neonato a rischio di asma, malattie respiratorie, allergie e SIDS, la morte in culla. La mamma già fin dalla gravidanza dovrebbe smettere completamente di fumare ed evitare che altre persone fumino in casa e/o balconi e terrazze compresi, poichè gli agenti tossici contenuti nel fumo si depositano comunque nella casa facendo comunque male. Pare che esporre il bimbo al fumo incida anche sullo svezzamento precoce, facendo andar via precocemente il latte materno. Il fumo annulla l'effetto protettivo del latte materno verso il rischio di SIDS. Un consiglio per le mamme che non riescono a smettere di fumare è comunque diminuire il numero di sigarette e cercare di fumare DOPO la poppata, per evitare che arrivino tramite il latte, le sostanze appena fumate

IGIENE
Il bebè è molto delicato ed è esposto ad infezioni, germi e batteri. Sia che sia allattato al seno sia che sia allattato artificialmente, la mamma deve stare molto attenta ed attuare alcune fondamentali norme igieniche:
lavarsi sempre le mani, possibilmente con una soluzione disinfettante, ogni volta che si va in bagno e prima di offrire il seno al bimbo o prima di accingersi a preparare biberon e pappa ecc: molti germi sono la causa di raffreddori e mal di pancia. Questo non significa diventare maniacali al punto di disinfettare ogni cosa ed ogni superficie ma soltanto avere più attenzione e premura.
Piuttosto stiamo a disinfettare TUTTO quello che viene a contatto con la BOCCA del bimbo, e quindi ciuccio, tettarelle, biberon, giochini e anche tiralatte, coppette per i cappezzoli ecc. L'ideale sarebbe lavarli per bene con acqua calda e detersivo per i piatti e poi immergerli in disinfettanti adatti. Naturalmente anche l'igiene del seno, prima e dopo la poppata è fondamentale

TEMPERATURA E AUTOREGOLAZIONE
Il neonato non è in grado di regolare la sua temperatura e quando sente molto caldo, non riuscendo a regolare la sudorazione, tende a surriscaldarsi troppo. Anche il caldo eccessivo è una delle cause della SIDS. Il bimbo dovrebbe dormire in un'ambiente con una temperatura tra i 16 e i 20° C, ideale è apporre un termometro nella cameretta per regolarsi sulla giusta temperatura. Se il bimbo ha manine o piedini freddi non facciamoci ingannare coprendolo perchè temiamo che abbia freddo: è sempre per via della mancata autoregolazione, infatti la circolazione periferica non è ancora perfetta.
Piuttosto controlliamo se il bimbo è sudato o appiciccaticcio sulla schiena o sul pancino: in quel caso dobbiamo alleggerirlo perchè sta soffrendo sicuramente il caldo. Avrà sicuramente freddo invece se le labbra diventano violacee o trema. Ricordiamoci quando entriamo in ambienti chiusi, di spogliare il bebè, via quindi giubbino, sciarpa e cuffietta

Ingrid Busonera
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0