gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Le risposte di una mamma ai comportamenti irritanti di suo figlio

/pictures/2017/02/16/le-risposte-di-una-mamma-ai-comportamenti-irritanti-di-suo-figlio-1025961096[1228]x[512]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Le risposte di una mamma ai comportamenti sbagliati di suo figlio: cosa fare quando i bambini sono irritanti e provocatori?

Le risposte di una mamma ai comportamenti sbagliati di suo figlio

Mio figlio ha otto anni e mezzo. Si trova nel pieno di quella strana fase in cui comincia ad avere quei comportamenti tipici di ribellione e provocazione dell'adolescenza che si alternano ad atteggiamenti assolutamente infantili. E' certamente un bambino educato e gentile, profondamente empatico e questo mi rende orgogliosa di lui, ma ciò non vuol dire che non abbia ogni tanto comportamenti irritanti che cerco di correggere.

Può buttarsi a terra all'improvviso senza un motivo e restare lì per interi, interminabili minuti, senza dire una parola, può fare i capricci prima di andare a letto perché vorrebbe dormire nel lettone, aspetta il momento in cui sto finalmente scambiando una parola con un essere umano adulto per interrompermi con argomenti secondo lui urgentissimi. E' perfettamente in grado di capire quando sono stanca e irritabile per lanciare assurde provocazioni.

Come gestire tutto ciò? Leggevo tempo fa i consigli di Steve Biddulph, terapista familiare che ha scritto numerosi saggi su come crescere figli maschi e figlie femmine, ed ho così scoperto che proprio intorno agli 8 anni nei maschi la produzione di testosterone aumenta esponenzialmente, ci si avvia verso la pubertà e anche i cambiamenti ormonali possono spiegare un eccesso di aggressività e quella trasformazione così evidente nei nostri figli che solo fino a ieri era dolcissimi e gioiosi bambolotti da coccolare.

E allora vi elenco quali sono i comportamenti che mi irritano di mio figlio e come provo a correggerli.

  • Mi interrompe quando parlo

Sembra assurdo dover correggere questo comportamento in un bambino ormai grandicello al quale abbiamo ripetuto, sin dalla tenera età di 3 anni, che non si interrompe quando uno parla. Eppure negli ultimi tempi questo atteggiamento va di pari passo con l'aumento del suo spirito di provocazione. Insomma, lo fa apposta. Prima magari non se ne rendeva conto, i bambini sentono l'urgenza di dire immediatamente ciò che pensano, adesso, invece, interrompe quando sto parlando per il puro gusto di farlo.

Come correggerlo? Se il bambino è piccolo conviene anticiparlo e dirgli che stiamo per parlare con qualcuno o fare una telefonata, dargli un libro o un gioco e sperare di non essere interrotti; se è più grande è necessario essere fermi e quando si viene interrotti dire chiaramente che non si interrompe e che è abbastanza grande per aspettare che la conversazione sia finita e trattenere il suo pensiero nella testa.

  • E' aggressivo nel gioco

Quando gioca con il fratello piccolo o con un amico di costituzione fisica più minuta lui diventa più aggressivo del solito. E se il fratellino si fa male e comincia a piangere (ha 3 anni quindi piange per niente!) allora anche lui si butta a terra e finge di essersi fatto male. Naturalmente in questo caso è una chiara dimostrazione di gelosia nei confronti del fratello, ma resta il fatto che lui è il triplo del piccoletto e se lo spinge pur cercando di controllare la sua forza lo butta sul divano con violenza.

Come correggerlo? Non lo accetto mai, non voglio che lasciando correre questo tipo di gioco diventi un'abitudine. E' chiaro che ha bisogno di sprigionare energie e che una certa dose di aggressività sia del tutto normale, ma lascio che la sfoghi quando fa sport o in altre circostanze, non su chi è più debole di lui. Quando accade lo tiro da parte gli chiedo come si sentirebbe se uno più grosso lo facesse a lui e, anzi, gli ricordo di quando per mesi si è lamentato di quel bambino che non faceva che provocarlo, disturbarlo e aggredirlo anche fisicamente mentre giocavano.

Quali sono i migliori metodi educativi
  • Fa i capricci prima di dormire

E' sempre stato un bambino tranquillo in fatto di sonno. Ha sempre dormito da solo nel suo lettino ed è un gran dormiglione. Eppure ogni sera, o quasi, fa i capricci perché vuole dormire nel lettone. Ormai è un gigante ed è impossibile pensare di riposare davvero dormendo tutti insieme.

Come correggerlo? Mi rendo conto che anche questo comportamento è dettato, da un lato dalla gelosia per il fratellino piccolo (che tuttavia dorme nella sua culla), dall'altro da questa strana fase di passaggio dal sentirsi davvero un bimbo piccolo al sentirsi ormai abbastanza grande e indipendente. Un'altalena di sentimenti, emozioni e forse paure che a volte lo confondono. E allora ogni tanto lo assecondo. Quando c'è il nostro programma preferito, ad esempio, lo guardiamo nel letto grande e poi dormiamo insieme.

  • Si fa servire

Ha otto anni, è ora che sparecchi la tavola dopo cena, che scenda a buttare la spazzatura e si rifaccia il letto? Un sogno. Lui sta steso sul divano a guardare la tv e da lontano chiede un bicchiere d'acqua, lascia i vestiti a terra quando indossa il pigiama, abbandona spazzolino e dentifricio sul lavabo dopo averli usati, butta le scarpe e lo zaino da un lato all'altro della casa quando rientra.

Come correggerlo: è giunto il momento di stabilire regole chiare. I vestiti sporchi si mettono nel cesto della biancheria, se vuole bere si alza. Non solo, è arrivato anche il momento di sparecchiare la tavola dopo cena e se ha voglia di un panino con la marmellata può prepararselo da solo se sono impegnata.

E cosa faccio quando si butta steso sul pavimento senza motivo? Gli dico che forse ha bisogno di riflettere e meditare e che poi quando si alzerà spolvererò via la polvere dalla sua testa.

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0