gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

La prima mestruazione: sintomi e come spiegarla ai bambini

/pictures/2015/09/24/come-spiegare-le-mestruazioni-ai-bambini-1043071858[1670]x[697]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Come parlare alle figlie (e anche ai maschi) delle mestruazioni e come aiutare le ragazzine a vivere serenamente l'arrivo del menarca

La prima mestruazione

La comparsa del menarca, la prima mestruazione, è un momento di grandi cambiamenti per la vita delle ragazzine, che devono arrivare preparate per poter vivere questa esperienza con consapevolezza e serenità. Parlare del ciclo mestruale significa indubbiamente parlare di sessualità e questo può essere fonte di qualche imbarazzo per i genitori, soprattutto per quelli non proprio moderni.

Eppure parlare apertamente con le proprie figlie dell’apparato riproduttivo, del ciclo mestruale e della sessualità significa non solo dissipare dubbi, tabù e paure ingiustificate, ma anche crescere giovani donne forti e sicure di sé stesse.

Primo ciclo mestruale

Cosa accade nel corpo quando si presenta il primo mestruo? L'ipofisi rilascia gli ormoni che stimolano le ovaie a produrre progesterone ed estrogeni, che sono i principali responsabili dello sviluppo fisico ed emotivo di una giovane donna e che giocano un ruolo importante nelle mestruazioni. Una volta al mese, durate i giorni dell'ovulazione, le ovaie rilasciano un uovo che viaggia lungo le tube di Falloppio in direzione dell'utero (dove grazie all'azione degli estrogeni viene prodotto un rivestimento sulle pareti atto ad accogliere l'ovulo fecondato).

Se durante questo percorso l'uovo incontra uno spermatozoo avviene la fecondazione e quindi andrà poi ad attaccarsi alle pareti dell'utero; se invece non accade nulla l'uovo arriva nell'utero ma verrà poi eliminato, insieme al rivestimento supplementare che era stato costruito nell'utero

Come spiegare le mestruazioni ai bambini

Quando bisogna cominciare a parlare ai bambini della sessualità? In realtà non è mai troppo presto. I bambini, anche piccoli, sono molto curiosi circa le varie parti del corpo, le differenze tra maschi e femmine, pongono domande senza alcun imbarazzo e non c’è motivo per non fornire una risposta che sia sincera e adeguata alla loro età.

In questo modo, se si instaura sin dai primi anni una comunicazione franca e spontanea sul corpo al raggiungimento della pubertà sarà normale affrontare certi argomenti.

E’ importante affrontare l’argomento della prima mestruazione ben prima che questa si presenti, perché così la bambina sa cosa aspettarsi e non si spaventerà quando arriverà il menarca. Inutile rimandare e dare risposte evasive. I bambini sono curiosi e intraprendenti e non si fermano quando vogliono una risposta, se non gliela fornirete voi finiranno col trovarla su Google.

E come affrontare l’argomento con i maschi? E’ facile che il bambino si accorga che la mamma ha le mestruazioni e sia incuriosito, perfino spaventato, da questa cosa. Se il piccolo fa domande può essere un’occasione buona per parlare con semplicità e chiarezza, spiegando, ad esempio, che per fare i bambini l’ovetto della donna deve incontrare il semino dell’uomo, se non lo incontra l’ovetto va espulso e così si perde un po’ di sangue.

Come ridurre l’imbarazzo quando si affronta questo tema?

Si potrebbe intraprendere la conversazione in auto, così non si deve guardare negli occhi, oppure la sera a luci soffuse. L’importante è rispondere in modo franco, senza cercare di edulcorare l’argomento.

Pensiamo sempre che a parlare di primo ciclo mestruale debba essere la mamma, ma se invece per una serie di circostanze dovrà farlo il papà?

E’ importante ricordare che non si parla di lui, ma della bambina. Il papà non ha esperienza diretta per cui non può sapere cosa si prova, ma può dimostrare di essere disponibile a ricevere domande e fornire risposte.  In questi casi, se la mamma manca, può essere utile delegare una zia o un’amica per affrontare con la bambina un argomento prettamente femminile.

Età prima mestruazioni

A che età arriva il primo ciclo? In genere il primo appuntamento con le mestruazioni avviene intorno ai 10-11 anni ma non c'è un momento uguale per tutte, ma di certo conta il fattore ereditario, quindi se una donna ha avuto il menarca presto è facile che ciò accada anche alle sue figlie. Oltre ai geni giocano un ruolo importante nel definire l'età in cui si presenta il primo ciclo anche altri fattori come come, per esempio, un'alimentazione troppo ricca di proteine: gli ormoni estrogeni che si trovano nella carne e nel latte possono influenzare l'equilibrio ormonale della donna sin dall'infanzia.

Pubertà precoce, aspetti psicologici

Sintomi del primo menarca

I sintomi del primo ciclo possono essere:

  • leggeri dolori addominali;
  • perdite ematiche molto irregolari.

I classici sintomi delle mestruazioni come acne, dolore al ventre e alla parte bassa della schiena, così come tutta la sintomatologia tipica della sindrome premestruale, non si presenteranno prima di un paio d'anni, quando ormai le mestruazioni si saranno stabilizzate.

In ogni caso è bene avvertire vostra figlia che ciclo può essere accompagnato da dolori e disagi che non devono preoccupare e che sono del tutto normali:

  • crampi al basso ventre;
  • mal di schiena;
  • dolore e tensione al seno.

In accordo con il medico acquistate un analgesico da tenere nella cassetta de medicinali.

Prime mestruazioni e crescita

Le mestruazioni arrivano quando la fase di crescita chiamata pubertà entra nel vivo: uno dei segni più lampanti della crescita di una ragazzina è lo sviluppo del seno. Secondo le stime in genere dopo un paio d'anni che il seno ha cominciato a crescere compare il menarca.

Naturalmente l'arrivo della prima mestruazione è una tappa importante per la vita di una ragazzina. Come aiutarla a vivere questa fase della crescita in modo consapevole e sereno?

  • Spiegate con chiarezza e con parole semplici ciò che accade nel suo corpo e cosa c'è da aspettarsi dalle mestruazioni;
  • organizzate un piccolo kit che può mettere nello zaino o nella borsa (salviette, un assorbente, uno slip di ricambio): in questo modo se il primo ciclo dovesse presentarsi lontano da casa avrà tutto a portata di mano.

Prime mestruazioni irregolari

E' molto frequente che le prime mestruazioni non siano regolari. Conoscere questo aspetto e comunicarlo a vostra figlia aiuta a tranquillizzarla e a sapere cosa ci si può aspettare.

Sintetizzando, le prime mestruazioni:

  • possono essere molto leggere;
  • possono essere di colore rosso, marrone o anche molto scuro;
  • possono durare pochissimo;
  • possono essere irregolari e non presentarsi tutti i mesi.

Quanto dura il primo ciclo mestruale

All'inizio la durata delle mestruazioni è molto variabile, le perdite possono durare 2 o 3 giorni oppure 7. Il ciclo, cioè l'intervallo tra una mestruazione e l'altra, può essere di 21 giorni come di 28. Questa elevata variabilità e diversità tra donna e donna è del tutto normale nei primi mesi: in genere il ciclo mestruale si stabilizza sui 28 giorni con una durata delle mestruazioni di 4-5 giorni dopo un paio d'anni.

Pubertà precoce

Per quanto fattori ereditari ed alimentari possano influire sulla comparsa del primo ciclo, c'è da sapere che un menarca anticipato va sempre guardato con attenzione: viene considerato in ambito clinico un'importante variabile nell'aumentare la predisposizione ad alcune malattie dell'apparato riproduttivo.

Negli ultimi decenni si è assistito ad un progressivo cambiamento nell'età in cui si presenta il menarca: se fino a 50 anni fa la prima mestruazione si presentava intorno ai 13 anni, oggi si è scesi ad 11 e in qualche caso addirittura a 8-9 anni.

Naturalmente la pubertà precoce non va sottovalutata e va seguita da uno specialista che, dopo aver fatto opportuni esami, stabilità se non sia il caso di bloccare questa crescita troppo rapida con terapie adeguate.

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0