gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Potenziare l'autostima dei bambini e delle bambine: i giochi rompighiaccio

I giochi rompighiaccio servono per far conoscere i bambini tra di loro e permettergli di fare amicizia per poi riuscire a coinvolgere tutti nei giochi veri e propri

A cura di Parlare con i bambini

I bambini fanno presto a fare gruppo, quando giocano insieme, nelle situazioni spontanee. Ma può non essere altrettanto facile cercare di coinvolgerli tutti, ma proprio tutti, in un gioco di gruppo. E' sempre consigliabile non forzare i bambini, rispettare i loro tempi, soprattutto se si vuole stimolare la loro autostima. Ci sarà chi partecipa subito con entusiasmo e chi solo, dopo aver visto giocare gli altri, chiederà di partecipare. Una buona pratica può essere quella dei giochi rompighiaccio.



LEGGI ANCHE: Sviluppare l'autostima nel bambini: iniziare un nuovo gioco



I giochi rompighiaccio servono per far conoscere i partecipanti tra di loro e al gruppo secondo modalità che danno a tutti lo stesso spazio e lo stesso ruolo. Una possibilità adatta alle classi è quella di scegliere tre cose che ogni bambino dirà al suo compagno di banco, in coppie, per poi raccontare alla classe l'uno le cose dell'altro. Possiamo scegliere di dire i nomi, i cognomi, il libro preferito, la gita più bella mai fatta, il gusto di gelato preferito... presentando il compagno al gruppo, ogni bambino eserciterà un compito per certi aspetti più semplice del presentare se stessi, però al contempo più complesso, perchè dovrà ricordarsi e valorizzare le esperienze dei compagni.



LEGGI ANCHE: Attività per potenziare l'autostima nei bambini: i giochi non competitivi



Un altro gioco molto bello, utile anche per parlare delle emozioni è quello dei saluti silenziosi (fonte: Giochi e attività per bambini dai 5 agli 11 anni): per questo gioco serve uno spazio ampio, per far muovere in bambini liberamente. Ognuno di loro saluterà gli altri in un modo a sua scelta, silenzioso, con una gesto della mano o con un sorriso. Può essere necessario dare un esempio, per non dover correggere nessuno e far partire bene il gioco. Dopo un certo tempo, ci si siede in cerchio e si riflette insieme sui saluti che ci hanno fatto, dicendo che sensazioni ci hanno lasciato, come li abbiamo interpretati: un sorriso felice, un saluto di fretta, l'abbraccio caldo di un amico... Il gioco può essere molto più ricco se nel gruppo ci sono bimbi e bimbe di altre culture per imparare saluti diversi dai nostri.

Il gruppo è più unito, dopo i rompighiaccio, adesso non ci resta che iniziare con i giochi veri e propri. Vi aspetto il prossimo giovedì!




LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DELLA NOSTRA LINGUISTA
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0