gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

La petizione per bloccare il programma "Guardaroba perfetto Kids&Teens"

E' stata aperta una petizione rivolta a Real Time per bloccare la messa in onda di un programma, con bambine come protagoniste, che sembra rimarcherà ancora una volta un'immagine femminile fortemente stereotipata

Per quanto possiamo pensare che ormai il sessismo nell'infanzia non rappresenti più una minaccia, la realtà ci dimostra il contrario. La situazione non è molto cambiata rispetto a quando avevamo due anni, o forse in alcuni casi è peggiorata. La pressione sociale e mediatica sulle bambine continua ad essere molto forte e  per chi lotta da anni contro l'immagine femminile sempre più stereotipata, il prossimo programma che andrà in onda su Real Time, "Guardaroba perfetto Kids&Teen", è un ennesimo fallimento e la prova che molto c'è ancora da fare contro le diseguaglianze di genere.


LEGGI ANCHE: Parlare con i bambini e le bambine delle differenze di genere



Il programma avrà come protagoniste bambine e ragazzine e sembra rimarcherà ancora una volta l’idea che solo per le bambine è importante essere belle e curate. Per questo motivo è stata aperta una petizione rivolta alla direttrice Laura Carafoli, per bloccare la messa in onda del programma:

Ecco una parte del testo della petizione:

" Il programma è contrario ad ogni principio (comunitario e non) volto a tutelare i minori nella loro formazione, informazione, crescita e libertà. E’ privo di utilità sociale e culturale e mette delle bambine, le loro stanze, i loro vestiti, sotto i fari di uno studio televisivo e sotto l’occhio vigile di una matrona che col dito puntato ordina loro come sia più appropriato vestirsi e per quali occasioni. Insomma, libertà e creatività infantile alla gogna. Tutto ciò inoltre intratterrebbe, dall’altra parte, altrettante bambine, menti facilmente influenzabili costrette a schemi di moda imposti da una società che troppo presto così le omologherebbe, in un momento di prematura personalità e coscienza individuale e sociale.


LEGGI ANCHE: La discriminazione ha inizio sui libri di scuola



Questo canale, in tal maniera, sembra volto a proporre un prototipo di donna già disdegnato da autrici come Virginia Woolf o Mary Wollstonecraft. Quest’ultima, nel suo libro “Sui diritti delle donne”, scrisse: ”Le considerazioni di Rousseau, secondo cui le donne sono naturalmente interessate a bambole, vestiti e conversazioni, del tutto indipendentemente dall’educazione, sono talmente puerili da non meritare neppure di essere seriamente confutate”.

petizione-contro-guardaroba-perfetto-kids-teens


Purtroppo ciò che è stato descritto nel XVIII secolo appare ancora una piaga moderna della nostra società che continua a dipingere la donna con i tratti della perfetta donnina di casa, di una maniaca dello shopping compulsivo. Molte donne, purtroppo, non si rendono conto di essere schiave, sin dall’infanzia, di questa “educazione”, che mira ad una prematura e fittizia distinzione dei sessi[...]."

PER FIRMARE LA PETIZIONE CLICCA QUI
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0