gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Dal dottore, difficoltà di comunicazione

Una comunicazione difficile con il medico può avvenire così come avviene in ogni altra circostanza. Cosa possono fare i genitori se si crea un'incomprensione?

a cura di Parlare con i bambini


Dal dottore: difficoltà di comunicazione

Nella sala d'attesa del pediatra, in una fila infinita, con altre mamme parlavamo della difficoltà di riuscire a contattare il medico a volte, quando si ha un dubbio o un'urgenza. In effetti, i pediatri hanno spesso tantissimi piccoli pazienti ed è comprensibile non riuscire ad averli sempre a disposizione. Una mamma ci ha detto però il nome di un pediatra che le aveva una volta risolto un problema all'alba, rispondendo al cellulare. Si trattava di un pediatra privato, ma la cosa sorprendente ai nostri occhi era stato il fatto che la signora non l'avesse mai incontrato, non fosse una sua paziente. Ovviamente, quel nome e quel numero hanno fatto il giro delle mamme dell'ambulatorio.



LEGGI ANCHE: Dal dottore, la comunicazione fa bene alla salute



Una comunicazione difficile con il medico può avvenire così come avviene in ogni altra circostanza. Le difficoltà possono essere appunto di reperibilità, ma anche nel dialogo (LEGGI) vero e proprio. Da parte dei genitori e anche dei medici c'è comunemente tutta la disponibilità a rendere efficace e, per quanto possibile, piacevole l'incontro, ma non sempre le cose vanno in questo modo: cosa possono fare i genitori se si crea un'incomprensione?

Spesso, c'è la tendenza ad instaurare tra medico e pazienti (o genitori) una relazione asimmetrica: il genitore si sente in una posizione di 'inferiorità' rispetto al medico e ha difficoltà a mostrare il proprio punto di vista, perplessità o dubbi. Solitamente, se c'è la possibilità, quando si è insoddisfatti di una visita o di un responso, si consulta un altro medico. Tuttavia, alcuni suggerimenti potrebbero aiutarci ad affrontare direttamente le incomprensioni:

-se si ha l'impressione di non essere stati comprensi correttamente, è giusto interrompere il dialogo per cercare un chiarimento


 LEGGI ANCHE: Cosa dire al momento dell'incontro

 

 

- la responsabilità della comunicazione è sempre condivisa tra chi parla: per questo, è responsabilità di entrambi fare in modo che ci sia un buono scambio di informazioni e comprensione reciproca. Non è sbagliato assumere un ruolo attivo per evitare malintesi, anche se spesso si è più abituati ad avere un ruolo passivo di semplici ascoltatori.

 

Nel caso della salute, il passaggio di informazioni corrette, chiare e sufficienti può avere molta importanza nella comprensione di un problema e nella sua cura.


Di seguito qualche link utile per approfondire l'argomento!

Dal dottore: cosa fare per migliorare il rapporto tra medico, genitori e piccoli pazienti


Dal dottore: Lo spazio per il dialogo, lo spazio per tutti


Una pagina Facebook ed una E-mail per stare in contatto

Parlare con i bambini: ll gruppo Facebook per restare aggiornati e scambiarci opinioni

Se volete inviarci racconti, video o fotografie dei vostri giochi con le parole, scrivete a: parlareconibambini@gmail.com

Iscriviti alla Newsletter di Baby Talk




gpt native-middle-foglia-bambino

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0