gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Giocare con i bambini: in due parole

Abituare i bambini a raccontare e a raccontarsi. Con l'aiuto dei libri o anche senza, lasciando liberi i pensieri

a cura di Parlare con i bambini

Facciamo un gioco? Un gioco semplice di quelli in cui servono solo una mamma, o un papà, e una bambina. Ovviamente si possono immaginare anche tante altre varianti: una nonna, una maestra, una tata, tanti bambini... Ma noi prendiamo oggi la variante più semplice: una mamma, una bambina, una casa, una sera normale, un dopocena normale.


Sviluppare l'autostima: io non sono le cose che non so fare


Per fare questo gioco bisogna mettersi comodi, in penombra, in silenzio, meglio se vicini. Si può prendere uno di quei librini da bambini piccoli, con una sola parola per pagina, oppure un libro di sole immagini, oppure si può non prendere proprio niente e lasciarsi guidare dai propri pensieri.

Capita spesso che i genitori si lamentino perché i bambini non raccontano niente dell'asilo. Ogni tanto qualcuno prova a chiedere timidamente “Cosa avete fatto oggi al nido? Cosa avete mangiato?” e le risposte sono sempre le stesse, o non sono niente di niente. Ma non è sbagliata la risposta, è la domanda che pretende un po' troppo, dai bambini: a raccontare si impara, con calma. A raccontarsi si impara, con fiducia, se si sente che si viene ascoltati, davvero. E questa cosa dell'ascolto è così difficile che per ora l'accenno e basta, o vado fuori tema.


Sviluppare l'autostima: imparare a fare da soli da piccolissimi


Perché i bambini ci parlino e si raccontino, si può partire da lontano, costruendo un clima di complicità e scambio: raccontando noi per primi, con riguardo nei confronti dell'età e dei pensieri dei bambini, leggendo insieme dei libri, o creando occasioni per inventare storie.

Il modo più semplice per creare storie insieme possiamo chiamarlo il gioco delle due parole. Suggerite, fatevi suggerire o trovate insieme ai bambini due parole su cui costruire una storia. La storia potrete poi dirla voi che siete i grandi, o costruirla pezzo a pezzo con i bambini, che presto poi sapranno raccontarne una anche tutti da soli. Per aiutarvi a costruire storie che sappiano scavare a fondo, potete farvi aiutare dalle schede di Propp (senza lasciarvi confondere dal nome, si tratta di una cosa che, senza nome, conosciamo già tutti ).

parlare-con-i-bambini



C'erano un bosco, e il buio.
C'era il vento e c'era un lupo.
C'erano una mamma, e una bimba grande.

A me piace molto leggere con le mie bambine, ma di più, mi piace ascoltarle. Cercare di conoscerle. Raccontarsi storie può diventare un gioco per parlarsi in modo più profondo.

Link consigliati

http://www.babytalk.it/wordpress/il-libro-rosso-sulla-magia-della-lettura/

http://www.babytalk.it/wordpress/lo-sviluppo-della-competenza-narrativa-dai-2-ai-5-anni-raccontare-storie-aiuta-a-crescere-forti/

http://www.pianetamamma.it/il-bambino/sviluppo-e-crescita/come-insegnare-i-bambini-a-raccontare.html

(http://www.babytalk.it/wordpress/il-libro-rosso-sulla-magia-della-lettura/

http://www.babytalk.it/wordpress/domande-di-rito-e-risposte-irrituali-comunicare-con-i-bambini/

 

Una pagina Facebook ed una E-mail per stare in contatto
Parlare con i bambini: ll gruppo Facebook per restare aggiornati e scambiarci opinioni

Se volete inviarci racconti, video o fotografie dei vostri giochi con le parole, scrivete a: parlareconibambini@gmail.com


LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DELLA NOSTRA LINGUISTA

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0