gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Il "metodo maman": lo stile educativo francese

Le mamme francesi hanno uno stile educativo che passa di generazione in generazione e che vede i suoi riferimenti principali nella ricerca di Jean-Jacques Rousseau

EDUCAZIONE DELLE MAMME FRANCESI -  Dopo aver conquistato il pubblico internazionale con il suo libro Il metodo Mamam, pubblicato in Italia da Sonzogno, la giornalista Pamela Druckerman arriva in libreria con un manuale per tradurre in pratica l’insegnamento delle mamme francesi, Maman giorno per giorno (Sonzogno).

LEGGI ANCHE: Alcuni errori tipici dei genitori “moderni"
 
Pamela Druckerman è una giornalista americana che si è trasferita a Parigi qualche anno fa seguendo il marito per lavoro. Esperta di politica estera, appena è rimasta incinta ha iniziato a osservare con l’occhio del reporter le mamme francesi. Era stupita dalla calma con cui le donne francesi allevavano i loro figli, dal rispetto che riuscivano a ottenere senza alzare la voce e da come questi bambini sembrassero raggiungere le varie tappe della crescita con equilibrio e tranquillità. Le interviste alle amiche francesi hanno occupato il primo libro, in cui la Druckerman ha raccolto le osservazioni fatte sullo stile educativo e le risposte che le davano le amiche sui maggiori temi educativi. Il secondo libro è molto più pratico e impostato per provare a replicare il metodo maman nella nostra quotidianità.
 
Le mamme francesi hanno uno stile educativo che passa di generazione in generazione e che vede i suoi riferimenti principali nella ricerca di Jean-Jacques Rousseau, l’autore della teoria educativa espressa nel libro Emilio, basata sull’idea di lasciare i bambini liberi di sperimentare senza ansia di raggiungere obiettivi. L’opera di Rousseu ha segnato la cultura francese e non solo, raccogliendo anche delle critiche, ma ha sicuramente interpretato l’istinto educativo di un popolo che tutt’oggi sembra rimasto aggrappato agli stessi principi.

LEGGI ANCHE: Le mamme migliori del mondo? Le francesi
 
Alcune anticipazioni sul METODO MAMAN
 

 - Fissare un cadre, una cornice o come diciamo noi in Italia “mettere dei paletti”. Serve delimitare, anche in senso metaforico, lo spazio in cui i bambini sono liberi di agire, sperimentare ed essere se stessi.
 
- Poche regole, ma chiare e difese con fermezza. Sono le regole che fissano i limiti entro i quali i bambini possono agire liberamente. Come nel concetto universale di libertà: ognuno è libero di fare ciò che vuole finché non intralcia la libertà di un altro.
 
- Nessuna ansia da prestazione. Le mamme francesi non sarebbero preoccupate di vedere pagelle con ottimi voti o di iscrivere i figli a corsi extra-scolastici per imparare una lingua straniera o a suonare uno strumento, meglio portarli ai giardinetti e vederli sereni alla conquista del proprio equilibrio interiore.


LEGGI ANCHE: Le mamme tigri non sono migliori, ecco perchè
 
- Difendere la coppia e la propria vita di donna. Fare la madre è una delle facce del prisma, ma non la sola occupazione di una donna. Nessuna critica alle casalinghe che non hanno una attività lavorativa, va bene anche occuparsi della casa e della famiglia purché mantengano una vita di coppia e si dedichino anche ad attività per se stesse. Che la mamma serena abbia figli sereni è una massima universale.
 
- Osservare i bambini. Le mamme francesi che ha incontrato la Druckerman si sono dichiarate attente osservatrici dei propri figli, dei loro bisogni, delle loro difficoltà, strategia che si rivela importante per capire come e se devono intervenire come madri. L’educazione secondo il metodo maman è quindi di risposta alla crescita naturale del bambino e non uno stampo in cui tutti si devono incastrare.

a cura di Daniela Poggi


BAMBINI CON LE MAMME (FOTO)

gpt native-middle-foglia-bambino

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0