gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Massaggi e coccole al neonato

/pictures/20150513/massaggi-e-coccole-al-neonato-3789362240[3741]x[1558]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

L’importanza del contatto corporeo tra mamma e bambino attraverso i massaggi e le coccole

Coccole e massaggi ai neonati

“La magia ultima dell’attaccamento è il contatto fisico. E questa magia passa attraverso la pelle”. Stern, 1990

Una carezza è sempre una fonte di piacere a qualsiasi età. Oltre a svolgere una funzione cruciale nei processi legati alla sopravvivenza (fame, sete, sonno) e al legame, per i quali i piccoli manifestano sensazioni di ansia e paura nei momenti di pericolo, le carezze influenzano profondamente lo sviluppo dei circuiti neuronali e permettono la maturazione di determinate aree cerebrali mediatrici dei processi mentali quali la memoria, la narrativa autobiografica, le emozioni, le rappresentazioni e gli stati della mente.

È durante i primi mesi di vita che il neonato sviluppa il legame con le figure principali di accudimento. Le relazioni di attaccamento “sicure”, cioè quelle in cui i genitori riescono a rispondere pienamente alle esigenze dell’infante, agevolano lo sviluppo di regolatori emotivi (Siegel, 1999) a differenza dell’attaccamento insicuro o ambivalente che pone in difficoltà questo processo.

Mary Main (1996) ha riassunto nei seguenti princìpi i punti fondamentali di tale processo:

  • Le prime relazioni di attaccamento si formano in genere entro il settimo mese di vita
  • Quasi tutti i bambini sviluppano i processi di attaccamento
  • Le relazioni di attaccamento si stabiliscono solo nei confronti di un numero limitato di persone
  • Questi attaccamenti selettivi derivano da interazioni sociali con le figure di riferimento
  • Tali relazioni hanno effetti specifici sull’organizzazione dei comportamenti e delle funzioni cerebrali del bambino

Ma come si può facilitare il processo di attaccamento e di sicurezza?

Berne (1972) a tal proposito parla di “carezze” come riconoscimento sociale e come necessità di ognuno di soddisfare il bisogno legato all’affettività. Le carezze possono essere di diverso tipo e comunque espresse attraverso i sensi quindi proposte sotto forma di stimolazioni corporee:

  • Le stimolazioni uditive vengono agevolate tramite una ninna nanna, una dolce musica, una voce familiare che bisbiglia all’orecchio
  • Le stimolazioni visive si propongono attraverso i colori, gli oggetti che possono attirare attenzione, le figure interessanti
  • Le stimolazioni tattili avvengono con il cambio del pannolino, l’allattamento al seno, un peluche o bambolotto morbido, una coperta
  • Le stimolazioni olfattive sollecitate grazie alla percezione del profumo della mamma o un odore che può piacere.

Lo stimolo fisico, quindi, rappresenta una modalità di comunicazione tra la mamma ed il neonato e permette di soddisfare una necessità implicita in ogni essere vivente: quella di avere la certezza di esistere. Anche la genitrice è agevolata poiché il massaggio permette una maggiore conoscenza dei bisogni e degli aspetti del piccolo, le caratteristiche di quest’ultimo tendono, pertanto, ad adeguarsi in modalità più positiva alla realtà proprio perché il contatto con la figura di accudimento è più soddisfacente (De Stasio, 2009).

Oltre alle attenzioni specifiche e la cura in risposta ai bisogni del neonato, il contatto corporeo rappresenta una delle modalità di rilievo per agevolare i rapporti sociali, le emozioni, l’intimità e la sicurezza. Il cambio del pannolino può essere un momento di scambio energetico e di coccola specifica. Attraverso l’uso di oli o semplicemente con le carezze in zone del corpo quali gambe, braccia, spalle, piedi e viso.

Le varie ricerche documentano che la stimolazione tattile è necessaria per l’attivazione e lo sviluppo di vari sistemi fisiologici ed è fondamentale per lo sviluppo di sane relazioni sociali (Bowlby 1972, Harloe e Zimmerman 1958, Montagu 1981) e può essere più semplice da effettuare se avviene in un momento specifico di rilassamento reciproco così da favorire la cura del bambino e la possibilità di rilassarlo prima del bagnetto o del sonno, cioè durante la fase di cambio del pannolino.

Quali sono gli effetti del massaggio sul neonato e sulla relazione?

Innanzitutto: aumenta la soddisfazione materna e il miglioramento del tono dell’umore permette di prevenire la depressione post partum o comunque di favorire lo scambio tra madre e figlio carente nel momento in cui tale disagio si manifesta.

Inoltre:

  • Calma il bambino
  • Migliora il sonno
  • Seda il nervosismo agevolando la socievolezza
  • Migliora la salute fisica del bambino
  • Permette un riequilibrio energetico ed emozionale
  • Migliora la circolazione sanguigna e linfatica
  • Idrata la pelle e bonifica i muscoli
  • Migliora le funzioni organiche in casi di diarrea o stitichezza o coliche gassose
  • Permette di superare possibili ed eventuali traumi emotivi

Che tipi di massaggi si possono effettuare?

In realtà ce ne sono tanti, ma tra quelli più diffusi ritroviamo:

  • Lo Shantala che è un massaggio indiano. Nasce nella regione del Kerala a sud dell’India ed ha lo scopo di agevolare il passaggio dalla vita intra a quella extrauterina mantenendo il contatto corporeo e favorendo la sensazione di benessere e rilassamento.
  • Il Tuina è tipico cinese e stimola specifici punti del corpo per attivare l’energia attraverso il sistema linfatico e circolatorio poiché trae spunto dall’agopuntura.
  • L’Infant massage nasce negli Stati Uniti ed è una via di mezzo tra il massaggio indiano e quello svedese. È utilizzato per alleviare alcuni disturbi tipici dei primi mesi di vita quali le coliche gassose, la crescita dei denti e per facilitare lo scambio emotivo tra i genitori e il piccolo.

Il momento del cambio del pannolino, a volte difficoltoso o denso di tensione, se associato alle coccole o ai massaggi diviene molto più piacevole e viene atteso maggiormente dai più piccoli

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0