gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

L'importanza della lettura fin da piccoli

/pictures/20150323/l-importanza-della-lettura-fin-da-piccoli-788707917[2716]x[1131]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

La pedagogista ci parla dell'importanza della lettura fin da piccoli e dei vantaggi che porta con sé l'abitudine a leggere

Importanza della lettura per i bambini

Spesso si parla di quanto sia importante che i bambini familiarizzino con la lettura fin da piccoli, che si abituino cioè ad ascoltare le storie che noi leggiamo per loro e poi, con il passare degli anni, ad imparare a leggere autonomamente. Ma quali sono davvero i vantaggi che porta con sè l'abitudine a "leggere" fin da piccoli?

Vantaggi cognitivi

In primo luogo la lettura è da considerarsi una vera e propria palestra in cui si può "allenare" la nostra mente. Il leggere abitua i bambini a pensare a realtà possibili e diverse dalla propria, a provare ad anticipare con l'immaginazione quello che succederà, ad esercitare la propria capacità di problem solving nel momento in cui, mettendosi nei panni dei protagonisti, provano a pensare a cosa potrebbero fare per cercare di risolvere i loro problemi. In questo senso si può dire che la lettura stimola la fantasia dei nostri bambini e allarga il loro orizzonte di pensiero.

Come invogliare i bambini alla lettura?

Inoltre fornisce al bambino parole nuove che lui può apprendere per esprimere sempre meglio ciò che vuole dire, promuove cioè quello che si definisce un ampliamento lessicale: il lettore accresce ogni volta il proprio dizionario personale, introducendo nel proprio bagaglio vocaboli nuovi che non conosceva, più ricercati e più appropriati per descrivere i propri pensieri. Dando un nome ai propri concetti il bambino li rafforza anche nella propria mente, ne dà un significato più chiaro e permanente, li fa più "suoi", li riconosce ed è pronto a identificarli nelle esperienze di vita future. E questo è vero anche per quanto riguarda le emozioni (per es. se un bambino legge in un libro che un protagonista è "amareggiato" perchè è deluso dal comportamento di qualcuno, riuscirà a dare un nome a quella emozione che lui stesso ha provato altre volte ma che non aveva individuato chiaramente e, ogni volta che la risperimenterà , la riconoscerà e potrà comunicarla agli altri e perchè no, averne anche meno paura).

Vantaggi emotivi

In questo senso dunque la lettura ha anche una funzione molto importante sul piano emotivo in quanto, ampliando i concetti e i vocaboli che il lettore ha a disposizione, amplia anche il ventaglio delle emozioni che lui può riconoscere: il bambino darà un nome alle emozioni che provano i protagonisti dei libri e quindi successivamnte anche alle proprie. E' proprio attraverso la lettura che si può parlare ai bambini di emozioni "difficili" sia da comprendere sia da accettare: le storie dei protagonisti infatti permettono di trattare di stati d'animo particolari anche molto intensi e in alcuni casi dolorosi; i personaggi in questo senso fungono un po' da "filtro" in quanto sarebbe probabilmente troppo "forte" parlare al bambino di alcune tematiche in maniera diretta (per es. morte, abbandono, solitudine ecc.) e lo si fa attraverso le loro storie.

Sempre a questo proposito il testo scritto può avere la funzione di "preparare" il bambino ad una determinata situazione sconosciuta e magari in alcuni anche per certi aspetti sgradevole: in questo senso vengono scritte anche delle vere e proprie "storie sociali" utili per tutti i bambini ma anche fondamentali per esempio per i bambini con disturbi autistici, che preparano il lettore a ciò che dovrà andare a vivere, anticipando i passaggi di ciò che avverrà e descrivendo tutto quello che succederà (banalmente per es. ci sono storie che raccontano di una visita dal dottore o dal dentista, del primo giorno di scuola, di una gita lontano da casa...). Inoltre la lettura, abituando il bambino ad assumere il punto di vista dei protagonisti non solo nelle azioni che compiono ma anche nelle emozioni che provano, stimolerà la cosiddetta empatia, ovvero la capacità di mettersi nei panni dell'altro e di comprendere ciò che sente e ciò che prova: essa è alla base di qualsiasi relazione.

Vantaggi relazionali

Lo stimolare la capacità di empatia ha infatti delle importantissime ricadute sul piano relazionale: io agisco nei confronti degli altri in quanto so ipotizzare quello che stanno provando e pensando e riesco anche a prevederne i comportamenti. L'assenza di empatia o la carenza di empatia, non mi permette uno scambio relazionale efficace e rende l'altro ai miei occhi indecifrabile e quindi imprevedibile. Dal punto di vista relazionale è fondamentale anche lo scambio che si crea tra chi legge e chi ascolta. Per questo motivo è importante continuare a leggere storie ai nostri bambini anche quando sono in grado di farlo da soli: non solo perchè possiamo "indirizzare" le loro letture verso ciò che per noi è utile e preferibile dal punto di vista del contenuto, ma perchè andiamo a rafforzare la relazione con loro, stimolando il dialogo, il confronto, lo scambio affettivo: questo sarà possibile se non ci limiteremo a fare una lettura pedissequa e mono-tono del libro, ma faremo piuttosto trapelare la nostra partecipazione emotiva a quello che stiamo leggendo, interpretando e magari "recitando" un po', commentando, proponendo domande al nostro attento ascolatatore, e perchè no, fermandoci per un abbrraccio, un bacio e una carezza rassicurante e/o di complicità.

Questa è una meravigliosa opportunità che offre la lettura cosiddetta "condivisa", ovvero la lettura "a due" in cui c'è chi legge e chi ascolta: non è detto che necessariamente il lettore debba essere l'adulto e l'ascoltatore il bambino, può essere divertente anche scambiarsi i ruoli una volta che i bimbi sono diventati più grandicelli. Al di là infatti di tutti questi vantaggi che la lettura e la lettura condivisa possono dare, è importante che il bambino le viva sempre come un'esperienza piacevole: se il bambino ne avrà un ricordo positivo si accosterà con grande interesse ai libri nel corso di tutta la sua vita. E in ogni caso avrà la possibilità di godere nel presente di momenti in cui leggere sarà prima di tutto un piacere e una gioia da poter anche condividere con chi ama.

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0