gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

Il teatro delle parole

Per imparare i bambini hanno bisogno di un ambiente che fornisca loro i giusti stimoli e la libertà di sperimentare, attraverso il gioco, divertendosi

di Jessica Cancila

S'impara soltanto divertendosi
(Anatole France)

Per crescere bene, i bambini hanno bisogno di un ambiente in cui sentirsi amati, accolti e protetti. E per imparare? Per imparare, hanno bisogno di un ambiente che fornisca loro i giusti stimoli e la libertà di divertirsi e sperimentare, attraverso il gioco, divertendosi. In questa rubrica proveremo insieme a mettere in scena le parole.  Un attore riesce a dire la stessa parola in molti modi diversi, cambiando il tono, la mimica, le pause. Quanti modi esistono di dire la stessa cosa? E perchè esistono così tanti modi? Cercheremo di trovare di volta in volta delle risposte. La lingua, infatti, è un mondo tutto da scoprire: fa così intimamente parte di noi che spesso la sua importanza e la sua ricchezza ci sfuggono. Giocare con le parole serve ai bambini per impadronirsene: le parole si possono alluuuuuungaaaare, sussurrare, sbri-cio-la-re. Con le parole si può inventare una poesia, esprimere un desiderio, invitare un nuovo amico a giocare. Mettere in scena dei giochi con le parole permette ai bambini di arricchire le loro competenze comunicative e, di conseguenza, rafforza in loro la capacità di relazione (LEGGI) e la possibilità di muoversi in autonomia, con sicurezza e flessibilità anche fuori dall'ambiente familiare.



Parlare, infatti, significa sapere i nomi delle cose, ma soprattutto significa essere in grado di usare le parole per interagire con gli altri. Il bambino che riesce a far capire le proprie intenzioni nel modo giusto, avrà più sicurezza nel relazionarsi con gli altri e saprà anche interpretare meglio le intenzioni degli altri. Vedremo poi che per i bambini sviluppare un senso di consapevolezza e curiosità verso la propria lingua e le altre lingue, sviluppare cioè la consapevolezza metalinguistica,  lo aiuterà anche nell'apprendimento scolastico e delle altre lingue (LEGGI)).


LEGGI ANCHE: Saper leggere con la terapia metacognitiva



Molti studiosi invitano da tempo anche la scuola e gli insegnanti a potenziare le capacità espressive nei bambini e nei ragazzi, per accrescere in loro la coscienza della complessità degli usi orali della lingua e delle sue trasformazioni in  usi linguistici che diventano via via più complessi, dalla famiglia, alla scuola, all'università, al mondo del lavoro.  Le attività che di volta in volta ci inventeremo aiuteranno i bambini e i ragazzi ad potenziare le loro abilità linguistiche e comunicative attraverso il gioco e la relazione con gli altri, perché “occorre muovere dal vissuto, non dall'insegnamento della grammatica esplicita, formale, ma dall'esperienza” (T. De Mauro).


LEGGI ANCHE: A quattro anni usa un linguaggio infantile


Riassumo le non-regole generali del nostro gioco. Alla fine dell'articolo potete trovare alcuni consigli di lettura. Vi saluto e vi aspetto la prossima settimana con le prime attività da fare insieme!

Cosa
Giochiamo a....  conoscere la lingua, conoscere le lingue.
Chi
Bambini di tutte le età, con i loro genitori, nonni, amici, familiari, tate e insegnanti.
Dove
Ovunque. Ovunque abbiate voglia di giocare, ovunque nasca un’occasione per giocare con le parole.
Perché
Perché i bambini possano divertirsi con le lingue, imparando a conoscerle e ad usarle nelle diverse situazioni. Perché la curiosità verso la propria lingua e le altre lingue diventi curiosità anche verso il pensiero e verso tutte le culture.
Come
•    I bambini vengono coinvolti, in base all'età, nelle fasi di ideazione e preparazione delle attività.
•    Il gioco è un momento in cui i bambini devono essere liberi di sperimentare, quindi le non-regole saranno sempre poche e modificabili, in modo da personalizzare il gioco il più possibile.
•    Le attività proposte servono come spunto per attivare nei bambini la curiosità su come funzionano, come si usano nelle diverse situazioni e quali sono le lingue. In un certo senso, i giochi proposti avranno un inizio ma non una fine: potrete prendere lo spunto per poi inventare con i bambini tante altre varianti del gioco.

Letture:

Un libro per bambini Come comunichiamo?
Testo di Silvana Brunelli
Illustrazioni di Walter Girolamo Codato
Orizzonti, 1999
Un libro per adulti Parlare l’italiano
Come usare bene la nostra lingua
di Edoardo Lombardi Vallauri
Il Mulino, 1999
gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0