gpt skin_web-bambino-0
gpt strip1_generica-bambino
gpt strip1_gpt-bambino-0
1 5

I bambini ci osservano e imparano da quel che vivono

/pictures/20160502/i-bambini-imparano-quello-che-vivono-572567540[1652]x[689]780x325.jpeg
gpt native-top-foglia-bambino

Abbiamo preso spunto dalla famosa poesia di Dorothy L. Nolte, “I bambini imparano quello che vivono” per darvi alcuni suggerimenti sull’educazione dei bambini

I bambini imparano quello che vivono

Seguendo alcuni consigli che prendono spunto dalla famosa poesia di Dorothy L. Nolte, “I bambini imparano quello che vivono”, ormai diventata un classico letterario, possiamo aiutare i nostri figli ad essere più determinati, docili, giusti e socievoli. Impresa ardua? Abbiate fede…

Partiamo da un assunto di base: la serenità e la gioia di vivere si sviluppano fin da quando il piccolo è nella culla, grazie all’affetto e all’esempio genitoriale, ed ovviamente crescere in un ambiente amorevole aiuta a formare il carattere di un bambino, ma la capacità di essere di supporto per i propri figli va fortificata giorno per giorno, in modo da far scattare nei propri pargoli la fiducia in se stessi, apprezzandone i successi e abituandoli ad accettare le sconfitte.

gpt native-middle-foglia-bambino

È chiaro, poi, che l’atmosfera gioca un ruolo fondamentale. Certo, l’ideale sarebbe allevare un bambino in una famiglia in cui si respira tranquillità e armonia, ma non tutte le ciambelle vengono con il buco…

Però, cari mamma e papà, al di là dello stress, delle preoccupazioni e dei litigi, ricordatevi che la felicità è contagiosa: un bambino che cresce in una famiglia carica di ottimismo, avrà sicuramente buone probabilità di sviluppare un atteggiamento più gioioso, più propositivo nei confronti della vita. Un altro elemento da considerare è che sin dalla prima infanzia, occorre leggere nei gesti e negli atteggiamenti dei propri figli le tracce del benessere, perché è fondamentale riconoscere le inclinazioni dei propri cuccioli fin dalla tenera età, per capirne gusti, inclinazioni e desideri

È normale sognare un futuro brillante per i propri figli, ma non è detto che debbano per forza seguire le orme dei genitori in campo sportivo o professionale, ad esempio. È inutile pretendere di allenare un campione di calcio, se vostro figlio ama il nuoto. Bisogna ricordarsi di non forzare i loro istinti e di piegarli al proprio volere, perché potreste far sorgere complessi e insicurezze difficili da superare persino in età adulta. Le doti vanno sempre incoraggiate, mai represse. Pazienza se non continuerà la tradizione di famiglia e da grande non farà l’avvocato: è meglio avere un figlio felice, che depresso.

Inoltre, tenete bene a mente che i genitori sono uno specchio nel quale i bambini si riflettono: è per questo che emulano atteggiamenti ed espressioni. Quindi, cari mamma e papà, cercate di mostrarvi equilibrati nelle scelte da affrontare, e tentate di risolvere i problemi con serenità, e se proprio dovete, arrabbiatevi, ma non diventate isterici. Grida e urla non fanno mai bene: incutono solo terrore e inculcano il senso della violenza. È normale perdere un po’ le staffe, ogni tanto, ma riprendere il controllo è segno di grande maturità.

Le frasi più famose di Maria Montessori sull'educazione

I bambini ci osservano. Quindi cercate di essere un buon esempio per vostro figlio. E poi, non dimenticatevi che la curiosità è essenziale per la crescita, anche se il timore che ogni esperienza si trasformi in un pericolo è insito in voi. Di conseguenza, dosate attentamente concessioni e divieti, tarandoli sulle capacità effettive del vostro bimbo: sarà un vero toccasana per la sua autostima. Far maturare i propri figli significa anche aiutarli a comprendere ciò che gli è permesso e ciò che gli è proibito. Un bambino felice non è quello lasciato libero di fare qualsiasi cosa: è quello che viene aiutato a capire il bene dal male, il giusto dall’errore. E se proprio siete ai ferri corti, allora fate vostre le parole della scrittrice e consulente familiare Dorothy Law Nolte, per migliorare il rapporto con il vostro bambino: troverete in questo semplice esposto delle vere perle di saggezza, e valgono anche per gli adulti

Se i bambini vivono con le critiche, imparano a condannare.

Se i bambini vivono con l’ostilità, imparano a combattere.

Se i bambini vivono con la paura, imparano a essere apprensivi.

Se i bambini vivono con la pietà, imparano a commiserarsi.

Se i bambini vivono con il ridicolo, imparano a essere timidi.

Se i bambini vivono con la gelosia, imparano a provare invidia.

Se i bambini vivono con la vergogna, imparano a sentirsi colpevoli.

Se i bambini vivono con l’incoraggiamento, imparano a essere sicuri di sé.

Se i bambini vivono con la tolleranza, imparano a essere pazienti.

Se i bambini vivono con la lode, imparano ad apprezzare.

Se i bambini vivono con l’accettazione, imparano ad amare.

Se i bambini vivono con l’approvazione, imparano a piacersi.

Se i bambini vivono con il riconoscimento, imparano che è bene avere un obiettivo.

Se i bambini vivono con la condivisione, imparano a essere generosi.

Se i bambini vivono con l’onestà, imparano a essere sinceri.

Se i bambini vivono con la correttezza, imparano cos’è la giustizia.

Se i bambini vivono con la gentilezza e la considerazione, imparano il rispetto.

Se i bambini vivono con la sicurezza, imparano ad avere fiducia in se stessi e nel prossimo.

Se i bambini vivono con la benevolenza, imparano che il mondo è un bel posto in cui vivere

gpt native-bottom-foglia-bambino
gpt inread-bambino-0
Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti. Disclaimer»
gpt skin_mobile-bambino-0